Luglio 24, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Questa testimonianza mostra l’orrore delle donne private dell’aborto

Questa testimonianza mostra l’orrore delle donne private dell’aborto

Stati Uniti – Costretti a vivere all’inferno a causa della legge. Due anni fa, il 24 giugno 2022, gli Stati Uniti rimasero scioccati dall’abrogazione del diritto federale all’aborto decisa dalla Corte Suprema degli Stati Uniti. Poiché questa decisione ha dato completa libertà di legiferare in questo settore, una ventina di stati hanno vietato o limitato severamente l’accesso all’aborto.

In occasione di questo triste anniversario, France 5 trasmette domenica 23 giugno alle 21,05 il documentario “L’aborto negli Stati Uniti: la grande divisione”, che scava nella società civile americana e mostra la lotta delle donne che vogliono una aborto. Hai un aborto spontaneo. Ma anche l’impegno di medici e operatori sanitari in prima linea per aiutarli, ai limiti della… Paesi religiosi » Dove è scomparso l’accesso all’aborto. Anche se ciò significa mettere in pericolo la propria vita.

Rapporto – incl L’Huff Post Shrek- Si verifica in diversi stati, come il Texas che ha una delle leggi più restrittive del paese, e il Colorado e l’Illinois dove l’aborto rimane legale. Scopriamo che le donne incinte vogliono abortire e sono intrappolate nella legislazione, cercando di ottenere cure in un paese liberale. Quando hanno abbastanza soldi per permetterselo, il che non è il caso di tutti. A volte non hanno altra scelta se non quella di portare a termine la gravidanza, anche se ciò significa essere vicini alla morte o subire un trauma psicologico.

READ  Prima dell'annuncio, due mesi di pericolose comunicazioni da parte della Corona britannica

Dover aspettare che la sepsi finisca finché non puoi ricevere aiuto

Questo è il caso di Elizabeth Wheeler, che potete vedere La testimonianza è nel video in apertura all’articolo, un estratto esclusivo del rapporto France 5, che vive in Texas, a Houston, è rimasta incinta all’inizio del 2022 prima che le si rompessero le acque alla 18a settimana, condannando la sua gravidanza. Mentre le viene detto che le possibilità di sopravvivenza del suo feto sono quasi inesistenti, le viene anche detto che i medici dell’ospedale non potranno toccarla a causa della legge in vigore nel Texas.

Tuttavia, a maggio 2022, la Corte Suprema non aveva ancora preso la sua fatidica decisione. Ma un’altra legge, adottata nel settembre 2021, era già in vigore: la “ Legge sul battito cardiaco “O” SB8 », che previene qualsiasi aborto finché il polso è rilevabile, cioè intorno alla sesta settimana di gravidanza. A meno che la madre non sia in serio pericolo.

Bloccata, Elizabeth Wheeler non ha davvero scelta: poiché il suo feto è vivo, deve lasciare che la gravidanza faccia il suo corso, sapendo che in assenza di liquido amniotico ha un’altissima probabilità di contrarre un’infezione potenzialmente fatale. “ Il medico mi ha detto che l’unico modo per ricevere aiuto è tornare abbastanza malato, ad esempio quando ho la sepsi. “, ha spiegato a un giornalista di France 5. Le è stato anche detto che avrebbe dovuto aspettare la comparsa di segni clinici specifici: febbre di almeno 40 gradi Celsius e soprattutto nauseanti secrezioni giallo brillante.” Per farti vomitare ».

È stata costretta a guardare il figlio detenuto morire tra le sue braccia

I sintomi finalmente arrivarono dopo diversi giorni di terribile attesa con il marito. ” Ci siamo abbracciati e abbiamo detto:grazie grazieÈ stato un momento di giubilo e di festa, ma è stato anche il momento più terribile della nostra vita », dice piangendo la giovane. Alla fine riuscì ad abortire dopo pochi giorni… ma solo quando il cuore del feto smise di battere.

READ  Otto guardie sono sospettate di "omicidio", dopo la morte di 39 migranti in un centro di detenzione

Nel 2023, lei e altre cinque donne hanno fatto causa allo stato del Texas per annullare la legge SB8 che metteva in pericolo la sua vita. Una di loro è Samantha, che può essere vista nel documentario mentre testimonia sul banco dei testimoni durante l’udienza. Inoltre ha dovuto portare avanti la gravidanza nonostante il feto avesse una deformità cranica che non gli dava alcuna possibilità di sopravvivenza.

Non avendo soldi per viaggiare in un paese liberale, fu costretta a dare alla luce una bambina che morì tra le sue braccia quattro ore dopo. Mentre racconta la sua testimonianza, la giovane sul banco dei testimoni vomita, perché lo shock è ancora troppo forte.

Mantenere l’accesso all’aborto, a volte a rischio della vita degli operatori sanitari

Anche un’altra donna è stata chiamata a testimoniare durante questo processo, ma questa volta come ginecologa, per sostenere l’aspetto disumano della legge. Intervenendo a France 5, Damla Karsan ha denunciato la zona grigia dell’eccezione medica che fa sì che gli operatori sanitari abbiano paura di intervenire per ottenere cure. Perché in caso di aborto clandestino le pene sono molto severe: 99 anni di carcere, perdita del diritto all’esercizio della professione medica e 100mila euro di multa.

La spada di Damocle che impedisce a operatori sanitari e clinici di agire, anche a volte in casi drammatici. ” So che ci sono delle morti, è solo questione di tempo prima che vengano alla luce “, ha confermato Damla Karsan.

Nei paesi liberali, anche se l’aborto è ancora legale, la situazione resta complessa. Perché le cliniche che praticano aborti devono subire le azioni di fanatici attivisti “pro-vita”. È il caso di Warren Hearn, un ostetrico-ginecologo del Colorado. La sua clinica, che era già bersaglio di una grandinata di proiettili, aveva finestre blindate e porte d’equilibrio di sicurezza. Il suo ragazzo, il dottor George Tiller, è stato assassinato nel 2009 dopo diversi tentativi di omicidio perché eseguiva aborti terapeutici.

READ  le récit douteux de Marianna, la femme enceinte de la maternité de Marioupol

Nonostante tutto, e anche se sa che la sua vita è in pericolo, Warren Hearn mantiene la sua clinica aperta per qualsiasi donna proveniente dal Colorado o da un altro stato in cerca di aiuto. È lo scenario che oggi i sostenitori dell’aborto in Texas vogliono vietare Prevenendo le donne incinte Per prendere la strada maestra.

Vedi anche su L’Huff Post: