Maggio 16, 2022

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Questo il calendario per la rivalutazione dei benefici nel 2022

Rivalutazione degli aiuti e dei minimi sociali per il nuovo anno

Come ogni anno, le prestazioni sociali, gli aiuti e il minimo sociale hanno diritto alla rivalutazione. Ciò consente alle persone che beneficiano di queste misure di seguire il percorso dell’inflazione. Almeno nell’idea. Ne discuteremo più dettagliatamente nel prossimo capitolo.

Le rivalutazioni non avvengono contemporaneamente. Sono confusi tra gennaio e ottobre. Ogni servizio ha la sua esatta cronologia di ridimensionamento, consentendo a tutti di orientarsi più facilmente. Con la crisi sanitaria associata a COVID-19, questo aumento dei prezzi è particolarmente atteso. In effetti, l’economia ha subito un duro colpo ultimamente e può sembrare difficile per le famiglie più umili mantenere la testa sul livello del mare. Questo il calendario delle grandi rivalutazioni per il 2022.

Salario minimo di crescita (SMIC): primo aumento

Il salario minimo di crescita, o SMIC, è una rete di sicurezza per i lavoratori. In teoria, è vietato pagare un dipendente inferiore a questa retribuzione oraria. Molti francesi lavorano per questo minimo sociale o guadagnano salari appena più alti. Pertanto, una rivalutazione del salario minimo porta a una rivalutazione di molti stipendi ad esso associati. A partire dal 1 gennaio 2022. Il salario minimo è ora di € 10,57 l’ora, rispetto ai € 10,48 dell’anno scorso, con un aumento dello 0,9%.

L’assegno di solidarietà per gli anziani (ASPA) e l’assegno giornaliero per i caregiver (AJPA), entrambi indicizzati al salario minimo, sono aumentati dell’1,1%, a 58,59 euro.

Livret A: Cambio il 1 febbraio

Vivere a lungo era un buon modo per far crescere i propri risparmi, senza rischiare troppo. Tuttavia, il tasso di questo è troppo basso per interessare la maggior parte dei francesi. Nel 2020, la sua paga era dello 0,50%, il che significa che non viene menzionato assolutamente nulla. Quest’anno la brochure sta subendo una buona rivalutazione, raggiungendo l’1% della retribuzione. Sono ancora pochi, ma è ancora il doppio di quello di una volta!

Rivalutazione delle prestazioni familiari il 1° aprile

Milioni di francesi attendono con impazienza una rivalutazione delle prestazioni familiari. Gli assegni familiari, l’indennità per disabili per adulti (AAH), l’indennità di solidarietà definita (ASP), la pensione di invalidità, il bonus per attività o la libera scelta del supplemento per l’assistenza all’infanzia e del bonus alla nascita beneficiano tutti delle nuove metriche riviste al rialzo. Questi non sono stati ancora resi noti ma saranno indicizzati per l’inflazione.

Indennità di disoccupazione il 1° luglio

Quanto all’indennità di disoccupazione, è il doppio o niente! Questi non sono necessariamente indicizzati per l’inflazione. Non sappiamo ancora quale sarà l’esito delle deliberazioni di quest’anno. Una rivalutazione delle indennità di disoccupazione è prevista per giugno durante il consiglio di amministrazione di Unédic. Lui segue…

Aumentare il valore dell’assistenza abitativa il primo ottobre

Tutto sale, anche l’affitto! Per le famiglie più umili, questo può essere un vero mal di testa che termina con l’irrigidimento della cintura. Come ogni anno, una rivalutazione dell’assistenza abitativa consentirà ai beneficiari di mantenere la testa fuori dall’acqua. L’indennità di alloggio personale (APL), l’indennità di alloggio familiare e l’indennità di alloggio sociale non si basano sull’inflazione, ma sull’indice di riferimento dell’affitto o IRL. Questo indicatore evidenzia i prezzi medi e la loro evoluzione rispetto all’anno precedente. Tuttavia, sarà necessario attendere ancora un po’ prima di vedere una rivalutazione di questo aiuto.

Rivalutazione della pensione integrativa il 1 novembre

L’ultima rivalutazione di quest’anno è per Pensionamento integrativo Ex dipendenti del settore privato. Objeko te ne ha parlato poco fa. Nel 2021 era solo l’1%, che è ben al di sotto dell’inflazione. Questo, ovviamente, ha irritato i beneficiari. Quindi sapremo a novembre se quest’anno l’integrazione pensionistica è stata posticipata o meno.

Voto superiore all’inflazione?

Secondo i nostri colleghi di Le Monde, il tasso di inflazione nell’eurozona ha raggiunto il massimo storico del 5% in un anno. Concretamente, questo significa che gli europei stanno perdendo potere d’acquisto. L’unico modo per mantenere lo stesso tenore di vita è avere un uguale aumento del reddito. Ammettiamolo, non sarà così.

Naturalmente, questo aumento dei prezzi è in gran parte dovuto alla crisi sanitaria, che ha portato a una crisi economica. Nel 2022 e nel 2023 molte famiglie dovranno sicuramente stringere la cinghia. Restiamo tutti positivi, con la speranza che il prossimo aggiornamento delle metriche ci riporti tutti in piedi!


READ  Le recensioni degli analisti: LVMH, Kering, Hermès, Thalès, Air Liquide, Carrefour, Renault, Alstom, Sodexo, Axa, Legrand, Icade, Recommandations Analyst