Novembre 30, 2021

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

L’Australia si impegna a vendere carbone “per i decenni a venire” – 8/11/2021 6:50

Una miniera di carbone a Singleton, nella Hunter Valley australiana, 18 novembre 2015 (AFP/William WEST)

Una miniera di carbone a Singleton, nella Hunter Valley australiana, 18 novembre 2015 (AFP/William WEST)

L’Australia ha detto lunedì che continuerà a vendere carbone per “decenni” dopo aver rifiutato un accordo per eliminare gradualmente i combustibili fossili inquinanti per frenare il cambiamento climatico.

Quaranta paesi si sono impegnati a eliminare gradualmente il carbone nei prossimi decenni, alla cruciale conferenza sul clima COP26 a Glasgow.

L’Australia, come molti dei principali paesi consumatori di carbone come Cina e Stati Uniti, non ha sottoscritto questo impegno.

“Abbiamo chiarito che non chiuderemo le nostre miniere di carbone o le nostre centrali a carbone”, ha detto all’ABC il ministro delle risorse australiano Keith Pitt.

Difendendo la decisione dell’Australia, Pete ha affermato che il suo paese ha il miglior carbone del mondo.

“Ed è per questo che continueremo ad avere mercati per decenni a venire. E se comprano… beh, vendiamo”.

Il ministro ha sottolineato che la domanda di carbone dovrebbe aumentare fino al 2030.

“Se non vinciamo noi questo accordo, lo farà qualcun altro”, ha aggiunto.

“Preferirei di gran lunga che fosse un prodotto australiano di alta qualità, che crea posti di lavoro australiani e costruisce l’economia australiana, piuttosto che (carbone) proveniente dall’Indonesia o dalla Russia o da qualche altra parte”.

L’Australia, uno dei maggiori produttori mondiali di carbone e gas naturale, è stata colpita da eventi estremi – siccità, incendi boschivi e inondazioni – amplificati dal cambiamento climatico negli ultimi anni.

Il mese scorso il governo di Scott Morrison ha svelato un obiettivo di emissioni zero per il 2050, ma il piano è stato criticato per la sua mancanza di dettagli e per il fatto che si basa fortemente su innovazioni tecnologiche finora sconosciute.

L’Australian Minerals Council, che rappresenta i principali gruppi minerari come BHP e Rio Tinto, ha stimato che l’obiettivo del 2050 può essere raggiunto attraverso massicci investimenti in tecnologia.

Secondo Pete, circa 300.000 posti di lavoro australiani dipendono dall’industria del carbone. Da parte sua, l’Australian Minerals Council fornisce cifre per 50.000 posti di lavoro diretti e 120.000 posti di lavoro indiretti.

I grandi gruppi assicurano di scegliere di non utilizzare i combustibili fossili più inquinanti.

A questo proposito, BHP ha annunciato lunedì di aver venduto la sua quota dell’80% in una miniera di carbone minerale nello stato orientale del Queensland a Stanmore Resources per almeno 1,2 miliardi di dollari.

“Con il mondo decarbonizzato, BHP si sta concentrando maggiormente sulla produzione di carbone metallico di alta qualità, per cui i produttori di acciaio globali stanno cercando di migliorare l’efficienza e ridurre le emissioni”, ha dichiarato in una nota Edgar Bastow, responsabile australiano delle miniere di BHP.

djw / arb / qan / mav / juf / roc

READ  Gli Stati Uniti superano 700.000 morti per Covid-19