Dicembre 2, 2022

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Montpellier Lione: come è stato formato Laurent Blanc dall’FC Montpellier Hérault?

Nel calcio tutto è possibile e Laurent Blanc può attestarlo. Prima di diventare uno dei migliori liberi al mondo e nella storia del calcio francese, Il nuovo allenatore dell’Olympique Lyonnais Ha sempre tenuto le chiavi del gioco offensivo del Montpellier, arrivando anche a diventare la capocannoniere della sua storia con 84 gol in tutte le competizioni (n.d.r. tra il 1983 e il 1991). È un’altra epoca, ma non c’è dubbio che il tecnico 56enne sarà accolto con un caloroso benvenuto dal pubblico di La Mosson sabato pomeriggio.

La palla d’oro

“Nel nostro primo incontro non ho visto l’ovvio”: Benzema, una storia di convinzione

17/10/2022 alle 22:17

Il Cévenol sarà sempre come a casa a Montpellier, come ha dichiarato giovedì in conferenza stampa: “Il campo di gioco è cambiato, ma è qui che tutto è iniziato per me. Ci sono persone che amo davvero ed è una città che amo. No Mason è un posto speciale per me. “

Perché prima di diventare il campione del mondo o il temuto difensore dell’OM, ​​dell’Inter o del Manchester United, Laurent Blanc è stato formato dall’MHSC. Nadi si è presa il tempo per far crescere l’uomo che ora chiamiamo “il capo”. “A quel tempo era un ragazzo timido e l’atmosfera del club lo aiutava molto”, conferma Robert Nozaret, che nel settembre 1983 licenziò il futuro Campione d’Europa in Divisione 2. Laurent Blanc aveva allora 17 anni.

Anche Pierre Mosca ne è convinto. Era MontpellierIl club di cui ha bisognoPer esprimere tutto il suo potenziale.Come molti Sevin, è associato ai valori dell’umiltà, della famiglia e del lavoro, pur essendo testardo. (Ridere). Laurent ha saputo inserirsi nello stampo del Montpellier ed esprimersi ai massimi livellici ammette l’ex allenatore dell’Herault dal 1987 al 1989. Se fosse stato in OM o Monaco da giovane, avrebbe potuto non avere quella tranquillità. A Montpellier il presidente lo ha coccolato ed è stato amato dal pubblico, dai suoi soci e dai suoi allenatori. “

READ  Caroline Garcia si è qualificata per il suo primo quarto di finale e Corentin Mute ha mancato il suo ruolo negli ottavi di finale

Originario di Rousson (Sevennes), Laurent Blanc ha trovato i suoi genitorisettimanalmente“Durante i suoi primi anni da professionista. Durante ogni vacanza estiva, rimane nel bozzolo locale di Carnon (Herault) e Pascal Bayles, che si unisce ai suoi ex allenatori, rivela l’importanza dell’MHSC nel percorso del suo amico”.Nonostante le ferite (frattura della mascella, muscoli posteriori della coscia, ecc.) che è riuscito a rallentarlo all’inizio della sua carriera, il club ha preso tempo con Laurent mantenendo la fiducia in lui.”, sottolinea.

Negoziava ricompense con il capo Nikulin e spesso otteneva ciò che chiedeva.

Fin dai suoi primi anni, Laurent Blanc si è dimostrato indispensabile agli occhi dei suoi allenatori. “Laurent, conservo solo i bei ricordi. Sul campo ha avuto così tante discussioni straordinarie che è stato difficile non apprezzarlo. Era un bravo e bravo giocatoresostiene Robert Nazareth, che in seguito divenne direttore sportivo del Montpellier. Inoltre Laurent era un uomo senza problemi, davvero molto elegante. Aveva tutte le qualità per avere successo nella vita.. “

Possiamo svelare le fibre del futuro allenatore all’alba del suo ventesimo compleanno? “non ancora”, risponde, francamente, Pierre Mosca, il quale rileva che il ruolo di comandante era occupato in quel momento dall’ex Albert Rost, o Nenad Stojkovic, o Julio Cesar, o Roger Milla, o Gérard Bernardette (e il camerunese), con l’eccezione di Bernardette.

