Dicembre 3, 2021

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

L’Australia firma un accordo formale con Stati Uniti e Regno Unito

Il segretario alla Difesa Peter Dutton ha firmato un testo che consente lo scambio di “informazioni sulla propulsione nucleare navale” tra i due paesi.

Articolo di

pubblicato

Aggiornare

momento della lettura : 1 minuto.

La Francia è completamente esclusa. L’Australia lunedì 22 novembre ha ufficialmente avviato un programma molto controverso per dotarsi di sottomarini a propulsione nucleare come parte di una nuova alleanza di difesa con la Gran Bretagna e gli Stati Uniti. Il segretario alla Difesa Peter Dutton ha firmato un accordo con i diplomatici britannici e statunitensi che consente lo scambio di“Informazioni sulla propulsione nucleare navale” tra i loro paesi.

Questo è il primo accordo firmato e annunciato da quando i tre paesi hanno annunciato a settembre la loro nuova alleanza di difesa, chiamata AUKUS, per far fronte alle crescenti tensioni strategiche tra Stati Uniti e Cina nel Pacifico.

Questa alleanza ha accompagnato la cancellazione da parte dell’Australia di un massiccio contratto per l’acquisto di 12 sottomarini francesi a propulsione convenzionale del valore di 90 miliardi di dollari australiani (55 miliardi di euro), che ha causato un conflitto perenne tra Parigi e Canberra.

Ha detto che l’accordo aiuterebbe l’Australia a completare uno studio di 18 mesi sull’acquisizione di sottomarini Terminare Dutton dopo aver firmato l’accordo lunedì a Canberra con l’incaricato d’affari statunitense Michael Goldman e l’alto commissario britannico in Australia Victoria Triddle. I dettagli dell’acquisizione devono ancora essere determinati, incluso se l’Australia sceglierà sottomarini d’attacco a propulsione nucleare per gli Stati Uniti o il Regno Unito.

READ  Gli Stati Uniti, l'Unione Europea e la Cina rappresentano quasi il 50% delle emissioni globali di anidride carbonica