Luglio 12, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Narges Mohammadi, premio Nobel per la pace 2023, condannato a un anno di carcere con l’accusa di “propaganda”

Narges Mohammadi, premio Nobel per la pace 2023, condannato a un anno di carcere con l’accusa di “propaganda”

Ulteriore condanna per l’attivista per i diritti delle donne iraniane. Narges Mohammadi, premio Nobel per la pace 2023, detenuto da quasi tre anni in Iran, è stato condannato a un anno di carcere con l’accusa di “propaganda contro lo Stato”. Lo ha annunciato il suo avvocato, Mustafa Nili, su Canale XMartedì 18 giugno.

“E secondo la sentenza emessa il 29H Camera del Tribunale rivoluzionario di Teheran, MIO Narges Mohammadi è stato condannato a un anno di carcere con l’accusa di propaganda contro lo Stato »Il signor Neely ha spiegato. Nel corso di venticinque anni, Narges Mohammadi è stata condannata e incarcerata più volte per la sua difesa contro l’obbligatorietà dell’hijab per le donne e per la sua opposizione alla pena di morte. In Iran, a partire dalla rivoluzione islamica del 1979, le donne sono tenute a seguire un rigido codice di abbigliamento che impone loro di nascondere i capelli in pubblico.

L’8 giugno, Narges Mohammadi si è rifiutata di presenziare al processo dopo aver chiesto, senza successo, che l’udienza fosse aperta al pubblico. Il signor Neely ha spiegato che il suo cliente era stato processato “I suoi commenti su Dina Ghalibaf [journaliste et étudiante iranienne qui avait accusé la police d’agression sexuelle] E sul boicottaggio delle elezioni legislative» Marzo in Iran.

“Una guerra massiccia contro le donne”

Dalla sua prigione, l’attivista 52enne ha trasmesso a marzo un messaggio audio in cui denunciava… “Una guerra massiccia contro le donne” Nella Repubblica Islamica. Ha fatto riferimento in particolare al caso di Dina Ghalibaf, che, secondo le ONG, è stata arrestata ad aprile dopo aver accusato la polizia sui social media di averla aggredita sessualmente mentre la arrestava in metropolitana.

READ  Riconoscere lo Stato di Palestina “non è un tabù per la Francia”, afferma il ministro degli Esteri
Leggi anche la rubrica | Il materiale è riservato ai nostri abbonati Narges Mohammadi, Premio Nobel per la Pace 2023: “La Repubblica Islamica dell’Iran sta conducendo una guerra massiccia contro tutte le donne”

In risposta a questa accusa, il rappresentante della magistratura iraniana, Mizan Online, ha dichiarato il 22 aprile che lo studente “Non è stata violentata” L’autorità giudiziaria lo ha perseguito per le sue azioni “falsa dichiarazione”. Da allora Dina Ghalibaf è stata rilasciata.

Il mondo con l’Agence France-Presse

Riutilizza questo contenuto