Dicembre 1, 2022

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Mark Martinez: “Le biblioteche accademiche hanno molto da guadagnare dalla scienza dei cittadini”

Dal 28 al 30 settembre il convegno annuale dell’Associazione Biblioteche e Dirigenti e Dirigenti della documentazione di Ateneo (ADBU) Valutazione del progresso della scienza aperta nelle università e nelle biblioteche universitarie. Presidente dell’Assemblea Marco Martinezritorna ai siti che richiama.

Cosa hai imparato da questi scambi sulla scienza aperta?

Hai valutato gli sforzi che devono ancora essere fatti per andare avanti. La sociologa Christine Muslin ha sostituito i bibliotecari in un sistema di poteri, pesi e contrappesi nelle università, che è il simbolo della loro gestione (tra dipartimento generale dei servizi, presidenza, capi dipartimento, ecc.). Gli sforzi e le convinzioni dei bibliotecari non bastano.

Il fisico Jean-Sebastian Coe dell’Università di Amsterdam ha chiesto più attività.

L’attività dei bibliotecari è essenziale per il progresso della scienza aperta in tutte le sue dimensioni su base quotidiana e sul campo: apertura delle pubblicazioni e dei dati, piani per la gestione dei dati della ricerca, ecc.

Per quanto riguarda i ricercatori di combattimento, è buono e necessario. Anche i ricercatori che sono in grado di investire nelle strutture di potere dell’università sono ancora migliori. Devono essere accompagnati da persone in grado di iniettare le proprie idee negli organi decisionali e comprendere la complessità dei sistemi nazionali, che possiamo peraltro invidiare.

Possiamo essere orgogliosi, come abbiamo sentito alla conferenza, della politica francese centralizzata della scienza aperta?

Siamo invidiosi e abbiamo ragione in questo fintanto che lo vediamo da lontano. Consente la coesione nazionale, a differenza, ad esempio, del modello tedesco, che è frammentato e complesso, perché le decisioni politiche in questo campo vengono prese principalmente a livello statale. Ma possiamo imitare utilmente i nostri partner tedeschi in termini di intensità degli investimenti a lungo termine che i politici fanno nella ricerca e nella scienza aperta…

READ  La HAS raccomanda d'autoriser les pharmaciens, infirmiers et sage-femmes à adminstrer la plupart des vaccins du calendrier vaccinal

Come stanno cambiando le risorse delle BU francesi?

Le nostre BU sono significativamente indietro in termini di risorse sostenibili rispetto alle loro controparti europee e questo ritardo aumenta di anno in anno. Questo è un freno allo sviluppo dell’offerta di servizi per gli studenti francesi e le comunità di ricerca, ed è un freno al successo degli studenti e all’eccellenza della ricerca, due degli imperativi strategici del paese. Pertanto i membri dell’ADBU lavoreranno al piano BU 2030 che stabilirà la diagnosi e proporrà un piano pluriennale di recupero per l’aggiornamento finanziario e strategico.

Modelli in oro, diamanti, grigi, verdi… Ne scegliamo solo uno?

C’è spazio per tutti i modelli. Fisici, avvocati, medici e matematici non hanno le stesse pratiche di ricerca, quindi la risposta non può essere uniforme. Non possiamo decidere da Parigi su una politica nazionale per un unico strumento, ma piuttosto concordare strumenti comuni e interoperabili, come la piattaforma di riferimento alone. Il principio sostenuto dall’ADBU è la diversità dei libri, con spazio per tutti coloro che sono coinvolti nell’editoria accademica. Siamo convinti che non sarebbe possibile – e non sarebbe salutare – imporre un modello unico.

Le BU svolgono un ruolo di primo piano nella cosiddetta scienza “partecipativa”, cioè la scienza a cui i non scienziati possono contribuire?

Imparare con e per la società è un obiettivo che le università hanno cominciato a cogliere. Non si trovano ancora nelle biblioteche universitarie, ma sono un’estensione quasi naturale delle politiche di scienza aperta che attuano all’interno delle loro istituzioni ea livello nazionale. Sono convinto che abbiano molto da contribuire e da questo da guadagnare in termini di lavoro senza isolamento con altri servizi universitari, raggiungendo un pubblico più ampio di quelli che normalmente servono.

READ  Bitcoin: 200 milioni di tonnellate di anidride carbonica