Luglio 23, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Proposte del partito per ridurre i prezzi del carburante

Proposte del partito per ridurre i prezzi del carburante

I prezzi del carburante in Francia dipendono dai prezzi del petrolio sui mercati globali. Negli ultimi mesi, i prezzi dell’oro nero sono rimasti nella fascia alta, il che significa prezzi del carburante più alti in Francia. Da aprile i prezzi della benzina e del diesel hanno registrato una tendenza al ribasso, ma rimangono comunque a un livello elevato.

Molti automobilisti francesi ritengono che i prezzi del carburante siano troppo alti e chiedono misure per ridurli. Associazione 40 milioni di automobilisti Lo scorso maggio è stata lanciata una petizione per fissare un tetto massimo di prezzo a 1,5 euro al litro.

Anche la questione del prezzo dei carburanti occupa un posto centrale nei dibattiti e nelle discussioni in vista delle elezioni legislative previste per il 30 giugno e il 7 luglio. Elezioni anticipate da tre blocchi politici. Si tratta del Partito del Raduno Nazionale, del Nuovo Fronte della Sinistra e dell’attuale partito di maggioranza, il Partito Ennahda, che è il partito del Presidente della Repubblica.

Questi tre principali poli politici hanno preso posizione riguardo ai prezzi dei carburanti. RN promette di ridurre l’Iva dal 20 al 5,5%. Secondo questo partito, questa misura, con effetto immediato, consentirà di ridurre rapidamente i prezzi nelle stazioni di pompaggio. Tuttavia, va sottolineato che la Francia dipende dall’Unione Europea per quanto riguarda la tassazione del carburante.

Se il Fronte Nazionale otterrà la maggioranza alle elezioni legislative, dovrà lottare con i suoi partner europei per approvare la misura. Se la decisione verrà presa senza l’approvazione dell’Unione Europea, la Francia rischierà di essere sottoposta alle sanzioni di questo blocco politico ed economico. Va detto che questa misura costerà allo Stato 16 miliardi di euro, e l’Unione Europea ha già evidenziato il suo deficit.

READ  Il Senato trova il modo di ridurre del 40% la legge francese senza uscire dal sistema europeo.

Tagli IVA e blocco dei prezzi: come rendere il carburante più accessibile

Da parte sua, l’attuale maggioranza non presenta alcuna proposta su questo tema. Il clan del presidente Macron si accontenta di ricordare le misure adottate dopo la crisi sanitaria per aiutare i francesi, come i test sul carburante. La Lista del Presidente reagisce alle proposte degli altri blocchi, considerandole irrealistiche e “populiste”. Per la maggioranza uscente, la Francia nella situazione attuale non può permettersi di spendere più soldi.

La sinistra ritiene che i francesi soffrano di inflazione. Il Nuovo Fronte Popolare propone di congelare i prezzi dei beni di prima necessità, compreso il carburante, per decreto ed entro i primi quindici giorni del Consiglio Legislativo. Anche questa misura è considerata irrealistica da alcuni osservatori.

Bloccare i prezzi” Non lo vedo come possibile. La tua merce, il petrolio, continua a muoversi in una direzione o nell’altra. A quali prezzi blocchiamo? Non c’è risposta », commenta Francis Boss, Presidente Nazionale Stazioni di Servizio e Nuove Energie dell’Unione Professionale Elettrodomestici Mobili. In alternativa, si suggerisce di impostare un prezzo specifico. ” Quello che avevamo fino agli anni 80, e quello che abbiamo anche in Guadalupa, per esempio “, Lui dice.