Gennaio 31, 2023

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Nuove esposizioni sul ruolo della Francia nel concedere al Qatar la Coppa del Mondo

Le rivelazioni di Radio France e France 2 mostrano che la giustizia francese mette in dubbio le potenziali controparti che Nicolas Sarkozy ha negoziato nel 2010 dopo un pranzo segreto con alti funzionari del Qatar e il voto decisivo di Michel Platini a favore dell’emirato per l’assegnazione dei Mondiali 2022.

Il francese Jerome Valcke, già secondo in FIFA, ha recentemente affermato di aver assegnato la Coppa del Mondo 2022 al Qatar e Michel Platini, allora presidente UEFA e vicepresidente FIFA: “C’è stato un cambiamento, un cambiamento improvviso in Michel legato a qualcosa. Che il Qatar fosse il miglior candidato, o il pranzo in cui si è discusso di tutto questo”.

Il pranzo si è tenuto segretamente il 23 novembre 2010 all’Eliseo. È un argomento Versetti di Radio France e Francia 2Giovedì scorso ha confermato che l’ex presidente francese Nicolas Sarkozy ha investito molto per attribuire la concorrenza all’emirato e investire molto nell’economia francese.

Dal 2016 è stata aperta un’indagine giudiziaria su casi di corruzione attiva e passiva in relazione alle condizioni per l’assegnazione del Premio Mundial. Il pranzo di novembre 2010 è il nocciolo della questione. Avrebbe costituito una “svolta critica” a favore del Qatar, secondo un rapporto della Procura finanziaria nazionale, riportato dai media del servizio pubblico.

Qatar nominato dopo nove giorni

Oltre a Nicolas Sarkozy e Michel Platini, che all’inizio avrebbero dovuto discutere separatamente, a questo incontro avevano partecipato altre cinque persone. Tra questi: il principe ereditario del Qatar (e ora emiro) Tamim bin Hamad Al Thani e il primo ministro del Qatar Hamad bin Jassim Al Thani. Secondo Sepp Blatter, l’allora presidente della FIFA Michel Platini lo chiamò poco dopo e gli disse che il capo di stato francese gli aveva “raccomandato di votare per il Qatar”. Nove giorni dopo, il 2 dicembre 2010, lo stato del Golfo è stato scelto con quattordici voti contro otto.

READ  Rivivi l'incredibile vittoria della Francia sul Belgio

Michel Platini, che ha finito per votare per il Qatar dopo essere stato favorevole agli Stati Uniti, è stato posto in custodia di polizia nel 2019 prima di essere liberato senza alcuna accusa a suo carico. Negherebbe che Nicolas Sarkozy gli abbia chiesto di alzare la voce sul Qatar. “Ma ho capito chi stava tifando”, avrebbe detto l’ex calciatore.

Paris Saint-Germain e Raffles in cambio?

Secondo Radio France, gli inquirenti si chiedono se Nicolas Sarkozy abbia ricevuto un compenso per aver votato per il Qatar. Sono state esplorate diverse strade: l’acquisizione del Paris Saint-Germain da parte di Qatar Sports Investments nel 2011, la creazione di beIN Sports con i diritti televisivi della Ligue 1 e quelli della Coppa del Mondo, o persino la vendita del picchiaduro (trasferito) Rafale. nel 2015 per 6,3 miliardi di euro).

Una nota ministeriale sottoposta all’inchiesta faceva anche riferimento a “opportunità di appalto legate ai Mondiali in Qatar e progetti infrastrutturali” per le società francesi. A questo proposito, gli inquirenti rimarranno affascinati da un presunto incontro tra un uomo d’affari del Qatar e Claude Gueant, che era il segretario generale dell’Eliseo. L’intervista doveva aver luogo il giorno dopo il suddetto pranzo. Infine, verranno esaminati i potenziali legami tra il Qatar e il finanziamento della campagna presidenziale 2007 di Nicolas Sarkozy.