Febbraio 6, 2023

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Leggera flessione all’orizzonte in Europa dopo il Pil cinese – 17/01/2023 08:49

Trader alla Borsa di Francoforte

Trader alla Borsa di Francoforte

PARIGI (Reuters) – I principali mercati azionari europei dovrebbero chiudere in pareggio martedì all’apertura dopo che una serie di indicatori in Cina hanno riflesso il rallentamento dell’attività alla fine dello scorso anno, nonostante gli investitori sperassero in una forte ripresa economica in Cina. Il paese è ancora in piedi.

I futures forniscono un’apertura piatta per l’indice Paris CAC 40, in calo dello 0,1% per il Dax di Francoforte, dello 0,02% per il FTSE di Londra e dello 0,14% per l’EuroStoxx 50.

Le statistiche ufficiali hanno mostrato che la crescita del prodotto interno lordo cinese è rallentata al 2,9% su base annua negli ultimi tre mesi del 2022, un ritmo superiore al consenso di Reuters. E per il 2022 nel suo complesso, il PIL cinese crescerà del 3,0%, che è uno dei tassi di crescita più bassi dal 1976.

Allo stesso tempo, la produzione industriale cinese ha superato le attese, con un +1,3% a/a a dicembre, e il calo delle vendite al dettaglio è rallentato più del previsto, all’1,8%.

Toru Nishihama, capo economista del Dai-Ichi Life Research Institute, ha commentato: “Possiamo dire che l’economia colpita dal COVID ha toccato il fondo nel quarto trimestre ed è sulla via della ripresa, anche se non è ancora forte”.

Nel resto del calendario macro, i mercati hanno registrato la conferma dell’inflazione tedesca, in aumento del 9,6% su un anno a dicembre. Successivamente seguiranno la pubblicazione dello ZEW German Investor Confidence Index.

Negli Stati Uniti, l’unico indicatore importante per oggi sarà l’indice di attività dell’Empire State, previsto per le 13:30 GMT, ma l’evento principale di questa settimana sarà la pubblicazione dei dati mensili sulle vendite al dettaglio mercoledì.

READ  L'ex capo di FTX si dice "dispiaciuto" per il fallimento dell'exchange di criptovalute

Valori da seguire:

Wall Street

Wall Street ha chiuso lunedì in occasione del Martin Luther King Day e i futures puntano a un rimbalzo in rosso, tra lo 0,2% e lo 0,59%, per una seduta che sarà trainata principalmente dai risultati di Goldman Sachs e Bank of America.

Venerdì, l’S&P 500 e il Nasdaq hanno chiuso ai livelli più alti in un mese, con le azioni di JPMorgan Chase (+2,52%) e di altre grandi banche in rialzo dopo la pubblicazione dei conti trimestrali.

In Asia

Dopo aver perso il 2,4% nelle due sedute precedenti, il Nikkei ha recuperato l’1,23%, beneficiando di un leggero calo dello yen alla vigilia degli annunci di politica monetaria della Banca del Giappone.

La valuta giapponese ha toccato un picco di oltre sette mesi lunedì, alimentata dalla speculazione su un cambiamento nella politica monetaria dell’emittente.

In Cina, i mercati azionari hanno chiuso con pochi cambiamenti dopo la pubblicazione di diverse statistiche chiave e l’annuncio del primo calo della popolazione del paese dal 1961.

L’indice CSI 300 delle grandi aziende della Cina continentale ha chiuso in pareggio e l’SSE Composite di Shanghai ha perso lo 0,1%.

cambio / prezzi

Sul mercato dei cambi, il dollaro è salito dello 0,24% rispetto a un paniere di valute di riferimento, mentre l’euro è stato poco variato a 1,0816 dollari.

Sul fronte obbligazionario, il rendimento del Treasury USA a 10 anni è salito di oltre tre punti base a 3,5531%, dopo essere già salito bruscamente durante l’ultima seduta.

Alcuni investitori mettono in dubbio l’ipotesi del mercato secondo cui la Federal Reserve taglierà i tassi di interesse entro la fine dell’anno dopo il calo dei tassi a dicembre.

READ  McDonald's se ritirarsi entièrement de Russie

Il rendimento del bund di stato tedesco a 10 anni è stato leggermente modificato nei primi scambi, al 2,198%.

il petrolio

Il mercato petrolifero si sta sviluppando in modo disordinato, combattuto tra una delle crescite economiche più deboli registrate in Cina da quasi 50 anni e la speranza di una ripresa della domanda nel Paese con la fine della politica “zero COVID”. ”

Il Brent è salito dello 0,14% a 84,58 dollari al barile e il greggio leggero statunitense (West Texas Intermediate) ha perso lo 0,81% a 79,21 dollari.

(Laetitia Volga, a cura di Kate Enteringer e Blandine Henault)