Ottobre 6, 2022

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

L’UE sospende l’accordo di facilitazione del visto per i russi

Questo accordo, concluso nel 2007, ha facilitato ai cittadini russi l’ottenimento dei visti di ingresso nell’Unione Europea.

Articolo di

pubblicato

Modernizzazione

momento della lettura : 1 minuto.

Un accordo è stato raggiunto. I ministri degli esteri dell’Unione europea hanno deciso mercoledì (31 agosto) di sospendere l’accordo di facilitazione del visto con la Russia, il che renderà l’ottenimento dei visti più difficile e dispendioso in termini di tempo per i cittadini russi, ha affermato il capo della diplomazia europea.

Josep Borrell ha affermato che i ministri riuniti a Praga hanno concordato le relazioni con Mosca ‘Non può rimanere lo stesso’ A causa dell’invasione russa dell’Ucraina, è stato necessario concludere un accordo “completamente eccezionale”. Dopo lo scoppio del conflitto, questo accordo è stato parzialmente sospeso dall’Unione Europea per alcuni cittadini russi legati al regime (delegazioni ufficiali, titolari di passaporti diplomatici, dirigenti d’azienda, ecc.), ma altri hanno continuato a beneficiarne.

Josep Borrell, che ha fatto una concessione ai membri dell’est dell’UE che hanno chiesto misure più severe, ha affermato che i paesi confinanti con la Russia “Può adottare misure a livello nazionale per limitare l’ingresso nell’Unione Europea”. Tuttavia, ha chiarito che queste misure dovrebbero essere in linea con le regole dell’area Schengen e ha sottolineato l’importanza che i membri della società civile russa possano continuare a viaggiare verso l’Unione europea.

All’inizio di oggi, Polonia, Estonia, Lettonia e Lituania hanno preso in considerazione questa sospensione segnerà Un primo passo necessario Ma era necessario “Ridurre significativamente il numero di visti rilasciati, soprattutto turistici, per ridurre il flusso di cittadini russi verso l’Unione Europea e l’area Schengen”.