Nei suoi primi giorni, sembrava distaccato e calmo. Lulu non è mai stato stressato perché è così bravo tecnicamentedice Pierre Mosca. Ma potrebbe suonare come un’impressione sbagliata perché non ha mai tradito in campo, perché era intelligente. “Piero parla di un certo periodo in cui Laurent si è infortunato spesso. Era complicato per lui affermarsi in quel momento‘”, aggiunge Pascal Biles, che descrive come il suo ex compagno di squadraGuida al posizionamento e sostituzionePerché con le stagioni che passano accanto al suo giovane incarico e il titolo di Campione Europeo di Espoirs guadagnato nel 1988, Laurent Blanc occupa un posto chiave nella forza lavoro di Montpellier.

White, il pericolo di diventare obsoleto: ‘La domanda è se è stato aggiornato’

Era il leader naturale di una squadra che aveva ancora Michel Der Zakarian, Jacek Zyuber o Carlos Valderrama.ricorda Claude Barabi, arrivato in MHSC nell’estate del 1990. Non era qualcuno da gridare dai tetti, ma con la sua conoscenza del gioco, è riuscito a impressionare tutti. Poi ha organizzato incontri tra i giocatori quando le cose non andavano bene. Ricordo che all’epoca ci fu un incontro di lavoro all’UNFP sulla durata del contratto e riuscì a portare tutti i giocatori dal Montpellier al Parigi. Nonostante la giovane età, è stato ascoltato. “

e rispettato, anche all’interno delle massime autorità di Montpellier. Perché Laurent Blanc avrebbe negoziato personalmente i bonus delle partite con il presidente Louis Nicolin. “Spesso otteneva ciò che chiedevaClaude Barabi ricorda. Laurent era sicuro di sé e sapeva cosa voleva per la squadra. Quando ha negoziato, sul campo non c’erano circa undici persone, ma venti professionisti. Anche se a prima vista sembra freddo, è aperto al dibattito. Ho amato il suo lato umano nel gruppo. “

Da metà a liberiano

Sempre a Montpellier, Laurent Blanc ha assistito a un grande cambiamento nella sua carriera calcistica. Nella stagione 1989-90 gli fu chiesto da Aimé Jacquet e poi da Michel Mizzi di dimettersi da Libero. “All’inizio era titubantericorda Pascal Biles. Penso che dentro fosse convinto anche di quello, ma ha detto che era troppo presto perché voleva toccare più palloni nel mezzo.. “

A questo punto di svolta nella carriera di Laurent Blanc, Pierre Mosca svela una nuova versione. “Ricorderò per sempre quel giorno in cui venne a trovarmi nel mio ufficio per dirmi: “Allenatore, mi piacerebbe fare il libero”… All’epoca eravamo 3° in P1 e avevo la miglior posizione cardine con Nenad Stojkovic e Julio Cesar. Gli ho risposto: chi mi ritirerei in questo caso? No, sei giovane, stai nel mezzo e scappi. Inoltre, aveva due tori al suo fianco: Jean-Claude Lemault e Gerard Bernardette. Lulu doveva solo concludere le procedure e lo ha fatto molto bene. Penso che mi abbia fatto questo suggerimento per comodità. Ma quando mi successe Aimee Jacquet, si fece carico della partenza di Julio Cesar alla Juventus. “

Laurent Blanc ha vinto la Coupe de France 1990 con Montpellier.

Credito: Getty Images

Laurent Blanc ha sfruttato il nucleo del suo immenso potenziale dietro di lui? Nessun dibattito sta ascoltando i suoi ex colleghi di Montpellier. “Ha senso solo che abbia fatto un passo indietro perché gli ha permesso di vedere meglio la partitaosserva l’ex portiere Claude Barabi. Quando era davanti a me, era più facile. Ogni volta sentiva i colpi e tagliava i percorsi delle palle avversarie. Ma è rimasto un giocatore abile anche sotto porta perché ha analizzato velocemente la partita. E dopo l’allenamento, abbiamo fatto una serie di tiri in porta e lui mi ha detto: “Farò 10/10”. E spesso vinceva il duello. “

Anche da difensore, Laurent Blanc ha continuato a gonfiare le sue statistiche offensive prima della sua partenza per il Napoli nel 1991. Dopo 31 anni, il “Presidente” è tornato a Mawson per raccogliere i tre punti. Con Frank Bassey come Vice. Un veterano di La Paillade, ovviamente.

Lega francese 1

Blanc: “Ho amato tutto di questa giornata tranne il risultato”

16/10/2022 alle 17:44

Lega francese 1

L’ex Lione rovina la premiere di Blanc

16/10/2022 alle 14:53