Giugno 26, 2022

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Mamto Coulibaly, il meraviglioso destino del calciatore senegalese senzatetto in Italia – Jean Africa

Mamadou Coulibaly, arrivato clandestinamente in Europa nel 2015, ora gioca in Serie A e fa parte dell’elite del calcio italiano. Un viaggio straordinario, ha detto “Jeune Afrique”.

Mancano ancora sei anni e Mamoto Coolipalli si è avventurato a capofitto in Italia. Senegalese, un uomo della classe media, è fuggito dal suo paese a rischio della sua vita. Lui ha 16 anni. Dopo essere rimasto nascosto per molti mesi, ora è un calciatore professionista italiano di Serie A a Salerno, dove è stato prestato dall’Udinese.

Jeun Afrique: Sei entrato illegalmente in Europa sei anni fa. I mesi che seguirono furono molto difficili. Tuttavia, in Senegal, non venivi da un ambiente arretrato…

Mamadou Coulibaly: Infatti. Sono nato a Theos, dove mio padre era un insegnante di sport. Ma non siamo né ricchi né poveri. Mio padre conduceva una vita dignitosa, adeguata in ogni caso, quindi a casa non ci mancava. Mia madre non ha lavorato, solo su un assegno, dopo aver pagato tutto, non era rimasto molto. Quando mio fratello maggiore è diventato un insegnante di inglese, le cose sono migliorate. Ma quando sei giovane, quando vedi tuo padre lottare ogni giorno per guadagnarsi da vivere finalmente, può essere difficile.

Young, eri già interessato al calcio?

Sì. Volevo vincere il calcio. Mio padre, che giocava lì, disse che volevo praticarlo, ma per hobby. Voleva che mi concentrassi sui miei studi e poi comprassi un lavoro. Il problema per lui era che non giocavo a calcio, ma aveva paura che non avrei avuto successo professionalmente e non sapevo cosa fare. Così mi iscrisse a un’accademia sportiva. Ma onestamente, ero interessato a giocare a calcio.

Ho preso l’autobus per il Marocco

A 16 anni decidi di lasciare il Senegal senza dirlo ai tuoi genitori. È il risultato di un desiderio o di un lungo pensiero?

READ  Le migliori offerte sono qui

Dall’età di dieci anni, ha avuto l’idea di andare in Europa per giocare a calcio. Lì, i genitori possono risparmiare denaro per i loro figli. In Africa non funziona così. Devi imparare a difenderti, soprattutto perché gli Stati non fanno molto per i giovani. Così ho deciso di andare. Ho detto a due amici, ho preso un autobus per il Marocco, dove sono rimasto per una settimana e ho fatto quello che potevo. Poi sono andato a Marsiglia e Grenoble, dove avevo una zia. Non poteva trattenermi ancora per molto e mentre atterravo senza preavviso ha contattato qualcuno che conosceva che vive a Livorno, in Italia.

È lì che sono iniziate le battute davvero…

In primo luogo, mi sono trovato in una casa con altri che erano in una situazione simile. Era difficile e non riuscivo a procurarmi cibo a sufficienza ogni giorno. Stavo facendo del mio meglio senza soldi. Non parlo italiano பிறகு Dopo un po’ ho dormito per strada o al supermercato per evitare il freddo.

Tuttavia, ho ricominciato a giocare a calcio in una squadra di futsal. Non avevo il permesso di soggiorno e temevo di essere arrestato dalla polizia e rimandato in Senegal. Quindi sono rimasto zitto quando ho visto la polizia. Per fortuna non sono mai stato arrestato… Poi sono partito per Pescara e infine, a 40 chilometri di distanza, sono andato a Rosetto.

Hai pensato di tornare in Francia o in Senegal?

Ho chiamato persone in Francia, conoscenti. Dal momento che il numero era sconosciuto, hanno preso la prima volta. Ora che conoscevano la mia situazione, hanno smesso di rispondere alle mie chiamate. Ma non ho rabbia. Tornerai a Theos? affatto. Sapevo che sarebbe stato un incubo se fossi tornato indietro. Quando lasci il paese per una vita migliore e torni, è complicato. I miei genitori sono stati informati della mia condizione. Mia madre, senza alcun messaggio da parte mia, pensava addirittura che fossi morto.

Non consiglio a nessuno di fare quello che faccio io. Mi sono messo in pericolo

A Rosetto la tua situazione ha iniziato a migliorare…

READ  Quali sono le aspettative in Italia e Ungheria?

Ho lottato per mesi. Mi trovavo vicino al campo di calcio del City Club, e un giorno, mentre dormivo negli spogliatoi dello stadio, è arrivata la polizia. Con loro c’era Girolamo Pissari, ex professionista che ha allenato al Roseto. Ha capito la mia situazione e mi ha aiutato.

Sono stato portato alla stazione di polizia e ho pensato che sarei stato deportato. Ma Pizzeria ha provveduto ad assicurarmi un permesso di soggiorno temporaneo. Anche la polizia mi ha aiutato, e sono stata sistemata in un centro di accoglienza per giovani immigrati. Lì ho imparato la lingua italiana e Pizzeria si è offerta volontaria per fare esperimenti in vari locali, in particolare ad Ascoli e Sassuolo. Non ho potuto firmare la licenza in quanto la mia situazione amministrativa non è stata risolta. Poi un giorno sono riuscito a firmare per il Pescara, ho iniziato a giocare con gli under 19, poi con i professionisti. Ho iniziato a realizzare il mio sogno.

Hai un contratto con l’Udinese, ti ha prestato a diversi club, la Salernitana, è stata promossa in serie A in questa stagione.

Mi rendo perfettamente conto di cosa mi sta succedendo. Sono un testardo, non voglio arrendermi. Ma attenzione: non consiglio a nessuno di fare quello che faccio io. Era così pericoloso, così pericoloso, che mi sono messo in pericolo. lo soCi sono molti giovani africani che vengono in Europa illegalmente per cercare di trovare un club, Ma quante persone lo fanno? Sono stato fortunato ad avere l’aiuto di alcune persone. Da quando ho giocato a calcio in un corso sportivo in Senegal avevo delle buone basi e ho imparato molto a Roseto e soprattutto a Pescara. Ho perso tempo non giocavo perché dormivo per strada. Tutto quello che faccio è per la mia famiglia, per aiutarla a vivere meglio.

READ  Perché l'Italia scappa (per ora) Vokis

Oggi vivo bene e posso aiutarli, questa è la cosa più importante. Tornerò a Theos non appena potrò vedere la mia famiglia. Il mio obiettivo è continuare a giocare ad alto livello. Gioco in Italia, uno dei migliori campionati del mondo, amo giocare per il Senegal. Il mio obiettivo è il Mondiale 2022 in Qatar.

Tuo padre, che invece immaginava che stessi facendo un altro lavoro, si sente orgoglioso di te?

Sì. È una persona dura ed esigente, ma molto ragionevole. Ha detto che era orgoglioso di me e felice di essere riuscito a raggiungere l’obiettivo che mi ero prefissato. So che sta dicendo la verità.