Novembre 27, 2021

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

“Non ho più tempo da perdere con un progetto danneggiato dall’interno da Gafams” (Yann Lechelle, CEO)

LA TRIBUNE – Sei un cofondatore di Gaia-X, ma hai appena lasciato il progetto. perché ?

Yan Lichel – Ci penso da diversi mesi, ma la decisione è stata presa ieri mattina quando è iniziato il summit Gaia-X. Un’emittente televisiva mi ha chiesto cosa mi aspettassi dall’evento, e mentre pensavo alla risposta ho capito che non mi aspettavo proprio nulla. Non che il progetto non sia molto interessante all’inizio, ma devo notare che le promesse iniziali non sono state mantenute e Gaia-X non sta andando nella giusta direzione.

Per cosa lo incolpi?

La sua regola e la sua filosofia. La mia lamentela principale è che Gaia-X lascia troppo spazio ai giocatori dominanti in nuvole, cioè gli americani [Amazon, Microsoft et Google, Ndlr] E i cinesi [Huawei, Alibaba], durante la costruzione di un nuvole L’Europa sta rispondendo alla sfida della sovranità digitale e dell’indipendenza strategica e dovrebbe essere un’opportunità per rafforzare e sviluppare gli attori europei in questo settore.

4 domande per capire Gaia-X, il progetto cloud europeo

Quali promesse non vengono mantenute?

Fondamentalmente, Gaia-X è un’idea tedesca per creare un progetto di infrastruttura dati europea, al fine di controllare meglio questo asset altamente strategico e avere una qualche forma di autonomia europea in nuvole. La Francia ha voluto farne parte, il che ha portato alla costituzione dell’associazione nel 2020, con 22 fondatori tra cui 11 tedeschi e 11 francesi. Da parte francese, Scaleway è uno dei soci fondatori, così come gli altri due leader europei del cloud, OVHCloud e Outscale. In origine, c’erano solo attori europei nell’iniziativa.

Ma a fine 2020 c’era la voglia di integrare calciatori extraeuropei, e lo scorso marzo il cda ha deciso di aprire loro le porte. I leader americani – Amazon, Microsoft, Google, che possiede già il 69% del mercato europeo – e la Cina – Huawei e Alibaba, hanno potuto aderire al progetto. L’idea era di rispettare un principio molto europeo di non discriminazione e rifiutare il protezionismo, per costruire nuvole europea senza dissociarsi dalle tecnologie che già stanno invadendo il mercato. Questa è anche la filosofia della strategia “cloud trust” che Bruno Le Maire ha introdotto in Francia lo scorso maggio.

READ  Bernie Sanders vuole tassare i più ricchi: la risposta di Elon Musk non è di gran classe

Sovereign Cloud: otto aziende francesi hanno protestato contro lo stato

Perché non hai lasciato Gaia-X una volta che Microsoft, Amazon, Huawei e Alibaba si sono uniti?

Hai minacciato di farlo, perché far entrare americani e cinesi in un progetto europeo è come spararsi ai piedi. Ma i tedeschi cercavano un consenso in cui io volevo credere: in cambio di non permettere ad attori extraeuropei di entrare nel consiglio di amministrazione di Gaia-X, che garantisce il mantenimento della governance e risponde alle esigenze degli attori francesi, erano solo incorporato nel comitato tecnico, che era conforme a Somewhat con il progetto.

Quindi il consiglio di amministrazione è stato rinnovato il 7 luglio. Persone che hanno forti legami con Gafam, perché hanno lavorato lì o hanno contratti e partnership con loro attraverso la loro azienda in nuvoleEntra nel consiglio di amministrazione. In effetti, la diga è scoppiata: Gafam e gli attori cinesi sono ormai onnipresenti in Gaia-X. Basta vedere chi sono gli sponsor di Gaia-X per rendersi conto che qui ci sono attori extraterritoriali. [Microsoft, Amazon Web Services, Huawei et Alibaba, entre autres, sponsorisent l’événement, Ndlr].

