Novembre 29, 2021

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Le cinque leve menzionate dal governo e dai candidati presidenziali per tagliare il conto alla pompa

Registrati. Insieme a Prezzo per pompa 1.5583 EUR (cioè più di due anni in più rispetto alla settimana precedente), Prezzo del diesel al litro Lunedì 18 ottobre ha raggiunto un nuovo massimo storico, secondo i dati ufficiali diffusi dal Ministero della trasformazione ambientale. Pochi mesi prima delle elezioni presidenziali, gli alti prezzi del carburante avevano messo nel panico la classe politica. Quali soluzioni offrono i dirigenti ei principali candidati all’Eliseo per ridurre la bolletta degli automobilisti? Panoramica.

controllo del carburante

Questa è la soluzione verso cui sta andando il governo “C’è ancora del lavoro da fare” Per svilupparlo, ha spiegato lunedì Bruno Le Maire. Il ministro dell’Economia si è detto “più desiderabile” per creare un “controllo carburante” Che sarà assegnato a condizioni di risorse, sul modulo di controllo energetico, da tagli fiscali su gasolio e benzina.

tagli fiscali “sleale”Il ministro ha detto, perché non si rivolgerà alle famiglie che ne hanno più bisogno. tagli fiscali ‘troppo caro’ Perché la riduzione percentuale, poco percepibile per i conducenti, rappresenta “mezzo miliardo di euro In meno casse statali, come sosteneva Bruno Le Maire.

Anche il partito ambientalista Europe Ecologie-Les Verts (EELV) sostiene questa soluzione per il controllo del carburante. il suo segretario nazionale, Julian Baio, lunedì su SudRadio ha difeso questa idea. richiede “grande spettacolo”, Persino 15 milioni di famiglieHa sostenuto l’idea di assegni energetici fino a 400 euro per le famiglie più modeste e 100 euro per le classi medie, come suggerito domenica a BFMTV Yannick Jadot, candidato ambientale all’Eliseo.

Margini bassi per i distributori

Il ministro per la Trasformazione ambientale, Barbara Bombelli, ha stimato la scorsa settimana che i distributori dovrebbero ‘Fare un gesto in questo periodo difficile riducendone i margini’ sul prezzo della benzina. In risposta, Leclerc Centers ha annunciato lunedì che venderà carburante al prezzo fino al 30 ottobre in tutte le stazioni di servizio (eccetto le autostrade). “Stiamo facendo tutti gli sforzi consentiti dalla legge. Al momento non abbiamo il diritto di vendere in perdita”., specializzato in affermazione Michel Edouard Leclerc, presidente del comitato strategico dei centri del gruppo.

READ  Di seguito i 40 modelli nominati

Spiegato anche su RTL che negozi “C’era solo un centesimo o due sotto i piedi”. “Volevo confermarlo Dicendo: Vendiamo senza margine fino alla fine del mese. Quindi, se continua ad aumentare, il margine di manovra non è con noi, è con te [le gouvernement], ha licenziato il capo dei Leclerc Centers, riferendosi alle tasse riscosse dallo Stato su ogni litro di benzina venduto.

tasse più basse

Molte personalità politiche chiedono anche al governo di ridurre queste tasse astronomiche sul carburante (Circa il 60% del prezzo per litro della pompa). Tra loro c’è il sindaco di Parigi, Anne Hidalgo. Undici milioni di persone hanno bisogno della propria auto ogni giorno per andare al lavoro. Dobbiamo sostenerli per voltare pagina sui veicoli termici dal 2030″, ha affermato. Spiegazione del candidato presidenziale socialista in un’intervista con lanciare 5 ottobre

Sul fronte del raduno nazionale, Marine Le Pen ha anche proposto di ridurre l’imposta sul valore aggiunto su benzina, gas ed elettricità al 5,5% dall’attuale 20%. Per la benzina, quella tariffa rappresenterebbe circa 10€ risparmiati sui 60€ pieni, ha detto. Arnaud Montbourg, anche lui candidato all’Eliseo, E non ha detto altro domenica sull’Agenda politica 3 della Francia. Propone inoltre di ridurre l’imposta sul valore aggiunto al 5,5% per tutte le tariffe energetiche.

Da parte sua, il candidato comunista, Fabien Roussel, ha chiesto un taglio dell’aliquota dell’imposta sul consumo interno sui prodotti energetici popolari. Si propone di creare “tassa variabile” sul carburante per mitigare l’aumento dei prezzi alla pompa, “Come avrebbe potuto fare il governo Jospin in quel momento [entre octobre 2000 et juillet 2002], Di “Le tasse possono essere ridotte quando il prezzo del barile sale per non gravare sul potere d’acquisto dei nostri cittadini”spiegato giovedì scorso su CNews.

Blocco del prezzo della benzina

Questa è la soluzione auspicata da Jean-Luc Mélenchon. Il candidato dell’Unione Popolare ha spiegato Domenica alle 13 Quotidiano francese 2 Che questo blocco dei prezzi dovrebbe applicarsi a tutte le tariffe energetiche. Il suo portavoce, il rappresentante Alexis Corber, ha spiegato giovedì scorso sul sito web France Info perché il suo partito preferirebbe la prevenzione dei prezzi rispetto ai tagli fiscali: “Quando ci rendiamo conto che c’è un problema, dobbiamo agire. Suggeriamo di utilizzare il metodo utilizzato da Edouard Philippe durante la crisi dei ‘gilet gialli’: vietiamo i prezzi. Li vietiamo al livello attuale, già per evitare che continuino a salire . Il problema dell’abbassamento delle tasse è che si tratta di finanziamenti pubblici e francesi. Ciò consente ai gruppi privati ​​di continuare a realizzare i propri margini di profitto. Meno invece i fondi pubblici in entrata”Il rappresentante della Francia ha denunciato la squadra ribelle.

READ  Calo del mercato azionario, petrolio e rendimenti elevati

I costi del chilometraggio sono meglio sovvenzionati dai datori di lavoro

Valerie Pecres, domenica ha lanciato un appello per aumentare il tetto al chilometraggio pagato dal suo datore di lavoro al fine di mitigare l’aumento dei prezzi della benzina. “C’è metà del sussidio da parte dei datori di lavoro per i pacchetti di chilometraggio. Forse possiamo considerare di delegare un supporto più sostanziale”, il presidente della regione Ile-de-France e candidato per il diritto alle elezioni presidenziali durante il LCI-RTL-“gran giuria” ha propostoLe Figaro.

Un datore di lavoro non è tenuto a coprire i costi del carburante dei suoi dipendenti che vengono al lavoro in auto, come mostra “Le décryptage eco” di Radio France. Se invece il dipendente porta la sua auto personale per un viaggio di lavoro, allora è previsto un pagamento obbligatorio, a seconda del tipo e della potenza dell’auto. Questo supporto è realizzato su una scala specificata da Bercy, fino al soffitto.