Gennaio 20, 2022

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Perché ai bambini vengono risparmiate le forme gravi

Dall’inizio della pandemia di Covid-19, l’età è stata identificata come un importante fattore di rischio per lo sviluppo di una forma grave.

A differenza degli adulti, in particolare degli anziani, che sono molto suscettibili alle infezioni, i bambini di solito non presentano segni clinici di malattia (o solo sintomi lievi).

I ricercatori dell’Inserm e dell’Università di Angers hanno ipotizzato che i più giovani fossero protetti da una risposta immunitaria innata locale più forte nella mucosa faringea.

Ricorda che l’immunità innata è la risposta immediata che si verifica localmente nel punto di ingresso del patogeno. Questa è la prima barriera di difesa.

forte immunità

Quando le cellule vengono infettate da qualsiasi virus, producono rapidamente interferone di tipo I e III, che sono potenti molecole antivirali naturali. Interferone perché “interferisce” con la replicazione del virus e protegge le cellule vicine dall’infezione.

Quindi gli scienziati hanno analizzato i tamponi nasofaringei di 226 persone che sono venute per un test PCR all’Angers University Hospital da marzo 2020 a marzo 2021.

«Les enfants âgés de moins de 15 ans ont une expression accrue d’interférons de type III, molécules peu inflammatoires et d’action locale, qui contrôlent le virus localment au niveau de son point d’entrée, dansoph la mungéuse nas» ricercatori.

“Al contrario, gli adulti, soprattutto gli anziani, esprimono preferenzialmente l’interferone di tipo I, che è una sostanza infiammatoria e ha un’azione più sistemica (in tutto il corpo).”

Questi risultati aiutano a spiegare perché i bambini sono meno suscettibili alle forme critiche di Covid-19 rispetto agli adulti. L’interferone di tipo III, che agisce principalmente proteggendo l’epitelio localmente, può controllare l’infezione nel punto di ingresso, senza causare un’eccessiva infiammazione generalizzata, impedendo così di scivolare nella tempesta infiammatoria con la massiccia distruzione cellulare che vediamo nelle forme gravi”, ha sottolineato Pascal Genin (professore universitario e medico ospedaliero) e Dominique Queze (professore universitario) ad Angers, che hanno guidato questo lavoro.

READ  Carcassonne: Flag Festival, divertimento gratuito e avventura