Novembre 29, 2022

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Non nevica più nell’Artico, piove!

Più pioggia e meno neve nell’Artico

Il sistema climatico dell’Artico è attualmente in fase di cambiamento, in precedenza era chiaramente dominato dalle nevicate. Le precipitazioni sono in realtà sempre più osservate. Questo cambiamento, sebbene irregolare sulla regione polare, potrebbe avere un forte impatto sulla calotta glaciale della Groenlandia e sul livello del mare in generale. I flussi dei fiumi, l’estensione e lo spessore del ghiaccio marino artico, il permafrost, nonché la flora, la fauna e tutti gli ecosistemi associati possono essere gravemente colpiti da questo cambiamento nella natura delle precipitazioni.

>>Leggi anche: “Climatologia: il Kilimangiaro non potrà più nevicare nel 2033”

La calotta glaciale della Groenlandia potrebbe essere gravemente colpita dall’evoluzione del ciclo idrologico polare entro il 2100 © Anton Balazh, shutterstock

Tutti i modelli di cambiamento climatico mostrano un aumento delle precipitazioni in tutte le stagioni nell’Artico nei prossimi decenni. Questo aumento sarà anche più pronunciato in autunno e sarà particolarmente legato all’aumento delle precipitazioni rispetto alle nevicate. Tuttavia, in inverno, la neve sarà ancora il tipo di precipitazione dominante sulla maggior parte dell’Artico.

Se attualmente si osserva una tendenza al cambio di regime, alcuni modelli prevedono una netta amplificazione del fenomeno entro il 2100. Le ultime simulazioni indicano un aumento delle precipitazioni del 422% per la stagione invernale nel 2100, rispetto al 2000.

+15°C nell’anno 2100 nella regione artica

Così un team di ricercatori ha esaminato varie proiezioni di precipitazioni artiche fino all’orizzonte 2100. I dati più recenti del CMIP6 sembrano essere (Progetto di confronto tra modelli accoppiati) mostrano un aumento maggiore e più rapido delle precipitazioni e una transizione più rapida a un sistema piovoso rispetto alle simulazioni precedenti.

READ  I gatti atterrano sempre in piedi? falso

>>Leggi anche: “Artico: cosa accadrebbe se tutto il ghiaccio marino si sciogliesse?”

Lo sviluppo del ciclo idrologico nell’Artico sarà associato a diversi fattori, tra cui principalmente un aumento dell’evaporazione in questa regione polare, in connessione con una diminuzione del ghiaccio marino e un aumento della superficie dell’oceano aperto. Questo perché la banchisa di solito funge da copertura, impedendo l’evaporazione dell’acqua dell’oceano. In assenza di una superficie ghiacciata, e in combinazione con l’aumento generale della temperatura, l’atmosfera è carica di più umidità, che provoca più precipitazioni. Inoltre, i modelli mostrano una modifica dei flussi atmosferici con un aumento del trasporto di aria umida verso i poli, aumentando ulteriormente il livello delle precipitazioni.

In tutti i casi, il grado di aumento delle precipitazioni sembra essere correlato al grado di riscaldamento dell’Artico in tutte le stagioni. I modelli più preoccupanti prevedono quindi un aumento della temperatura di 15°C per l’anno 2100, rispetto al 2000, per la stagione invernale.

Questo cambiamento nel tipo di precipitazioni interesserà anche altre regioni del mondo. In risposta al riscaldamento globale compreso tra 1,5 e 2°C, le precipitazioni domineranno il clima della Groenlandia e della Norvegia. Nell’ipotesi più pessimistica di un aumento generale della temperatura di circa 3°C, la maggior parte delle regioni fredde del globo cadrebbe secondo uno schema in cui la pioggia è dominante rispetto alle nevicate.

conseguenze a cascata

Il rapido sviluppo, in meno di un secolo, della quantità e del tipo di precipitazioni nell’Artico influenzerà gravemente la stabilità dei sistemi socio-ecologici in questa regione del mondo. La riduzione delle nevicate influenzerà la stagionalità e il verde della tundra e quindi gli animali e le popolazioni umane che vi abitano. La riduzione del manto nevoso aggraverà anche il riscaldamento globale riducendo l’effetto di rimbalzo della neve e aumentando i flussi di anidride carbonica.2 Durante l’inverno, grandi quantità di metano immagazzinate finora nel permafrost vengono rilasciate dal permafrost. Le alluvioni saranno sicuramente più frequenti. Mentre molte specie di fauna selvatica soffriranno di questo cambiamento ambientale, altre, come le congregazioni di uccelli migratori, possono trarne beneficio, che sono già aumentate drasticamente di numero in questa regione a fronte della creazione di un clima più caldo e più umido.

READ  Eau chaude citronnée avant de se coucher : une astuce intéressante

La diminuzione della quantità di neve influenzerà anche l’ambiente oceanico, in particolare la sua stratificazione, che modificherà le condizioni di vita del fitoplancton e delle microalghe. Questi cambiamenti in particolare potrebbero avere ripercussioni a cascata per tutti gli organismi marini, con il fitoplancton alla base della catena alimentare.

Pertanto, i risultati allarmanti delle simulazioni dimostrano ancora una volta l’urgente necessità di misure forti e concrete per limitare l’aumento della temperatura globale.