Dicembre 1, 2022

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Migliaia di tunisini manifestano contro l’alto costo della vita e contro il presidente Kais Saied

La rabbia sta crescendo sullo sfondo di carenze diffuse e alta inflazione. Migliaia di tunisini hanno manifestato, sabato 15 ottobre, a Tunisi per denunciare le politiche del Presidente della Repubblica, Kais Saied, al potere dal 2019, accusandolo di essere responsabile della grave crisi economica che affligge il Paese.

Guidati dal Fronte di salvezza nazionale, un’alleanza formata dai partiti di opposizione, tra cui il partito islamista Ennahda, i manifestanti sono scesi nelle strade principali della capitale tunisina, chiedendo la partenza del presidente. “Vai via, vai via”E il “Rivoluzione contro il dittatore Qais”E il “La gente vuole che il presidente venga licenziato”.I manifestanti hanno cantato.

L’inflazione ha raggiunto quasi il 9% in un anno

La Tunisia soffre di debiti che superano il 100% del suo PIL e non è in grado di indebitarsi sui mercati internazionali. Secondo un comunicato stampa diffuso sabato dal Fondo monetario internazionale, è stato raggiunto un accordo con il governo che consente il rilascio di pagamenti per un valore di 1,9 miliardi di dollari. L’accordo deve ancora essere approvato dal consiglio di amministrazione del fondo.

In cambio di tale esborso, il governo tunisino si è impegnato in un programma di riforme. Comprende in particolare la tassazione dell’economia sommersa, misure di sostegno più modeste, nonché la promozione della trasparenza all’interno del settore pubblico.

La crisi finanziaria degli ultimi mesi è sfociata Frequenti carenze di merci (farina, zucchero, caffè, ad esempio) in un contesto di rapida inflazione, mentre quest’ultima ha sfiorato il 9% ad agosto, nell’arco di un anno.

Leggi anche: Questo articolo è riservato ai nostri iscritti Banche, anelli deboli nei paesi emergenti

Le difficoltà che deve affrontare il Paese, nel declino economico decennale, sono state esacerbate dalla crisi del Covid-19 e dalla guerra in Ucraina, che ha aumentato l’importazione di grano e idrocarburi, da cui è fortemente dipendente.

Sede dello scoppio della Primavera araba nel 2011, la Tunisia è stata anche coinvolta in una grave crisi politica dopo il colpo di stato militare del paese. Il presidente Kais Saied, che ha preso il pieno potere nel luglio 2021 chi indossava Riforma costituzionale Per rafforzarlo, è stato adottato senza entusiasmo con referendum nell’estate del 2022.

“Questa manifestazione riflette la rabbia per la situazione in Tunisia durante l’era di Kais Saied e ne chiede la partenza”.Lo ha detto all’Agence France-Presse (Afp) l’ex primo ministro Ali Larayedh, vice capo del partito Ennahda. Se l’attuale potere politico continua, non ci sarà futuro per la Tunisia. Aumentano povertà, disoccupazione e disperazione”.Ha aggiunto.

Leggi anche: In Tunisia, la deriva di Kais Saied

Contemporaneamente si è svolta sabato a Tunisi anche un’altra manifestazione di protesta contro il deterioramento delle condizioni di vita, organizzata dal Partito Free Destourian, formazione di opposizione anti-islamista. I partecipanti a questo spettacolo hanno sventolato panieri vuoti in riferimento al forte calo del potere d’acquisto.

Il ministero dell’Interno tunisino ha riferito all’Afp che circa 1.500 persone hanno partecipato alla manifestazione organizzata dal Fronte di Salvezza Nazionale, mentre la manifestazione guidata dal Partito Liberal Democratico ha raccolto circa un migliaio di manifestanti.

Grandi interruzioni all’approvvigionamento di carburante

Il paese ha anche subito gravi interruzioni nella distribuzione del carburante per diverse settimane. I giornalisti dell’AFP hanno detto giovedì che si sono formate code lunghe centinaia di metri, giovedì, davanti a diverse stazioni di servizio a Tunisi.

Le stazioni continuano ad essere rifornite “modo normale”le autorità hanno affermato, tuttavia, di attribuire l’interruzione a a “Accelera” Gli automobilisti che riempiono insolitamente i loro serbatoi.

“E’ vero che ci sono problemi con la fornitura delle navi… ma il prodotto è disponibile”Lo ha detto il ministro dell’Energia Naila Noera Junji, riferendosi a “difficoltà finanziarie” Le aziende pubbliche a pagare per le importazioni di carburante. “Prima di allora, i fornitori ci davano un mese o due per pagare le bollette, e oggi non è più così. I fornitori non scaricano fino a quando le merci precedenti non vengono pagate”Io spiegai.

Leggi anche: Questo articolo è riservato ai nostri iscritti Allerta tempesta per le economie emergenti

Il mondo con AFP

READ  Kiev afferma di aver lanciato un contrattacco nell'est e nel nord-est del Paese