Gennaio 22, 2022

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Questi ricercatori sono prolifici | Agenzia di stampa scientifica

In un campione di 5 milioni di ricerche analizzate dalla farmacologa Clara Loescher e dal suo team, abbiamo notato che quando un autore si descrive improvvisamente come “prolifico”, fa anche parte della redazione della rivista, dove viene pubblicata nel 61% dei casi. Il tempo medio per accettare i suoi articoli era di tre settimane, un lasso di tempo estremamente breve nell’ecosistema scientifico. Il campione ha coperto il periodo 2015-2019. Analisi Pubblicato il 23 novembre su Open Access Magazine Biblioteca Pubblica di Biologia.

A proposito, è stato menzionato un nome famoso: Didier Raoult. Firma o cofirma 235 dei 728 articoli pubblicati sulla rivista Nuovi microbi, nuove infezioni. E sebbene non fosse un membro del comitato di redazione, sette dei suoi dipendenti all’Istituto ospedaliero universitario di Marsiglia lo erano.

Il termine “prolifico” si riferisce a una metrica che questi ricercatori ritengono possa essere utile in futuro e che chiamano la “percentuale di articoli di autori più produttivi”. Consiste nel vedere quale firma in un particolare giornale compare più spesso. Un’altra misura, la scala utilizzata in econometria, chiamata coefficiente di Gini, utilizzata per misurare la distribuzione ineguale del reddito in una popolazione, è stata utilizzata per misurare la “distribuzione ineguale” delle pubblicazioni tra un piccolo numero di autori.

Un’importante limitazione del loro studio è che un “autore prolifico” può effettivamente essere un editore, che firma non articoli ma un editoriale per ogni numero, o un giornalista che firma alcuni servizi ogni mese. Ma è relativamente facile analizzare le firme una per una per fare questa distinzione.

Nella maggior parte delle 5.468 riviste biomediche in cui sono apparsi questi 5 milioni di articoli, gli autori sono stati distribuiti in un modo che non ha attirato l’attenzione. Un autore insolitamente prolifico è apparso in più di 400 di queste riviste, e in questi casi si stima che quasi i due terzi di queste riviste siano strettamente imparentate con lo staff editoriale.

READ  Lo strano comportamento di un metallo superconduttore alle alte temperature

Oltre a combattere i favoritismi nelle pubblicazioni scientifiche e al di fuori dell’ambito della divulgazione delle ricerche pubblicate troppo rapidamente, regolamentare l’uso di tali misure può contribuire ad aumentare la trasparenza nell’editoria scientifica, e la difesa di questi ricercatori dall’ Università di Rennes, Francia, e la loro colleghi di tre paesi.