Gennaio 22, 2022

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

L’OCSE è preoccupata per i numerosi squilibri che minano la ripresa globale

Dopo il picco atteso nel quarto trimestre del 2021, la ripresa economica mondiale rallenterà. Secondo le previsioni dell’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE) pubblicate mercoledì 1egli è Si prevede che la crescita del PIL globale a dicembre aumenterà dal 5,6% nel 2021 al 4,5% nel 2022 e quindi al 3,25% nel 2023. L’economia globale non dovrebbe recuperare prima del 2023. Prima dell’epidemia di Covid-19, con una ripresa molto più rapida nelle economie avanzate rispetto ai paesi emergenti e poveri.

Soprattutto, questa ripresa è più incerta che mai perché è minacciata da gravi squilibri economici e sanitari globali, avverte l’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico. Primi in termini di vaccinazione: nei Paesi ricchi sono state somministrate in media 147 dosi ogni 100 abitanti, contro le 8 dei Paesi poveri, il che aumenta il rischio di insorgenza di nuovi ceppi potenzialmente più infettivi e resistenti ai vaccini, così come il caso con la variante Omicron che è stata scoperta di recente. Con dati incompleti sulla sua letalità e infezione, è troppo presto per valutare le conseguenze.

L’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico sottolinea che “priorità politica” chi è lui “Per garantire che i vaccini siano prodotti e distribuiti il ​​più rapidamente possibile in tutto il mondo”. In altre parole, l’epidemia non sarà sconfitta da nessuna parte se non scomparirà ovunque. Un messaggio difficile da ascoltare per i politici, secondo Lawrence Boone, capo economista dell’organizzazione: I paesi del G20 hanno speso 10 trilioni di dollari (8800 miliardi di euro) Per sostenere la loro economia durante la pandemia, i paesi poveri hanno bisogno di 50 miliardi di dollari per immunizzare le loro popolazioni. Perché non fare di più per salvarci a un costo umano ed economico così alto? “

marmellate

Anche i percorsi economici dei paesi divergono. La perdita di crescita è stata relativamente maggiore per le economie emergenti (…) Soprattutto per i paesi in via di sviluppo a basso reddito”, Prende atto dell’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico, che sottolinea la sua fragilità a causa dell’elevato debito in valuta estera, che ostacola il suo margine di manovra fiscale e potrebbe rallentarne la ripresa.

READ  Wall Street chiude in ribasso, emergono timori di inflazione - 17/11/2021 22:39
Leggi anche Questo articolo è riservato ai nostri abbonati Rallentamento della ripresa economica in Europa

Gli squilibri stanno finalmente aumentando in ogni economia, poiché il consumo privilegia i prodotti manifatturieri piuttosto che i servizi, mentre si sposta verso l’e-commerce. Lo dimostra il divario di crescita tra scambi di beni e servizi, pubblicato martedì 30 novembre dalla Conferenza delle Nazioni Unite sul commercio e lo sviluppo. Il primo è balzato del 22% nel terzo trimestre del 2021, su base annua, mentre il secondo è cresciuto del 6%. Il commercio di merci, che è ammontato a 5,6 trilioni di dollari nel terzo trimestre del 2021, è ai massimi storici.

Hai il 50,12% di questo articolo da leggere. Il resto è solo per gli abbonati.