Agosto 17, 2022

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

L’Australia per salvare le Isole Salomone, dove sono in corso violenti scontri

Dopo due giorni di violenti scontri nel suo Paese, giovedì 25 novembre il primo ministro filo-cinese delle Isole Salomone, Manasseh Sogavari, ha chiesto aiuto. In base a un accordo di sicurezza vincolante per i due paesi dal 2017, la sua controparte australiana, Scott Morrison, in fila con Pechino, ha subito risposto e ha annunciato il dispiegamento di più di cento poliziotti e militari Per aiutare le Isole Salomone con le forze dell’ordine “Garantire stabilità e sicurezza” L’arcipelago. I primi uomini sbarcarono la stessa notte nella capitale dell’arcipelago, Honiara. Venerdì mattina, la polizia delle Isole Salomone ha usato il fuoco di avvertimento per disperdere i manifestanti che hanno cercato di raggiungere la residenza privata del Primo Ministro e li hanno spinti verso il centro della città.

“Il governo australiano non ha assolutamente intenzione di interferire negli affari interni delle Isole Salomone (…). La nostra presenza non indica alcuna posizione”., il giorno prima, ha voluto spiegare, il governatore Scott Morrison.

Leggi anche La Cina delizia le Isole Salomone a Taiwan

Tra il 2003 e il 2017, Canberra ha guidato la forza di pace “Ramsey”, istituita per stabilizzare lo stato melanesiano dopo cinque anni di violenza interetnica. “L’Australia ha già esperienza sul campo. Senza il suo intervento, c’è il rischio di una ripetizione della guerra civile che potrebbe causare instabilità regionale”Spiega Alexander Dayan, ricercatore presso il Lowy Institute di Sydney.

I manifestanti che chiedevano le dimissioni di Manasseh Sogavari hanno provato, mercoledì, a prendere d’assalto il Parlamento prima di assaltare le strade della capitale, incendiando edifici ufficiali e saccheggiando negozi. A partire dalle 19:00, il primo ministro ha imposto il coprifuoco, ma la polizia è stata completamente sopraffatta dai disordini sempre crescenti che hanno continuato a saccheggiare la città, in particolare il suo distretto di Chinatown. Zhao Lijian, portavoce della diplomazia di Pechino, ha chiesto preoccupato « Il governo delle Isole Salomone dovrebbe adottare tutte le misure necessarie per garantire la sicurezza delle entità e dei cittadini cinesi”.

risentimento della Cina

Non è la prima volta che questa comunità, proprietaria della maggior parte delle attività commerciali di Honiara, subisce l’ira delle Isole Salomone, alcune delle quali affermano di essere state invase. Nel 2006, i manifestanti hanno effettivamente attaccato Chinatown.

READ  Après la tuerie au Texas, Trump giustifica l'armer les citoyens face au «mal»

Oggi il risentimento del colosso asiatico è ancora più vivo perché nel 2019 Manaseh Sogavary, senza vere consultazioni, ha deciso di riconoscere diplomaticamente Pechino, voltando le spalle a un’alleanza di trentasei anni con Taiwan. Poi un certo numero di funzionari eletti ha protestato. Il più feroce di loro, aveva finalmente annunciato il capo del governo dell’isola di Malaita, Daniel Swedani,egli è settembre 2020, che intendeva organizzare un referendum sull’indipendenza della sua provincia, la più popolosa dell’arcipelago – nei primi anni 2000, ha svolto un ruolo importante nella violenza etnica che ha travolto il Paese.

Hai ancora il 33,82% di questo articolo da leggere. Il resto è solo per gli abbonati.