Gennaio 20, 2022

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Per l’OMS, una dose di richiamo non è la soluzione miracolosa | CNEWS

Il capo dell’Organizzazione mondiale della sanità mercoledì ha messo in guardia contro l’illusione che una dose di richiamo sia sufficiente per far uscire la pandemia di COVID-19.

“Nessun paese sarà in grado di uscire dalla pandemia con dosi potenziate e i promemoria non sono un via libera per festeggiare come previsto”, ha affermato Tedros Adhanom Ghebreyesus, direttore generale dell’Organizzazione mondiale della sanità. Salute (OMS), durante una conferenza stampa a Ginevra, in Pochi giorni di Natale.

Il dottor Tedros ha sottolineato che “è più probabile che i programmi di richiamo casuali prolunghino, piuttosto che porre fine, l’epidemia, spostando le dosi disponibili verso paesi che hanno già alti tassi di vaccinazione, dando al virus maggiori opportunità di diffondersi e trasformarsi”. È stato inoltre necessario elaborare altre strategie in parallelo.

La dose di richiamo non è sufficiente

Per il direttore dell’Organizzazione mondiale della sanità, sono i non vaccinati che dovrebbero prendere in considerazione. “È importante ricordare che la stragrande maggioranza dei ricoveri e dei decessi sono persone che non sono state vaccinate e che non hanno ricevuto una dose di richiamo”, ha insistito.

Il dottor Tedros ha anche espresso il suo desiderio di rassicurazione di fronte all’arrivo di una nuova specie: “Dobbiamo essere molto chiari sul fatto che i vaccini rimangono efficaci contro le varianti delta come Omicron».

Secondo il gruppo di esperti dell’OMS sulla politica di immunizzazione (SAGE), almeno 126 paesi hanno già dato istruzioni per l’iniezione di una dose di richiamo o di un vaccino aggiuntivo (ad es. bambini) e 120 di loro hanno già avviato campagne in questa direzione.

La stragrande maggioranza sono paesi ricchi o a reddito medio, mentre “nessun paese povero ha ancora implementato un programma di richiamo”, ha affermato SAGE in un comunicato stampa mercoledì. Martedì la Francia ha superato la soglia dei 20 milioni di dosi di richiamo.

READ  In Bulgaria, almeno 46 morti in un incidente d'autobus