Gennaio 31, 2023

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Olimpiadi di Pechino 2022: boicottaggio, inquinamento, grave bolla sanitaria… Perché i Giochi Invernali si aprono sotto tanta tensione

primario
Le Olimpiadi invernali 2022 iniziano venerdì 4 febbraio a Pechino e terminano il 20 febbraio. Prima del lancio ufficiale della competizione, la Cina doveva già fare i conti con una serie di critiche e una complessa situazione sanitaria.

il Olimpiadi invernali 2022 Inaugurazione venerdì 4 febbraio a Pechino. Un evento globale attorno al quale ruotano diversi punti di tensione. Giochi che promettono di essere “sicuramente i più chiusi della storia, per motivi sanitari e politici”, secondo Antoine Bondaz, specialista cinese e ricercatore presso la Foundation for Strategic Research (FRS). La Dépêche descrive in dettaglio questi numerosi punti di stress

Boicottaggio diplomatico

Antoine Bondaz spiega che se il boicottaggio dei Giochi Olimpici non è nuovo (Mosca nel 1980 e Los Angeles nel 1984), allora quello che, d’altra parte, è un “boicottaggio puramente diplomatico”. Sono state rilevate diverse situazioni:

  • “Stati che boicottano e tollerano”: Stati Uniti, Canada, Australia, Nuova Zelanda e Gran Bretagna discutono della situazione dei diritti umani nel Paese, in particolare per quanto riguarda gli uiguri.Per gli Stati Uniti, “l’unico governo che ha parlato di genocidio”.
  • Paesi che boicottano e non lo richiedono Quanto alla stragrande maggioranza dei Paesi Ue “che non saranno rappresentati alla cerimonia di apertura ma non dicono di boicottarla”;
  • “Paesi che saranno rappresentati durante i Giochi ma a basso livello”, come la Francia: “L’argomento è: ‘Ci andiamo per gli atleti’, ma non per la festa”.

Il boicottaggio diplomatico a cui Pechino ha inizialmente risposto con forza sulla posizione degli Usa, prima di “tornare indietro e provare a ribaltare la situazione a suo favore”, spiega Antoine Bondaz. “Questo è quello che faranno venerdì: l’argomento sarebbe che i paesi che stanno effettivamente boicottando sono una minoranza, con elementi linguistici che dicono che gli europei non possono venire perché la situazione sanitaria a casa è catastrofica ma non stanno boicottando. L’argomento sarebbe anche dire che gli americani non sono in grado di convincere i loro alleati e partner boicotteranno, indicando che sono isolati.La Cina apparirà ovviamente, tra virgolette, con i suoi “veri amici” e molti regimi autoritari nel maggioranza.”

READ  L'Ucraina nega lo "sciopero di rappresaglia" russo alla caserma di Kramatorsk

Puzzle di Peng Shuai

Dallo scorso novembre la situazione del tennista cinese è preoccupante. Dopo che un ex leader cinese è stato accusato di averla violentata, Peng Shuai è scomparsa dai tribunali e dalla vita pubblica.

Leggi anche:
La scomparsa di Peng Shuai: cosa è contenuto nella lettera di accuse contro un tennista contro un grande leader

“Penso che Pechino sappia molto bene che c’è un pericolo nel porre questa domanda. Sappiamo che incontrerà il presidente del Comitato olimpico internazionale (CIO). Sarà organizzata questa visita? Molto probabile. Quando? Vedremo. ” Inoltre non è impossibile, secondo lo specialista, presentarsi alla cerimonia di apertura tra gli spettatori.

neve artificiale

Sarà il primo nella storia dei Giochi Olimpici, anche se ci si avvicina nelle precedenti edizioni (90% a Pyeongchang in Corea e 80% a Sochi nel 2014, ricorda Informazioni sulla Francia): 100% neve artificiale. Il tema «è citato all’estero, pochissimo in Cina», identifica Antoine Bondaz, dettagliando le argomentazioni «verdi» dello Stato: «che alcune infrastrutture del 2008 sono state riutilizzate; tutto trasporto verde, elettricità, ma senza menzionare che il vasto la maggior parte di questa elettricità proviene da materiali fossili e, per la neve artificiale, Pechino sostiene che l’acqua non proviene dalle acque sotterranee, ma da bacini di ritenzione idrica.

Leggi anche:
Le Olimpiadi invernali hanno gareggiato per la prima volta su neve artificiale al 100% che ha fatto rabbrividire le persone

grave bolla sanitaria

Mentre il confine cinese è praticamente chiuso da marzo 2020, i Giochi di Pechino si svolgono in una bolla salutare da cui i quasi 2.900 atleti partecipanti non possono più partire. Devono essere vaccinati o auto-quarantena per 21 giorni all’arrivo. Sono tutti testati quotidianamente. Solo gli spettatori residenti in Cina possono partecipare agli eventi.

READ  le point sur la pandémie dans le monde

Spiega Antoine Bondaz: “Per Pechino la situazione è complicata: siamo in pieno inverno, il virus si trasmette più facilmente, c’è un’onda Omicron, una strategia zero-Covid. Da qui la necessità di misure sanitarie molto rigide”. .

Leggi anche:
Olimpiadi invernali 2022: la Cina realizza l’alternativa Omicron complica l’organizzazione

“L’obiettivo, spiega il ricercatore, è ridurre il più possibile il rischio di contaminazione nel sito. Le persone arrivano inquinate e decine di persone sono state poste in isolamento. Ma l’obiettivo di Pechino è dimostrare che quando la Cina sarà regolamentata, non c’è inquinamento subito.