Luglio 19, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Lezioni dai paesi vicini per la formazione di un governo di coalizione: la liberazione

Lezioni dai paesi vicini per la formazione di un governo di coalizione: la liberazione

Elezioni dell’Assemblea 2024Documento

Anche se domenica 7 luglio nessun partito politico ha ottenuto la maggioranza assoluta nell’Assemblea nazionale, la Francia è pronta ad unirsi alla maggioranza dei paesi europei alla guida di una coalizione di partiti.

Come formare un governo di coalizione? Mentre la Francia si prepara a formare un governo multipartitico, Quotidiano belga la sera Pubblicato da A “Un piccolo tutorial ad uso dei nostri amici francesi”. “Francesi, quando le cose sono delicate, sapete di poter contare sui vostri amici belgi”, si legge in un spiritoso editoriale pubblicato domenica, dopo i risultati delle elezioni legislative francesi. Poiché nessun partito o “blocco” politico aveva la maggioranza assoluta nella nuova Assemblea nazionale, era necessaria una coalizione. Monarchia costituzionale di tipo parlamentare, il Belgio possiede proprio questo “Conoscenza popolare in questo settore”. È vero che a volte le discussioni si trascinano. I nostri vicini hanno vissuto 541 giorni senza un governo completo tra il 2010 e il 2011. Una conquista per il Paese. Dieci anni dopo, un accordo tra sette partiti ha creato un’ampia coalizione sinistra-destra guidata dal liberale fiammingo Alexander de Groove… 493 giorni dopo le elezioni legislative.

Per contrastare questo subdolo esercizio, il quotidiano belga offre al presidente Emmanuel Macron e ai francesi una serie di suggerimenti: “Stai calmo. Innanzitutto, sappi che nessuno vuole governare insieme. Nella campagna, hai visto, si sono insultati molto, si sono odiati, hanno pronunciato un “mai” e “loro o noi”. Questo non dovrebbe In generale, sappi che ciò che è vero il sabato prima delle elezioni potrebbe non essere vero il lunedì dopo, è solo per divertimento. O : “Inizia in piccolo. Conosciamo la tua tendenza al lusso, ma non diventerai belga all’istante. Idealmente, iniziare con piccole alleanze come due o tre partiti. Seguire il leader! Dopo le elezioni federali nell’Unione Europea, i belgi stanno lavorando per formare un governo di coalizione.

READ  Diario di Euro 2024 del 29 giugno: Italia e Germania finiranno già nel dimenticatoio?

In Germania

Una coalizione “a semaforo”.

A differenza del Belgio e della Francia, la maggior parte dei nostri vicini europei tende ad avere leader a capo con una maggioranza relativa, poiché domina il sistema parlamentare. Oggi 22 paesi dell’Unione Europea sono governati da coalizioni interpartitiche. Le coalizioni sono state un segno distintivo della politica parlamentare del dopoguerra, a cominciare dalla Germania. Dal 1949, il governo tedesco fece affidamento per quattordici mesi (nel 1960-1961) su un’unica forza politica, la CDU di Adenauer. Un’eccezione. Dalla fine del 2021 sarà governato dalla cosiddetta coalizione “a semaforo” del cancelliere tedesco Olaf Schaals, che riunisce partiti socialdemocratici, liberali e ambientalisti. Il partito di estrema destra AfD è stato escluso dal Partito Repubblicano.

In Italia

Cambiare alleanze

Dopo la caduta del regime fascista di Benito Mussolini, i fondatori della repubblica nel 1946 preferirono un sistema che evitasse di attribuire troppo potere a un partito o a un individuo. Ma l’instabilità politica è nota in Italia – lì si sono formati quasi 70 governi – caratterizzata da coalizioni mutevoli e di breve durata. Nel 2021-2022, Mario Draghi, l’ex capo della Banca centrale europea, ha chiesto un salvataggio per far uscire il paese dalla recessione, guidando una coalizione che ha riunito partiti ostili di destra (“tranne” Fratelli d’Italia) a la sinistra – prima di implodere.

