Novembre 27, 2022

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Presto abbastanza burro e panna?

Inserito mercoledì 31 agosto 2022 – 17:15

Quest’estate, la siccità che ha colpito la Francia ha avuto molte conseguenze. Tra questi, la riduzione della produzione di latte che fa temere una carenza di burro e panna, ha rivelato BFMTV mercoledì 31 agosto.

L’estate sta volgendo al termine, ma è probabile che le conseguenze della siccità influiscano sulla vita dei francesi.

A causa dell’aumento delle temperature, la produzione di latte è diminuita drasticamente, facendo temere la carenza di alcuni prodotti lattiero-caseari nelle prossime settimane, in particolare panna e burro, ha rivelato BFMTV mercoledì 31 agosto.

In effetti, i pascoli che avevano sofferto la siccità non potevano fornire cibo sufficiente per il bestiame. Quindi gli allevatori hanno dovuto immergersi nei loro stock per l’inverno. Inoltre, vari costi di produzione (mangimi, fertilizzanti e combustibili) sono aumentati, senza che l’aumento del prezzo del latte abbia compensato queste spese. Così alcuni allevatori hanno scelto di abbandonare molti animali, anche intere mandrie, anche se le mucche possono ancora dare il latte, spiega BFMTV. Quindi la quantità di latte disponibile è stata notevolmente ridotta, soprattutto perché le mucche producono meno durante un’ondata di caldo.

Le scorte di burro non sono mai state così basse.

Quindi la situazione è allarmante e ci si può aspettare una carenza. “La raccolta del latte in primavera consente solitamente la produzione e la formazione di grosse scorte per sopperire alla consueta mancanza di grasso nella seconda metà dell’anno.Un portavoce di Lactalis ha detto ai 60 milioni di consumatori della rivista. Le scorte di burro non erano molto basse all’inizio di questa seconda parte dell’anno. Quindi possiamo aspettarci un deficit molto forte”.

Meno pessimista il presidente della National Dairy Industry Federation, François-Xavier Howard: “Dovremmo parlare di scarsità piuttosto che di mancanza. Non rimarrai senza burro o panna, ma potrebbe non esserci la quantità e la varietà delle gamme come al solito”, ha detto a BFMTV. È preferibile associare il rischio di ammanchi al comportamento dei consumatori, che possono fare acquisti precauzionali e quindi svuotare gli scaffali. Come nel caso dell’olio di girasole, le cui bottiglie sono diventate una rarità nei supermercati a causa della guerra in Ucraina.

READ  Avec 1 607 projets recensés en 2021, les investissements étrangers sont au plus haut en France