Gennaio 20, 2022

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

L’innalzamento del livello del mare potrebbe essere di 5 metri a causa della sola Antartide

Un nuovo lavoro di modellazione ha dimostrato che se l’attuale cambiamento climatico continua fino al 2100, la calotta glaciale antartica potrebbe contribuire all’innalzamento del livello del mare fino a cinque metri nei secoli successivi. Questi risultati, che non tengono conto dell’aumento associato allo scioglimento della calotta glaciale della Groenlandia e dei ghiacciai montani, sono stati pubblicati in Rivista di glaciologia.

Proprio come un cubetto di ghiaccio che esce dal congelatore, i ghiacciai e le calotte di ghiaccio impiegano del tempo per ripristinarsi poiché l’ambiente circostante si riscalda rapidamente. Se il ritorno all’equilibrio richiede pochi minuti per un cubetto di ghiaccio, sarà valutato in decenni per i ghiacciai e nei secoli, anche in migliaia di anni per le calotte glaciali della Groenlandia e dell’Antartico.

Comprendi come questi enormi blocchi di ghiaccio si adatteranno al riscaldamento attuale Grande quota a centinaia di milioni di persone che vivono vicino alle coste il cui numero continua ad aumentare. In effetti, l’innalzamento del livello del mare previsto per la fine del secolo è lungi dal rappresentare l’aumento totale che sosterremmo se le emissioni globali di gas serra non fossero ridotte rapidamente.

Ad un innalzamento del livello del mare di diversi metri

In questo contesto, un team di ricercatori ha recentemente deciso di valutare la risposta della calotta glaciale aPolo Sud (il più grande) ad un clima più o meno caldo e mantenne quel livello per secoli. In altre parole, le condizioni climatiche raggiunte nell’anno 2100 sono considerate costanti fino al prossimo millennio per permettere alla calotta glaciale di raggiungere il suo nuovo equilibrio.

Contributo della calotta glaciale antartica all’innalzamento medio del livello del mare tra 2000 e 3000 secondo quattordici scenari (RCP 8.5) e 3 (RCP 2.6). Di seguito il grafico è un’illustrazione delle variazioni dell’altezza della copertura di ghiaccio (in metri rispetto al 2015) per le simulazioni medie nello scenario non controllato. Crediti: Christopher Chambers e Cole. 2021.

Come estensione delle simulazioni effettuate nell’ambito del progetto di confronto ISMIP6 Model Interpolar Ice Cover Sixth (ISMIP6), lo studio mostra che con il riscaldamento incontrollato, il contributo della copertura di ghiaccio antartico all’innalzamento del livello del mare si sovrappone. da 1,5 a più di 5 metri per 3000Una media di 3,5 metri. Al contrario, se si intraprende rapidamente un’azione forte e coordinata, questo contributo sarà Solo Poche decine di centimetri.

READ  Recensione Dell Inspiron 15: un laptop capace di fare meglio e peggio

D’altro canto, La calotta glaciale dell’Antartico occidentale sta collassando sistematicamente In scenari di riscaldamento incontrollato. Questa elevata sensibilità è dovuta al fatto che la copertura occidentale poggia su rocce che sono principalmente al di sotto del livello del mare in contrasto con la copertura orientale. Pertanto, è soggetto ad instabilità dinamica che, una volta superata una certa soglia di temperatura, porta ad una dislocazione in più fasi profondamente irreversibili.

Contributi dell’Antartico occidentale (WAIS) orientale (EAIS) e della penisola all’innalzamento del livello del mare entro l’anno 3000 per uno scenario incontrollato (alto) e basso (basso). Crediti: Christopher Chambers e Cole. 2021.

Molteplici conseguenze sulla fede dipendono dalle nostre azioni attuali

I risultati ottenuti si basano sul modello SICOPOLIS (abbreviazione di .) CODICE Simulazione Snowboard Multiruolo). In totale, sono state eseguite quattordici simulazioni nello scenario di riscaldamento incontrollato e tre nel contesto di riscaldamento controllato. Infatti, più caldo è il clima, maggiore è l’incertezza, che richiede un maggior numero di simulazioni per inquadrare il ventaglio di possibilità. Infine, va notato che questo lavoro non tiene conto dell’altezza associata allo scioglimento dei ghiacciai montani né dell’altezza associata al ritiro della calotta glaciale della Groenlandia.

« Questo studio mostra chiaramente che l’impatto del cambiamento climatico del 21° secolo sulla calotta glaciale antartica si estende ben oltre il 21° secolo stesso. È probabile che le conseguenze più gravi non si manifesteranno fino a tardi “,” riassume Christopher Chambers, autore principale dell’articolo. ” Il lavoro futuro includerà simulazioni più realistiche basate su scenari, nonché l’uso di altri modelli di calotta glaciale per modellare le conseguenze. ».