Settembre 24, 2022

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Presto aiuti finanziari per gli utenti dei trasporti per far fronte all’inflazione?

Inserito mercoledì 21 settembre 2022 – 21:45

Il governo creerà un assegno per gli utenti giornalieri dei treni (Transiliens, TER …) per il prossimo anno, riferisce Le Parisien, mercoledì 21 settembre. L’aiuto riguarderà il più umile dei francesi.

Buone notizie per gli utenti dei trasporti pubblici? Il ramo esecutivo sta valutando l’aiuto, che sarà incorporato nella legge finanziaria 2023, secondo un rapporto di Le Parisien, mercoledì 21 settembre.

Agli utenti dei treni giornalieri (Transiliens, TER, ecc.) è possibile versare un assegno di 50 euro.

“Con un assegno, il beneficiario sa immediatamente a chi deve. E poi, se paghiamo denaro alle comunità per ridistribuirlo, c’è sempre il rischio di perdita”., spiega una fonte vicina al fascicolo, con un giornale. Una tale promozione si rivolgerebbe al più umile degli abbonati alle classi medie. “Tutto dipenderà dal fatto che ci fermiamo alla classe medio-bassa o alta, non tutto il giudizio è stato ancora fatto del tutto”Dettagli di questa fonte parigina. 50 euro “Potrebbe non sembrare molto. Ma si tratta di compensare il costo aggiuntivo associato all’inflazione, niente di più”.come dici.

I passeggeri del TGV non sono interessati dall’aiuto

Tuttavia, l’assegno non apparterrà ai passeggeri del TGV. “Ci rivolgiamo agli utenti di tutti i giorni. Nei TGV ci sono principalmente turisti e viaggiatori d’affari”Giustifica un’altra fonte del giornale. Questo nuovo aiuto che il governo prevede si inserisce in un contesto in cui il prezzo dei biglietti del treno potrebbe ancora salire. Con questo progetto, il governo vuole prendere il comando di fronte all’opposizione che potrebbe chiedere una riduzione dell’imposta sul valore aggiunto dal 10% al 5,5% sui trasporti. E questo, mentre la SNCF deve affrontare anche il contesto di una crisi energetica: l’aumento dei prezzi dell’elettricità dovrebbe comportare un costo aggiuntivo di quasi 2 miliardi di euro nel 2023, di cui circa la metà si occuperà di questi popolari treni giornalieri.

READ  Guillaume Pepy, futuro presidente d'Orpea