Gennaio 20, 2022

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

L’uomo d’affari che voleva riavere il nome di dominio France.com rifiutato dalla Corte Suprema degli Stati Uniti

Nel 1994, quando Internet era solo una piattaforma segreta, Jean-Noel Friedman, un uomo d’affari franco-americano, registrò il nome di dominio France.com. Ventisei anni dopo, lunedì 13 dicembre, aLa Corte Suprema degli Stati Uniti ha finalmente posto fine alle cause intentate negli Stati Uniti contro la Francia, sperando di recuperare il nome a dominio.

La più alta corte degli Stati Uniti ha rifiutato di ascoltare l’appello di Jean-Noel Friedman, che ha accusato la Francia di possederlo “confisca” In violazione della legge sulla proprietà degli Stati Uniti. Il rifiuto della Corte Suprema conferma la decisione della Corte d’Appello Federale che, a marzo, ha stabilito che Parigi non poteva essere processata sul suolo statunitense nel caso perché Immunità sovrana.

Oggi France.com viene reindirizzato automaticamente a France.fr, il portale ufficiale del turismo in Francia.

Francese espatriato negli Stati Uniti, Jean-Noel Friedman, ha reso France.com un sito web informativo per francofoni e francofoni che vivono negli Stati Uniti, nel 1994, prima di essere pubblicato nel 1997 in un’agenzia di viaggi online. Destinato a un pubblico americano. In un’intervista con AFP, ha affermato di aver inviato “Tra 100.000 e 150.000” I turisti sono in Francia da quasi 20 anni, prima che lo stato francese, nel 2015, gli chiedesse di ripristinare il nome France.com.

La Francia è stata sequestrata da un tribunale di Parigi e nel 2016 ha ordinato il trasferimento del nome a dominio allo Stato, decisione confermata in appello nel settembre 2017. Jean-Noel Friedman ha quindi presentato ricorso in cassazione.

Senza attendere l’esito di tale ricorso, la società Web.com, che gestisce l’indirizzo IP, ha trasferito il nome allo Stato francese. “Per correggere gli errori che si sono verificati nel suo lavoro.”, poi l’uomo d’affari si è rivolto alla giustizia americana, senza successo.

READ  Renault: leggero aumento dell'orario di lavoro in Francia per sostenere le prestazioni