Novembre 29, 2022

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Le cellule immunitarie “killer” riconoscono ancora la variante Omicron

Quando gli immunologi Wendy Bergers e Catherine Rio dell’Università di Città del Capo in Sud Africa hanno sentito parlare per la prima volta della variante Omicron di SARS-CoV-2 lo scorso novembre, sapevano che avrebbero dovuto trovare risposte ad alcune importanti domande. Il genoma di Omicron è pieno di mutazioni, di cui più di trenta nella singola regione che codifica per la proteina S, la proteina presa di mira dai vaccini contro il Covid-19, il che significa che l’efficacia degli anticorpi prodotti contro le varianti precedenti è compromessa.

Wendy Burgers e Catherine Riou hanno studiato precedenti varianti del coronavirus e hanno scoperto che sebbene la protezione conferita dagli anticorpi sia compromessa, un altro percorso del sistema immunitario, chiamato “cellulare” che coinvolge cellule specializzate chiamate “linfociti T”, può ancora riconoscere la differenza. Ceppi di virus [les anticorps, qui constituent l’immunité humorale, sont produits par des lymphocytes B, ndlr].

Ma Omicron ha più mutazioni di qualsiasi altra variante conosciuta finora. In che modo ciò influisce sull’immunità di una popolazione, così gravemente afflitta da vaccinazioni e precedenti infezioni, e su cui si basano le nostre speranze di mitigare lo shock delle successive ondate di Covid-19? “Con due o tre volte più mutanti, abbiamo pensato di dover rispondere a questa domanda abbastanza rapidamente”, spiega Wendy Burgers.

Da allora, le risposte hanno iniziato a provenire da diversi laboratori in tutto il mondo, tutti convergenti nello stesso messaggio: “Il quadro che sta emergendo è che le nuove varianti, in particolare Omicron, rimangono altamente sensibili alla risposta immunitaria dei linfociti T”, afferma Dan Baruch, direttore del Center for Virus and Vaccine Research presso la Harvard Medical School.

READ  Quando i venti di Marte ti permettono di conoscere l'interno della Terra

immunità permanente

Quando si tratta di immunità al coronavirus, gli anticorpi hanno rubato la scena a tutto il resto. I ricercatori monitorano da vicino i livelli di anticorpi degli individui, in particolare il cosiddetto “neutralizzatore”, che impedisce direttamente al virus di infettare le cellule. un Bassi livelli di anticorpi neutralizzanti sono associati a un aumentato rischio di infezione sintomatica. Gli anticorpi sono anche più facili da studiare rispetto ai linfociti T, il che semplifica il loro monitoraggio in ampi studi sui vaccini internazionali.

Ma l’emergere delle varianti SARS-CoV-2 ha dimostrato la fragilità dell’immunità basata sugli anticorpi di fronte a un virus in continua evoluzione. Gli anticorpi neutralizzanti si legano ad alcune regioni della proteina S, che sono prese di mira da molti vaccini Covid-19. Se queste aree vengono modificate, la protezione concessa svanisce.

D’altra parte, i linfociti T sono più flessibili. Queste cellule svolgono una varietà di funzioni immunitarie, inclusa la distruzione delle cellule infette da virus. Uccidendo le cellule infette, le cellule T “killer” possono limitare la diffusione dell’infezione e potenzialmente ridurre il rischio di malattie gravi.

Ancora meglio, la concentrazione dei linfociti T non diminuisce così rapidamente come quella degli anticorpi dopo l’infezione o la vaccinazione. E poiché queste cellule possono riconoscere molte più regioni della proteina S rispetto agli anticorpi, hanno una migliore capacità di riconoscere le varianti. “Anche molte delle mutazioni non sembrano avviare la risposta dei linfociti T”, afferma Wendy Burgers.

Finora, simulazioni ed esperimenti di laboratorio indicano che questo è il caso della variante Omicron. Diversi team hanno confrontato le mutazioni portate da Omicron con i siti nel genoma SARS-CoV-2 noti per codificare bersagli dei linfociti T e hanno scoperto che La maggior parte di questi siti rimane a Omicron.

READ  Covid-19 - Ammissione in terapia intensiva: sempre più persone sono completamente vaccinate ma i non vaccinati sono ancora la maggioranza

Altri studi hanno analizzato le cellule T prelevate da persone che sono state vaccinate contro il Covid-19 o che hanno avuto una precedente variante, e hanno scoperto che queste cellule T riconoscono Omicron (vedi quie qui e Essere). “La risposta dei linfociti T rimane intatta e questa è una buona notizia”, ​​afferma Corinne Geurts van Kessel, virologa clinica presso l’Erasmus Medical Center, Rotterdam, Paesi Bassi. “Il prossimo passo è scoprire cosa sta succedendo in condizioni reali”.

Concentrati sugli anticorpi

La risposta dei linfociti T è stata associata a una maggiore protezione contro forme gravi di Covid-19 in modelli animali e studi clinici. Dan Baruch sospetta che queste cellule spieghino l’efficacia dei vaccini da Pfizer-Biwantech e Janssen Per prevenire le forme che richiedono il ricovero per infezione con la variante Omicron. “Nessuno di questi vaccini può ottenere un livello elevato di anticorpi neutralizzanti contro Omicron”, spiega. A mio parere, l’efficacia osservata in Sud Africa è probabilmente dovuta ai linfociti T”.

Per Harlan Robins, direttore scientifico e co-fondatore di Adaptive Biotechnologies, una società statunitense specializzata in metodi per lo studio dei linfociti T, a volte è frustrante che i ricercatori si concentrino così tanto sugli anticorpi.

Nel dicembre 2021, Pfizer e BioNTech hanno annunciato che il vaccino contro il Covid-19 non produceva abbastanza anticorpi per i bambini di età compresa tra 2 e 5 anni. Di conseguenza, il vaccino non è stato autorizzato negli Stati Uniti per questo pubblico. “Ma non hanno nemmeno esaminato la risposta dei linfociti T”, sottolinea Harlan Robbins.

Le grandi prove iniziali del vaccino negli adulti non hanno raccolto campioni sufficienti per analizzare se la risposta dei linfociti T è correlata all’efficacia del vaccino. “Sarebbe stato impossibile condurre una sperimentazione del vaccino su scala globale e fare in modo che ogni team mantenesse cellule vitali”, spiega Harlan Robbins. Aggiunge che nuovi test più facili da eseguire per studiare i linfociti T lo renderanno più fattibile in futuro.

READ  Alcune condizioni gravitazionali consentono il passaggio di un wormhole

Queste cellule immunitarie potrebbero anche ottenere maggiore attenzione quando emergono nuove varianti se iniziamo a concentrarci non sul numero di infezioni, ma sulla loro gravità, afferma Corinne Geurts van Kessel. Conclude: “Se stai osservando l’infezione, il livello di anticorpi è la misura più importante, ma se stai guardando la gravità della malattia – un criterio appropriato per le forme attuali – i linfociti T diventano un marker più importante”.