Agosto 17, 2022

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Le 5 maggiori lacune nella storia della NBA

Tutti i record sono stati fatti per essere battuti, e alcuni di essi non dovrebbero esserlo a causa della foto. Giovedì sera, i dibattiti tra i Memphis Grizzlies e gli Oklahoma City Thunder sono diventati estremamente brevi e hanno portato alla più grande vittoria (o sconfitta, secondo questo) nella storia della NBA: un vantaggio di 73 punti (152-79). Un ingresso naufragato nella top 5 (o meglio 6 a causa di un pareggio) dai più grandi gap della storia, e tutti gli altri benchmark risalenti all’ultimo millennio.

Memphis Grizzlies – Oklahoma City Thunder (2021): 152-79

L’allenatore degli Oklahoma City Thunder Mark Dennyolt vuole che la sua squadra non si trasformi in un finto basket, poiché potrebbe essere complicato. Perché OKC non era al suo primo tentativo: la scorsa stagione, la franchigia del Midwest ha subito una perdita di 57 punti, mostrando già riluttanza a competere ogni sera. Il carri armati in lavorazione

, o la ricostruzione (a volontà) ha i suoi limiti e talvolta dà vita a partite pungenti. Ecco il vergognoso detentore del record ora. In cambio, i Memphis Grizzlies avranno il vantaggio di non mollare mai, condividendo il tempo di gioco e il divertimento sul campo, un numero record di punti per franchigia in chiave. “È fantastico segnare i libri di storia, soprattutto a casa Rallegrati De Anthony Milton. Siamo arrivati ​​alle quindici. Tutti hanno contribuito (incluso il francese Kilian Tilley, 6 punti in 15 minuti), Tutti hanno giocato duro.

Nello stato mentale e cognitivo c’erano due mondi separati.

“Non so cosa abbiamo giocato, ma non era basket”.

In un turbinio di lucidità, Glen Rice, che allora sta vivendo la sua seconda stagione in NBA con i Miami Heat, critica l’uscita della sua famiglia dal campo di gioco dei Cleveland Cavaliers. I 68 punti ceduti in Ohio costituiscono il nuovo record per la lega, che non si è mossa in quasi 20 anni (1972).

Dal lato dei Cavs, il subentrato John Battle (18 punti) guida il dibattito dalla panchina (76 punti) mentre sono comparsi alcuni giocatori noti della squadra: Steve Kerr (5 punti) o Larry Nance (9 punti)) e Mark Prezzo (18 punti, 11 passaggi critici).

Indiana Pacers – Portland Trail Blazers (1998): 124-59 Il 27 febbraio 1998 è la prima notte a Indianapolis: per la prima volta nella storia della NBA, una squadra segnerà più del doppio dei punti dell’avversario. Tra i Pacers, i Portland Trail Blazers, che giocheranno la loro 16esima finale di Coppa del Mondo consecutiva, non potranno esprimersi a fine stagione. Ha segnato solo 59 punti, di cui 38 da un trio formato da Rashid Wallace (14 punti), Walt Williams (13) e Isaiah Ryder (11). Al contrario, il successo collettivo (8 giocatori con 10 punti o più) per la squadra guidata da Mark Jackson (18 punti), Reggie Miller (11 punti) o Rick Smiths (12 punti, 12 rimbalzi). “

Non pensavo che potessimo mantenere una squadra NBA sotto i 60 punti

Miller apprezzerà allora.

Los Angeles Lakers – Golden State Warriors (1972): 162-99

Al centro della stagione finiranno con il campionato NBA, per la sesta volta nella loro storia e dopo diciotto anni di attesa, i Los Angeles Lakers firmeranno due offerte massicce. Il primo, è una serie di 33 vittorie consecutive, un record ancora in vigore nella NBA e recentemente ricordato mentre i Phoenix Suns hanno brillato per alcune settimane (18 vittorie di fila, serie in corso).

Il secondo è stato questo enorme successo contro i Golden State Warriors, in casa (162-99), tuttavia, alla fine si è addolorato: Jim Clemons, nonostante tre tentativi, non è riuscito a garantire che tutti gli Angels abbiano segnato. Wilt Chamberlain, leader della franchigia con Jerry West, è stato un po’ prudente (10 punti, 10 rimbalzi, 6 assist). La capolista ha firmato una doppietta (17 punti, 13 assist) mentre Jill Goodrich, altro caposaldo della forza lavoro, ha diviso 30 punti.

READ  Champions League: il Monaco è stato eliminato dagli spareggi dopo il pareggio con lo Shakhtar Donetsk (2-2).

Golden State Warriors – Sacramento Kings (1991): 153-91

In un quarto del tempo (48-18), i Golden State Warriors hanno eliminato con successo i rivali californiani, trasformando così il match di inizio stagione regolare in una farsa. Inoltre, questo Game of Kings rimane la loro più grande sconfitta fino ad oggi. Nel primo tempo ha limitato il ridicolo distacco (88-41) ma quello che all’epoca era un record di differenza a metà strada è stato battuto l’anno scorso: i Dallas Mavericks hanno umiliato i Los Angeles Clippers in 24 minuti: 77-27.

Per la cronaca, il giorno prima dell’incontro tra Warriors & Kings, Mitch Richmond (con una media di 23,9 punti in quella stagione) – un membro dei Run TMC con Tim Hardaway e Chris Mullen – è stato trasferito dal Golden State a.. Sacramento (di fronte a Bill Owens), e non sono in fila per la partita.

Cittadini di Siracusa – New York Knicks (1960): 162-100

L’NBA è ancora un adolescente (creato nel 1946) e le carte statistiche sono bloccate in mano. Inoltre, vengono elencati solo i punti, i canestri segnati, i tiri liberi realizzati e i tentativi o anche i falli. Sul pavimento dei New York Knicks alla vigilia di Natale, era il momento di presentare i regali ai cittadini di Syracuse, che in seguito divennero i Philadelphia Sixers. Nove dei 10 giocatori menzionati nel referto dei visitatori ottengono almeno 11 punti. Il decimo, svedese Hallbrook, non è riuscito a raggiungere l’unità (9) ma ha ottenuto 13 rimbalzi. Hal Greer e Dave Gamby (24 punti ciascuno) hanno festeggiato mentre i Knicks, Jim Palmer e Willie Knowles (21 punti ciascuno) non hanno salvato i loro punti dal calo.

READ  les Anglaises prennent le large face aux Bleues