Gennaio 20, 2022

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Paris Saint-Germain strappa il pareggio di Champions League con il Barcellona

Che battaglia! Paris Saint-Germain e Barcellona hanno avuto una grande battaglia, giovedì sera a Parigi, per partire finalmente con un punteggio (28-28). Non è andata male per i suoi compagni di squadra, Mikkel Hansen, capitano per una notte in assenza di Luka Karabatic (coscia sinistra), e tornato perdendo all’andata di Spagna (30-27) in questo girone B del Champions League.

In assenza di Luka Karabatic, Kamil Sibrzak e Henrik Toft Hansen hanno partecipato ai lavori, uno in attacco e l’altro in difesa. Con Vincent Gerard ispirato a entrare in gol, questo ha permesso al PSG di trovare il suo ritmo e ha imposto al Barcellona non il più stimolante, in particolare nel rapporto con l’hub (anche Ludovic Fabregas ha ceduto il suo posto a Youssef Ben Ali, 9-5, 13). Il catalano Ferran Sol si è divertito davanti ai suoi connazionali, ottenendo 4/4 in dieci minuti, e ha conquistato rapidamente il titolo di campione europeo (8-3, 10).

Inoltre, il Paris ha approfittato del minimo fallo dell’avversario, come Nadim Rimelli, che grazie alla palla alta ha segnato il suo 400esimo gol in Champions League (11-6, 17). Con questi progressi, Raul Gonzalez ha quindi scelto di ruotare la sua forza lavoro. Non necessariamente pagante (Kristopans, terzino destro per Remili, Brandi, terzino sinistro per Nikola Karabic). Buon affare per il Barcellona che ha trovato in Haniel Langgaro il perfetto attaccante per la difesa francese: il 4/4 in dieci minuti ha regalato un po’ di suspense prima dell’intervallo (15-14, 27). Il timeout di 25 secondi del tecnico del PSG ha permesso a Benoit Concord sulla fascia destra di dare un po’ d’aria prima dell’intervallo (17-15, 30).

READ  Mercato: Romiere sdoganato per il fallimento di Maometto

Due eccezioni temporanee in sei minuti per il PSG

Al rientro dall’intervallo, il PSG ha avuto un problema a causa di due squalifiche provvisorie consecutive (Rimelli, Hansen) in sei minuti. È stato sfruttato alla perfezione dal Barcellona, ​​in particolare da Gomez, in un tiro da 7 metri, per consentire agli spagnoli di avanzare per la prima volta (20-21, 42), 5-0 in sette minuti (20-16, 35). Inoltre, Pérez de Vargas è stato (finalmente) testardo nei gol iberici.

Ma, da parte del PSG, Jan Ginte sarebbe arrivato perfettamente alla staffetta di Vincent Gerrard. All’indomani di Yusef Ben Ali, autore del libro di Ebon su Luc Steins (42° posto), le sue tre tappe in rapida successione hanno dato ai parigini un’aria candida (21-21, 44). Ma Langgaro, ancora una volta, si rallegra del martirio della Difesa francese (24-27, 54) in un nuovo stallo. Trasportato da 3.223 spettatori, inclusa la sua stella del calcio in coma, il PSG ha faticato a tornare. Abbiamo anche visto Dainis Kristopans suonare l’hub! Ma è sulla sua fascia destra che Sully è riuscito ad alzare il pareggio a due minuti di gong (27-27, 58). Sull’altra fascia Matteo Greipel strappa il pareggio recuperando un tiro di Rimelli (28-28).