Agosto 14, 2022

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Numeri e mappe Covid in Francia il 1 febbraio 2022

HuffPost

Nonostante Omicron, i numeri per la quinta ondata di Covid-19 sono in calo. Resta da vedere se questo declino continuerà.

Scienza – Non è chiaro se sarà sostenibile, ma è finalmente emerso, un climax Quinta ondata A partire dal COVID-19. L’entità e la durata del calo varia a seconda dell’indicatore, ma indipendentemente dal tasso di positività, tutti i numeri puntano nella giusta direzione, dal numero di casi alle notizie. ricovero Compresi i ricoveri in terapia intensiva e i decessi.

Naturalmente, la vittoria non dovrebbe essere dichiarata troppo in fretta, soprattutto con Variante Omicron molto contagioso e il suo Fratellino BA.2 Chi potrebbe rovinare le vacanze alla fine della quinta ondata di Covid-19. Ma se i numeri continuano a scendere, possiamo già vedere il futuro che gli epidemiologi sperano da qualche settimana.

Nel frattempo e per capire appieno cosa sta succedendo giorno dopo giorno, se HuffPost Ti invito a guardare Gli ultimi numeri del Covidma soprattutto Evoluzione nelle mappe e nelle curve. Un punto importante da tenere a mente prima di continuare la lettura: i dati vengono sempre pubblicati la sera. Pertanto, i numeri aggiornati di martedì 1 febbraio sono quelli pubblicati il ​​giorno prima, lunedì 31 gennaio.

Dovresti anche sapere che questi non sono i numeri di oggi, ma quelli in D-1 per numero di ricoveri e numero di nuovi casi confermati. Per l’incidenza e il tasso di positività, vengono utilizzati i numeri di controllo D-3 (alla data del test).

Curve nazionali Covid-19

Lunedì 31 gennaio Lo ha individuato la Direzione Generale della Salute 82.657 casi positivi. Il calo da inizio gennaio non è dovuto solo al picco: la domenica testiamo molto meno. Ma se guardiamo alla media di 1 settimana (la curva blu) vediamo che il calo c’è, con 334.260 contaminazioni Iscritti per più di 360.000 lunedì scorso. Tuttavia, dobbiamo rimanere cauti, poiché questo declino può trasformarsi in un plateau, o addirittura in un nuovo aumento.

I numeri in D-1 sono pratici per monitorare lo sviluppo dell’epidemia il più da vicino possibile, ma è probabile che varino di settimana in settimana a seconda della velocità delle reazioni ai risultati. Per confermare le tendenze, è meglio guardare i dati pubblicati da Santé Publique France, che mostrano il numero di casi alla data dell’esame, con un ritardo di tre giorni.

Il primo grafico sottostante mostra la quota della variabile Omicron e della variabile Delta nei casi positivi. Come puoi vedere, Omicron ha preso piede, ma Delta non è scomparsa del tutto e continua a guidare qualche migliaio di casi ogni giorno.

Per apprezzare appieno gli sviluppi recenti, ecco gli stessi suggerimenti, ma concentrandoci sugli ultimi due mesi:

Il significato dei diversi indicatori

  • incidenza: Questo è il numero di casi rilevati ogni 100.000 abitanti. È molto utile, in quanto fornisce un inventario dell’epidemia in tempo quasi reale (con qualche giorno di ritardo per l’insorgenza dei sintomi, o anche prima che si manifesti nei casi di contatto). Ma dipende dalle capacità di screening.
  • Tasso positivo: Questo è il numero di test positivi rispetto al totale dei test eseguiti. Consente di “controllare” il tasso di infezione. Se ci sono molti casi in un’area (tasso di incidenza), ma ciò è dovuto solo a uno screening altamente sofisticato, il tasso di positività sarà basso. Al contrario, se aumenta, allora significa che una percentuale maggiore delle persone testate è positiva, ma soprattutto è probabile che i contagiati non testati che cadono tra le crepe saranno più numerosi. Tuttavia, è diventato difficile leggere questa dinamica dopo la divulgazione degli autotest, che non contano.
  • Tasso di occupazione dei letti di terapia intensiva per i pazienti Covid-19: È un numero che è stato verificato perché permette di vedere se gli ospedali sono in grado di gestire il flusso dei pazienti. È molto utile, poiché il rischio di parzialità è minimo: non dipende dall’esame e l’occupazione della famiglia è ben segnalata alle autorità. Il suo svantaggio: c’è un ritardo significativo tra la contaminazione e il passaggio in terapia intensiva, circa due o tre settimane.
  • Ricovero in terapia intensiva e nuovo ricovero: incontinenza media superiore a 7 giorni per le persone ricoverate in ospedale
  • morte in ospedale: come la rianimazione, è un indicatore abbastanza affidabile, ma con un ritardo significativo.
  • R attivo: Questo indicatore rappresenta l’effettivo “tasso di riproduzione virale”, ovvero il numero di persone infette da una condizione infettiva. È considerato dagli epidemiologi e ha anche un ritardo significativo.

In un periodo così incerto, è importante esaminare le tendenze su un periodo di tempo più lungo, in particolare il tasso di aumento o diminuzione dei casi e gli indicatori ospedalieri. Per questo, è interessante guardare lo sviluppo in una settimana, in termini percentuali, per questi numeri:

Questa è la prima volta dall’inizio della quinta ondata che il tasso di crescita dell’incidenza è negativo. Il numero dei ricoveri ospedalieri è ancora positivo, ma è diminuito. Sul lato del recupero, il lento pullback continua vicino al plateau più che altro.

Una volta che tutte le barre saranno cadute per diversi giorni possiamo dire che il picco della quinta (o sesta) onda sarà davvero raggiunto (ammesso che questo calo continui).

