Agosto 8, 2022

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Negoziati sul nucleare iraniano minacciati dall’impasse

Gli europei speravano di negoziare senza sosta durante le festività natalizie per cercare di recuperare il tempo perduto. E hanno dovuto accordarsi, venerdì 17 dicembre, a Vienna, per fare una nuova pausa nei negoziati indiretti tra Iran e Stati Uniti per salvare l’accordo nucleare. Tale obiettivo, che il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha fissato come priorità, tre anni dopo che Donald Trump ha condannato l’accordo iniziale, è stato reso altamente incerto dall’adesione del principale conservatore Ibrahim alla presidenza iraniana questa estate. Dopo cinque mesi di sospensione per le elezioni in Iran, il 29 novembre è stato rilanciato il confronto presso il prestigioso Palais Coburg, nel cuore della capitale austriaca, dove l’accordo è stato firmato nel 2015.

Questa interruzione – la seconda in tre settimane – illustra i pericoli di colloqui vacillanti. La prima rottura, il 3 dicembre, è stata una richiesta dell’Occidente per costringere l’Iran ad adeguare le sue posizioni. La delegazione iraniana è già arrivata a Vienna con richieste radicali, che Washington considera inaccettabili: la fine di tutte le sanzioni applicabili, adottate su iniziativa dell’amministrazione Trump nella speranza di seppellire definitivamente l’accordo, e garanzie che presumibilmente impediranno che ciò accada . Gli Stati Uniti hanno rotto ancora una volta un potenziale trattato di rinegoziazione.

Leggi anche Questo articolo è riservato ai nostri abbonati A Vienna, teso incontro diplomatico sul nucleare iraniano

Per inciso, desideroso di mostrare la sua fermezza, il negoziatore iraniano Ali Bagheri ha rifiutato di riprendere i negoziati dove si erano fermati a giugno, dopo quelli che erano stati visti come scambi piuttosto fruttuosi tra l’amministrazione Biden e la potenza iraniana uscente. Al contrario, la nuova squadra negoziale ha messo a punto tutta una serie di richieste pari all’opposizione a più o meno del 90% dei testi in discussione.

READ  Con Omicron, New York teme un revival da incubo 19/12/2021 alle 03:29

dare e avere

Questa volta il nuovo armistizio risponde al desiderio degli iraniani, ma ha sorpreso i negoziatori europei che lo hanno chiamato“Interruzione deludente”. Qualche progresso tecnico È già stato implementato nelle ultime 24 ore, hanno detto venerdì. Dopo lunghe spiegazioni, gli iraniani hanno finalmente acconsentito a un documento che è stato presentato come “base di discussione”, rinunciando così a parte delle loro richieste.

Questo passaggio dovrebbe ora consentirci di concentrarci il più rapidamente possibile sulle questioni principali, in un approccio di dare e avere che deve ancora tradursi in impegni concreti: la graduale revoca delle sanzioni statunitensi, che probabilmente sosterranno l’economia, contro la fine della seconda guerra mondiale. Il programma nucleare iraniano. Tuttavia, ha compiuto progressi significativi in ​​tre anni, secondo gli occidentali, da quando Teheran si è presa le sue libertà con i suoi impegni originali. Gli iraniani producono grandi quantità di uranio arricchito e dispongono di moderne centrifughe. Una delle domande più difficili è cosa fare con le scorte di materiale fissile e attrezzature che l’Iran ha accumulato negli ultimi anni per raggiungere un nuovo accordo.

Hai il 41,67% di questo articolo da leggere. Il resto è solo per gli abbonati.