Giorgia Meloni, leader del partito postfascista Fratelli d’Italia, è alla guida del governo dall’ottobre 2022, guidando una coalizione con altri due partiti, uno di estrema destra (Lega Nord), l’altro conservatore (Forza Italia) per combattere instabilità e formare un governo attraverso il suffragio universale diretto. Propose di modificare la costituzione per eleggere un presidente.

READ  I vincitori dell'Italia, i Blues, hanno completato la qualificazione a Euro 2024 senza sconfitte

In Spagna

Un decennio di apprendimento sulle alleanze

Per decenni, in Spagna la politica bipartitica è stata la norma: il Partito popolare (PP, a destra) e il Partito socialista (PSOE, a sinistra) hanno ottenuto alternativamente la maggioranza assoluta. Ma alla fine del 2015 questi due partiti sono stati messi in discussione dall’ingresso in parlamento del partito liberale Ciudadanos e del partito di estrema sinistra Podemos. La Spagna ha avuto quattro elezioni generali in quattro anni, fino alla fine del 2019, quando il PSOE si è unito a Podemos per formare il primo governo di coalizione del paese dalla fine della dittatura franchista nel 1975, guidato dal socialista Pedro Sánchez. Nessuno dei due partiti ha la maggioranza assoluta al Congresso dei Rappresentanti, e questo governo di minoranza ha avuto occasionalmente bisogno del sostegno dei separatisti baschi e catalani per approvare le sue riforme chiave.

Pedro Sánchez ha ripetuto la formula dopo le elezioni del luglio 2023, anche se il PP ha vinto, perché la coalizione di estrema destra di Vox non è riuscita a formare la maggioranza. Successivamente formò una coalizione di minoranza con Sumer, che sostituì Podemos e ottenne il sostegno dei partiti regionali, in particolare (per la prima volta) del partito indipendentista catalano Junds. In cambio, ha dovuto accettare di approvare una legge di amnistia per i separatisti catalani che tentarono di abbandonare la secessione della Catalogna nel 2017. Questa coalizione diversificata gli ha permesso di investire a novembre per un nuovo mandato di quattro anni, ma Sanchez ora è dipendente. La buona volontà delle giunte di governare.

In Olanda

Consenso art

Nel sistema politico olandese, altamente diviso, dove nessun partito è abbastanza forte per governare da solo, le elezioni sono solitamente seguite da mesi di negoziati (in media 103 giorni dal 1946) per formare un governo di consenso, durante i quali il gabinetto uscente gestisce gli affari correnti. L’ultima coalizione di centro-destra guidata da Mark Rudd ha impiegato 271 giorni per formare un governo nel 2021, un record.

READ  Verso l'Italia per Youssef Yazici?

L’attuale accordo di coalizione, guidato dall’estrema destra di Geert Wilders, è stato raggiunto a maggio, quasi sei mesi dopo le elezioni. Il governo spesso fa affidamento sulla maggioranza assoluta in parlamento. Ma non è sempre così. Pertanto, nel 2010-2012, il primo governo di coalizione di centrodestra formato da Mark Rutte aveva solo una maggioranza relativa in parlamento e ha dovuto affrontare il sostegno esterno del Partito per la Libertà (PVV) di Geert Wilders.

Al Parlamento Europeo

Alleanze della ragione

Anche l’Unione Europea è abituata al processo di alleanza. Il suo parlamento di 720 deputati è attualmente composto da sette gruppi politici. Nessuno ha mai ottenuto la maggioranza assoluta. La destra europea, riunita nel gruppo del Partito popolare europeo (PPE, 189 seggi), è il secondo gruppo politico davanti ai socialdemocratici (135 seggi). Questi due gruppi governano insieme da molto tempo. Nel 2019, la coalizione si è espansa per includere i liberali.

Dopo le elezioni europee del 9 giugno, un quarto gruppo (ecologisti) potrebbe unirsi a loro. Né la frammentazione del Parlamento né l’ascesa dei radicali e dell’estrema destra dovrebbero portare alla paralizzazione dell’istituzione. Una lezione per l’Assemblea nazionale francese? A Strasburgo, nonostante le profonde differenze ideologiche, a volte si tengono votazioni congiunte tra il PPE e la Sinistra unitaria europea (GUE), il gruppo politico composto da nove seggi di La France.