Gennaio 20, 2022

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Mal di schiena: un gel iniettabile per rigenerare i dischi intervertebrali

Science & Vie: Ciao Atma, puoi raccontarci il tuo background? Sei uno studente di dottorato all’École Polytechnique de Montreal?

Atma Adoungotchodo: “Benvenuto in Science and Knowledge e grazie per avermi permesso di parlare del mio progetto di tesi. Attualmente sto completando il mio dottorato di ricerca in tecnologie sanitarie presso liceo tecnologico. Ho una laurea in Ingegneria Biomedica presso l’École Polytechnique di Montreal. Questo tirocinio ha aperto il mio appetito per la ricerca medica introducendomi alle molte tecniche che devono ancora essere sviluppate per migliorare o sviluppare nuovi trattamenti o metodi diagnostici più accurati. Quindi, nella continuità logica delle cose, ho conseguito il dottorato di ricerca. “

Science & Vie: Hai appena vinto questo finalista del concorso internazionale “My Thesis in 180 Seconds” con il tuo lavoro sulla progettazione di un bio-idrogel iniettabile per la rigenerazione del disco intervertebrale. Cosa ti ha spinto a lavorare sul tema del mal di schiena?

Atma Adoungotchodo lavora su un idrogel in grado di ricostruire i dischi intervertebrali usurati, fonte di intenso dolore.

Atma Adouungotchodo: “Non ero a conoscenza di questa malattia prima di iniziare il mio progetto di tesi. Di tanto in tanto ho mal di schiena, come tutti gli altri, ma non mi rendevo conto che c’erano persone che potevano disabilitarlo. Ho iniziato questo progetto perché ero preoccupato, principalmente lavorando sulla medicina rigenerativa, il cui obiettivo è riparare e ripristinare i tessuti del corpo.

I processi naturali sono così ben fatti, così ben pensati ed eseguiti che è difficile trovare trattamenti che siano esattamente come il corpo. Quindi voglio aiutare l’organizzazione a riprendere il controllo di se stessa piuttosto che farlo per essa. Questo è l’obiettivo del mio progetto: cerco di aiutare i dischi a ripararsi da soli e a riprendere le loro funzioni piuttosto che sostituirli con materiali sintetici. Questo è ciò che mi ha spinto a lavorare su questo progetto. Sono molto felice che questo vada per un problema di mal di schiena che colpisce così tante persone, molto più di quanto avrei mai immaginato. “

READ  Mangiare funghi per ridurre il rischio di depressione

Science & Vie: La tua tesi mette in evidenza un idrogel che consente ai dischi intervertebrali di rigonfiarsi. Come funziona?

Atma Adoungotchodo: In poche parole, un idrogel è una sostanza che agisce come un impianto per rafforzare il disco interessato. La parte interessante è che contiene cellule ed elementi biologicamente attivi che le stimoleranno nel tempo a “ripararsi” e rinnovarsi in modo da ripristinare perfettamente le proprietà biomeccaniche iniziali.

La cosa grandiosa del materiale che usiamo è che è sensibile alla temperatura. A 25°C è liquido ea 37°C, che è la temperatura del corpo umano, diventa solido. Quindi può essere iniettato facilmente con una siringa, senza la necessità di un intervento chirurgico alla schiena per tenerlo in posizione. “

Atma paragona un disco intervertebrale sano a un cuscino ben gonfiato. Con l’età, questo cuscino tende a ridursi con conseguente attrito tra le vertebre e uno schiacciamento molto doloroso dei nervi. L’idrogel di Atma, destinato a “rigonfiare” il disco intervertebrale, contiene anche chitosano, un polisaccaride estratto dal guscio di alcuni crostacei, oltre a componenti destinati a rinforzare le cellule del gel.

La scienza e la conoscenza: il tuo idrogel apre la possibilità che tu possa essere in grado di fare a meno della chirurgia per trattare la distruzione del disco vertebrale in alcuni pazienti. Hai idea di quanto tempo ci vorrà per arrivarci? Quale futuro vuoi scoprire?

Atma Adongochodo: “Lavorerò a questo progetto per quasi cinque anni. Siamo solo all’inizio. Abbiamo dimostrato con successo il concetto, ma ciò che segue richiederà la partecipazione di aziende biomediche che hanno l’esperienza e le risorse per completare questo tipo di progetto .

READ  Confermata la ripresa dell'epidemia in Francia

Non ho idea di cosa accadrà dopo il mio messaggio. Pertanto, affinché questa tecnologia possa essere utilizzata con tutti i pazienti con degenerazione del disco intervertebrale, vorrei che le aziende biomediche fossero interessate a questo argomento.

Attualmente esistono metodi chirurgici per il trattamento di questo tipo di patologia. Ricorda però che questi metodi non sono adatti a tutti e non risolvono davvero il problema. Ci sono persone che, oggi, sono condannate a vivere tutta la vita con questo dolore insopportabile, perché su di loro non è possibile eseguire un intervento chirurgico per vari motivi.

Ho già parlato con alcuni di loro che erano interessati a dove fosse la mia tecnologia. Ero completamente impotente di fronte al loro dispiacere perché anche se sto lavorando su un sostituto, mi rendo conto che con le risorse esistenti ci sarebbe voluto molto tempo. Tuttavia, hanno bisogno di una soluzione al loro dolore il prima possibile!

Vediamo molto bene con la pandemia di COVID-19 come la ricerca possa svilupparsi rapidamente quando vengono mobilitate le risorse necessarie. Non chiedo la stessa quantità di attenzione al mio argomento, ma spero sinceramente che non si fermi quando avrò finito la mia tesi. “