READ  Le Nazioni Unite stimano che 274 milioni di persone in tutto il mondo avranno bisogno di assistenza di emergenza entro il 2022

La variabile Omicron cambia la forma d’onda

Con i tassi di infezione e positività in aumento, perché gli indicatori ospedalieri non sono mostrati in rosso vivo? Ancora una volta, perché l’alternativa Omicron è un punto di svolta, con meno crudeltà. È difficile sapere in che misura questa diminuzione della virulenza sia correlata alle sue mutazioni o al fatto che infetti le persone vaccinate, ed è quindi fortemente protetta dalle forme pericolose.

Tuttavia, l’abbandono tra casi e ricovero o rianimazione è netto. Il grafico sottostante mostra l’evoluzione del numero di casi, ricoveri e ricoveri in terapia intensiva in percentuale rispetto al livello più alto raggiunto durante la seconda ondata di Covid-19 nel novembre 2020.

Prima dell’arrivo di questa nuova variante, il maggior numero di casi è stato raggiunto all’inizio di novembre 2020, per la seconda ondata. Per gli indicatori ospedalieri il picco si è verificato all’inizio di aprile 2020, momento della prima ondata.

Come si vede, con Omicron è evidente la differenza tra casi e ricovero o ricovero in terapia intensiva. Prima di ciò, appaiono differenze più chiare tra le onde. È difficile da spiegare con certezza, ma si possono evocare diversi percorsi: Pericolo Varianti alfa e delta, evoluzione della campagna vaccinale, ecc.

La mappa e il grafico sottostanti illustrano il dominio di Omicron in tutto il paese. Sebbene alcune aree siano colpite più di altre, La variante rappresenta oltre il 92% dei casi positivi in ​​tutte le regioni e fino al 99% in Bretagna.

Mappa di incidenza per distretto

Se guardiamo allo sviluppo dell’epidemia in modo più locale, osserviamo un caso paradossale, ma in generale è in calo. Solo 6 dipartimenti della capitale francese hanno registrato un aumento del tasso di infezione di oltre il 25% in una settimana.

Va ricordato che nella Francia urbana, Tutte le divisioni sono a livelli di occorrenza senza precedenti, con il traguardo del 2000 superato dappertutto, anche se alcune divisioni (come Seine-Saint-Denis) sono appena cadute così lontano. Al contrario, il tasso di incidenza è ancora superiore a 4000 in più di dieci dipartimenti.

Grafico sotto Ti consente di analizzare la situazione nel tuo dipartimento in modo più dettagliato. Concentrandoci sulle sezioni dell’Ile-de-France, vediamo apparire un netto picco nell’incidenza, anche se il tasso di positività è nuovamente in aumento, il che incoraggia una certa cautela (sebbene ancora una volta la pubblicazione degli autotest causi un pregiudizio sulla questione Indicatore).

La vaccinazione è molto efficace ma chi pattina

Come spieghiamo questa quinta ondata? Difficile dirlo perché il Corona virus è riuscito a sventare le nostre aspettative, ma dobbiamo già ricordare che l’aumento è previsto dall’inizio dell’autunno con la predominanza della variante delta, che è più contagiosa. Da allora, l’alternativa Omicron ha fatto lo sport di uno spoiler.

Solo grazie alla vaccinazione è stato possibile un aumento controllato della diffusione dell’epidemia in pieno inverno, con misure limitate (es. tessera sanitaria, indossare la mascherina, ventilazione interna, ecc.). Se il vaccino non fornisce una protezione del 100%, riduce il rischio di infezione e riduce significativamente il rischio di contrarre una forma grave di Covid-19.

Oggi il 78% della popolazione è doppiamente vaccinato, Come si può vedere dal grafico sottostante, con differenze tra i gruppi di età. I bambini, ad esempio, ricevono pochissime vaccinazioni, a differenza delle persone tra i 70 e gli 80 anni, di cui il 99% ha ricevuto una dose.

Ma ora sappiamo che l’efficacia del vaccino contro le infezioni diminuisce nel tempo, soprattutto sei mesi dopo la vaccinazione, e ancor di più con la variante Omicron. La protezione dalle forme gravi di Covid-19 rimane elevata, ma sembra in calo, soprattutto tra gli anziani.

Ecco perché molti paesi, tra cui la Francia, hanno lanciato una campagna di richiamo. in un Previsione A fine novembre, l’Istituto Pasteur stima che una dose di richiamo, diminuendo i rischi di ospedalizzazione per i più a rischio e diminuendo il rischio di infezione, potrebbe teoricamente ridurre i picchi di ospedalizzazione. Pertanto, i promemoria per gli over 65 riducono l’altezza del picco del 20%, mentre i promemoria per tutti gli adulti riducono l’altezza del picco del 44%.

La brillantezza variabile di Omicron rende questa terza dose ancora più importante. Il limite del 52% della popolazione che ce l’ha è stato quasi raggiunto.

Vaccini ancora efficaci contro il Covid-19

L’efficacia dei vaccini e della terza dose può essere facilmente osservata se analizziamo il numero di persone vaccinate o non vaccinate, ricoverate in ospedale o in terapia intensiva.

D’altronde bisogna stare attenti: più del 91% degli adulti è vaccinato. Quindi ha senso che ci siano così tante persone vaccinate negli ospedali. Ma se confrontiamo numeri uguali (quante persone sono ricoverate in ospedale per un milione di persone vaccinate, rispetto a quante persone sono ricoverate in ospedale per un milione di persone che non sono state vaccinate), possiamo vedere che il vaccino è molto efficace.

Dimostrazione con i grafici sottostanti. Vediamo anche che un richiamo aumenta ancora di più l’efficacia del vaccino.

Vedi anche su HuffPost: Di fronte al Covid, l’immunità non è tutto o niente