Penso che l’obiettivo di Gaia-X dovrebbe essere quello di riequilibrare il gioco costruendo un nuvole Sui giocatori europei in giro per l’Europa. Ma oggi Gaia-X aiuterà Google, Microsoft e Amazon a rafforzare le loro posizioni in Europa. Sto personalmente sviluppando Scaleway per consentire ad amministrazioni e aziende di avere una vera alternativa sovrana alle soluzioni extraeuropee, e non ho più tempo per sprecare un progetto afflitto dall’interno da chi vuole colonizzarci. Gaia-X è diventato incompatibile con l’idea di sovranità digitale europea.

READ  Tesla Model S Plaid si schianta al Nürburgring

Come spiegheresti la permeabilità di Gaia-X ai giocatori non europei, soprattutto americani?

In effetti, il verme era nel frutto fin dall’inizio. In Francia, c’era una fantasia che Gaia-X fosse in procinto di creare un file nuvole sovranità europea. Ma non è affatto questa l’origine del progetto, né l’intenzione dei tedeschi.

Bisogna capire che i più grandi giocatori in nuvole In tutta Europa è francese – è OVHCloud, Outscale, Scaleway-, ma i tedeschi, dal canto loro, lavorano principalmente con gli americani e vogliono continuare. Gaia-X condivide per loro è unire i rappresentanti nuvole Per controllare meglio i dati, non per creare un file nuvole sovrano europeo. Molto presto, c’era un forte desiderio di non “discriminare” contro gli attori non europei, semplicemente per proteggersi dalle leggi extraterritoriali statunitensi e cinesi.

Ecco perché hai co-fondato il giugno europeo Industrial Cloud Alliance (Euclidia)?

Sì davvero. Il progetto Gaia-X è interessante ma non sovrano. Euclidia vuole essere complementare offrendo solo soluzioni europee, per assicurare forte e chiaro che il Vecchio Continente è eccellente in tutte le sue componenti nuvole Infrastruttura (IaaS), Piattaforme di servizio (PaaS) e Software (SaaS). Inizialmente, l’iniziativa Euclidia ha riunito principalmente i francesi, ora ci siamo ampliati per includere altri giocatori europei e attualmente ci sono 25 membri della federazione. Dobbiamo sfatare l’idea sbagliata che l’Europa non può competere con gli americani e i cinesi in Nord America nuvole. È vero che non abbiamo la stessa profondità di catalogo di Amazon o Microsoft, ma possiamo fornire tutti i servizi necessari per aziende e organizzazioni.

La Francia e l’Europa hanno un problema con l’idea della sovranità digitale?

Sì davvero. Oggi non esiste una supremazia digitale europea. L’ideologia estremista, con il principio della libera concorrenza e il rifiuto del nepotismo e quindi del protezionismo, è profondamente radicata in Europa così come in Francia nell’attuale governo. Ecco perché ci asteniamo dallo “Small Business Act” che consentirà comunque lo sviluppo delle tecnologie europee attraverso gli appalti pubblici. Oggi, meno dell’1% degli acquisti pubblici in Europa è orientato verso la tecnologia europea, il che è molto interessante.

READ  consumo. Pagamento di 100 euro per sei milioni di francesi.. Ne hai diritto?

Per me, la sovranità deve essere equilibrata. Se l’Europa rifiuta il protezionismo, anche gli altri devono rifiutarlo, altrimenti ci spareremo. Gli Stati Uniti e la Cina preferiscono sfacciatamente i loro eroi nazionali e questo è naturale perché il controllo delle infrastrutture e dei dati è strategico.

un nuvole europeo possibile?

Certo, ma ci vuole una forte volontà politica. Abbiamo bisogno della legge sulle piccole imprese e dobbiamo imporre il multi-cloud nelle aziende, ovvero utilizzare almeno un attore europeo oltre alle soluzioni statunitensi che le aziende utilizzano molto spesso. Esistono alternative europee di alta qualità e sarebbe sbagliato dire il contrario. Queste due decisioni creeranno un incredibile invito nell’aria, stimoleranno l’industria e creeranno posti di lavoro. Mi piacciono i giocatori europei in nuvole Soddisfiamo il 30% della domanda europea, ma oggi siamo meno del 10% del mercato, il che non basta.

Intervista di Sylvain Roland