Luglio 24, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Le preoccupanti prospettive per la Banca di Francia nel 2025

Le preoccupanti prospettive per la Banca di Francia nel 2025

La situazione economica in Francia è desolante in un contesto politico particolarmente teso. A pochi giorni dalle elezioni legislative, non sembra che i risultati, la strategia e le riforme avviate dall’attuale potere esecutivo abbiano dato i loro frutti quando vediamo le previsioni di crescita e disoccupazione nel prossimo futuro.

Numerose istituzioni non nascondono il loro pessimismo sulla situazione economica in Francia e non si aspettano alcun miglioramento per il prossimo anno. La Banca di Francia è una delle istituzioni che dipinge un quadro desolante per quanto riguarda le prospettive economiche della Francia nel 2025. Si stima che l’accuratezza del bilancio e i prezzi dell’energia potrebbero influenzare la crescita economica nel 2025.

La Banca di Francia non ha confermato i dati del governo per l’anno in corso. Ha mantenuto le previsioni di crescita del PIL per il 2024 allo 0,8%, mentre l’autorità esecutiva prevede l’1%. Per l’istituto finanziario, l’attività dovrebbe accelerare meno del previsto nel 2025 all’1,2% rispetto all’1,5% precedentemente riportato. Anche per il 2026 le prospettive sono pessimistiche. La crescita sarà di circa l’1,6% invece dell’1,7% precedentemente indicato.

Il tasso di disoccupazione dovrebbe aumentare, secondo la Banca di Francia

Va detto che le prospettive sono fosche Banca di Francia Ciò è dovuto tra l’altro alla situazione sui mercati energetici. ” Parte della revisione riguarda le ipotesi sui prezzi dell’energia. Le previsioni sui prezzi dell’energia sono state riviste al rialzo “, spiega Olivier Garnier, Il direttore generale di questa istituzione. A questa situazione ha contribuito anche il piano di risparmio di bilancio del governo.

Per il 2024 abbiamo tenuto conto delle misure già annunciate. Per il 2025 e il 2026 abbiamo effettuato un primo aggiustamento strutturale di 0,6 punti di Pil “, spiega Olivier Garnier. L’istituto finanziario avverte che questa politica di bilancio restrittiva potrebbe ulteriormente oscurare i dati sulla crescita se queste misure verranno attuate.

READ  Da dove viene l’inflazione ottimale del 2%?

Per quanto riguarda l’occupazione, la Banca di Francia prevede un calo a partire dal terzo trimestre del 2024 fino alla fine del 2025. Occupazione “Sarà influenzato e ritarderà rispetto al programma a causa del rallentamento dell’attività e del parziale recupero delle perdite di produttività osservate dal periodo Covid”. La banca afferma, evidenziando diversi fattori che contribuiscono a questo rallentamento, come l’assunzione di lavoratori meno qualificati per superare le difficoltà di reclutamento, nonché il reclutamento intensivo di tirocinanti. Si prevede che il tasso di disoccupazione raggiungerà il 7,9% della popolazione attiva rispetto al 7,8% registrato in precedenza nel 2025.