Dicembre 1, 2022

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Nel segreto del blues

È ovunque! Sulla divisa dei gendarmi, la maglia degli atleti della nazionale, la bandiera, e ovviamente è il colore del cielo e del mare. Il blu è onnipresente e va bene così, è di gran lunga il colore preferito dai francesi! Nel regno delle gemme, anche il blu ha un posto speciale. C’est d’abord celui du diamant bleu de la Couronne de France, vendu par Jean-Baptiste Tavernier à Louis XIV en 1669, et ensuite, plus généralement, celui des saphirs, comme le Grand Saphir, que… Louis XIV a égallement acheté , nello stesso anno. I misteri di questa gemma sono stati al centro di una recente conferenza di due gemmologi, Laurent Massey, fisico dei materiali, e Mary Laurie Cassius Duranton, storica dell’arte.

Cos’è lo zaffiro? Corindone, qualsiasi minerale costituito da allumina cristallina anidra, di formula Al2un3, nella struttura in cui le impurità hanno sostituito alcuni atomi di alluminio. Quest’ultimo, modulando gli spettri di assorbimento ed emissione della luce, influisce sul colore del cristallo. Ferro e titanio spiegano il colore del blu zaffiro, questa pietra è viola quando le inclusioni sono vanadio e rosa con cromo … Quando questo elemento è abbastanza abbondante da far diventare rosso il colore rosa, lo zaffiro si trasforma in zaffiro.

Restiamo sul blu. Lo storico Michel Pastorio dice che durante tutto il Medioevo questo colore era così poco interessato che non avevamo nemmeno una parola per nominarlo. La situazione è cambiata, e anche capovolta, il tredicesimoe Secolo: il blu divenne così prestigioso da diventare un colore regale in Francia e nei dipinti divenne un simbolo divino, come in cespuglio di rose vergini, dipinto dal tedesco Stefan Lochner all’inizio degli anni Quaranta del Quattrocento. Il blu, pigmento allora costoso, ottenuto dal lapislazzuli, dedicato al cappuccio della Vergine, alle ali degli angeli sparse per tutta la composizione, e allo zaffiro posto nella parte superiore della corona, ivi posto come in altre opere come un legame tra terra e cielo.

READ  Blue blob : une bouée de sauvetage pour les glaciers islandais ?

Le imperfezioni del primo contraddicono la perfezione del secondo, e infatti gli zaffiri blu estratti dal loro seminterrato non fanno eccezione. Pertanto, ci sono diversi tipi di “difetti” in queste pietre. Alcuni si sforzano abbastanza. Ad esempio, le impurità del rutilo (biossido di titanio) a volte provocano un sorprendente effetto stellare: l’aspetto di una stella. È il caso della stella di Bombay, uno zaffiro dello Sri Lanka da 182 carati (36,4 grammi) donato negli anni ’20 da Douglas Fairbanks a sua moglie Mary Pickford, che alla sua morte nel 1979 lo lasciò in eredità allo Smithsonian Institution di Washington.

Altro esempio, le inclusioni a forma di nuvola conferiscono allo zaffiro cashmere un aspetto vellutato, il che, oltre al colore blu intenso, saturo e puro di queste pietre, spiega i prezzi record che hanno raggiunto (per carato): oltre 240.000 dollari, o da quattro a cinque volte di più rispetto agli zaffiri blu di altre fonti.

Ma le imperfezioni delle pietre preziose a volte sono dannose quando si tratta di inclusioni di colori troppo opachi, troppo scuri o addirittura disomogenei. Esistono diversi tipi di trattamenti per correggerlo almeno in parte. Il più antico è riscaldare le pietre preziose fino a 1400°C per migliorarne il colore e dissolvere le impurità. I metodi più recenti includono il riempimento di crepe con vetro al piombo arricchito con cobalto e la diffusione di titanio ad alta temperatura (1600-1800 ° C) nei primi micrometri della superficie.

Questi manufatti sono facili da individuare al microscopio, a differenza della diffusione del berillio, un atomo, più piccolo del titanio, che penetra nel nucleo della pietra. Questa volta, solo approfondite analisi di laboratorio rivelano la cura.

READ  des premiers cas de sous-variants BA.4 et BA.5 détectés in Francia

Quindi fai attenzione la prossima volta che incontri lo zaffiro, poiché tali trattamenti sono un segno del declino della qualità dello zaffiro. Ma è una scommessa sicura non fare la domanda, perché incontrerai zaffiri negli schermi degli smartphone, negli occhiali degli orologi, nei lettori di codici a barre… che sono sintetici.