Novembre 29, 2022

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Mondiali 2022 – Olivier Giroud, 51 gol come Thierry Henry, ha sempre creduto in lui

È una storia che è stata raccontata centinaia di volte. O, se pensi che stiamo esagerando, almeno cinquantuno volte. Con ogni gol, ogni ruggito di gioia della persona coinvolta, abbiamo pensato che Olivier Giroud fosse un giocatore speciale, un attaccante come nessun altro. Perché non ha seguito la stessa strada dei calciatori che sono arrivati ​​a questa altezza; Nel giorno in cui ha festeggiato il suo 25esimo compleanno, la nazionale francese non era più un miraggio. Ma è ancora una speranza un po’ lontana.

La sera della prima, contro gli Stati Uniti, la FIFA non avrebbe consegnato le chiavi del 22° Mondiale della storia del Qatar. Dodici anni dopo, nel cuore dello stato del gas, Jerrod ha raggiunto un traguardo che nessuno avrebbe immaginato per lui. Forse è vero? Una cosa è certa, l’attaccante del Montpellier ha creduto in lui.

Coppa del Mondo

Mbappe sulla data della sua storia: “È la sua concorrenza”

un’ora fa

Per dodici anni, dal suo primo gol in Germania, il 29 febbraio 2012, a quella doppietta contro l’Australia, Olivier Giroud ha condiviso la sua vita con gli scettici, con la sporadica ma esacerbata concorrenza di Karim Benzema. Ci sarà solo un posto tra i due. Cosa che l’attaccante del Milan ha capito molto in fretta. Ma a cosa non ha mai ceduto. E questo è di Euro 2012, la sua prima competizione in maglia azzurra.

Benzema o lui

I due hanno suonato occasionalmente insieme, ma senza successo o accordo degno di nota e abbastanza notevole da stabilizzare il duo. E poi Karim Benzema è sparito dalla circolazione, parte del pubblico per un po’ e, stranamente e ingiustamente, ha dato la colpa a Olivier Giroud. Il numero 9 non ha fatto molto di lui, troppo impegnato a far gol e ad avvicinarsi dall’alto, vincendo anche il Mondiale 2018 durante un torneo che paradossalmente si è concluso con un punto zero.

READ  Lille-Metz, missione Dupraz, arbitraggio, Neymar : le cime e i flop della 25a giornata di Ligue 1

Poi Benzema è tornato, dicendo a Giroud di farsi strada. Nella formazione titolare, durante l’Euro. Nel girone dopo l’euro. Dopodiché, “Olive” è uscita dalla porta ed è tornata dalla finestra. In un momento in cui nessuno credeva veramente in lui. Tranne lui. Ancora e sempre.

Ha fatto bene, ancora una volta, a tenere duro, a dare a Didier Deschamps gli impegni che aspettava. Perché DD aveva dei dubbi sulla sua capacità di vivere all’ombra di Karim Benzema e di sedersi in panchina. Il resto lo sai. cinquanta. cinquantuno. E qui è legato a Thierry Henry, nella stessa fase della carriera internazionale dell’ex numero 12 del tricolore (nota: come Henry, Giroud ha segnato 51 volte in 115 selezioni).

Infortunio Hernandez: Deschamps ha commesso un errore nella sua lista?

“È un grande onore poter eguagliare Tite, una leggenda del calcio franceseconfesso martedì al microfono di TF1. Questo onore. Spero di non fermarmi qui. Spero ancora di aiutare i miei compagni durante la competizione a finire bene. È stata davvero una serata perfetta per me, ma soprattutto per la squadra”.

Didier Deschamps, che lo ha tenuto sotto pressione negli ultimi mesi, non può che salutare il successo dell’attaccante: “Al di là del record, c’è soprattutto quello che fa in campo, cosa che ha sempre fatto. È stato efficiente, e questo è stato molto meglio per lui. Soprattutto, questo è un aspetto importante nell’animazione offensiva rispetto al tutto il gruppo (…) È un bene che sia uscito, oltre all’incoraggiamento dei tifosi francesi. Non è sempre stato così. Impossibile immaginare altro oggi.

Coppa del Mondo

Hernandez Pack, Blues on a Wire: chi aiuterà la sinistra?

13 ore fa

Coppa del Mondo

Sicurezza nei duelli, ripartenza stile Pogba: estratti i 7 punti di Upamecano

13 ore fa