Febbraio 6, 2023

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

La sorprendente origine dello stagno di Uluburun

Intorno al 1320 a.C., una nave mercantile lunga 15-16 metri affondò a 50 metri dalla costa dell’Anatolia, nell’attuale sito di Uluborun, in Turchia. Scoperto nel 1982 e scavato dal team di George Bass, dell’Institute of Marine Archaeology della A&M University, Texas, tra il 1984 e il 1994, il relitto, profondo da 40 a 60 metri, trasportava 10 tonnellate di rame e una tonnellata di stagno . La scoperta di una tale quantità di rame fu stupefacente, perché dimostrò che esistevano scambi commerciali tra il mondo miceneo – i lingotti provenivano da Cipro, allora controllata dai micenei – e il Vicino Oriente. Un team guidato da Wayne Powell del Brooklyn College di New York ha scoperto oggi la fonte del peltro e i risultati sono altrettanto sorprendenti.

L’annegamento avvenne all’inizio dell’età del bronzo tardo-orientale (1400-1200 aC). Poi cinque grandi potenze si divisero il Vicino Oriente: Egitto, Babilonia, nella Mesopotamia meridionale, Assiria, nella Mesopotamia nord-orientale, Mitanni (Hurriti), nella Mesopotamia nord-occidentale e Hatti (Ittiti), nell’Anatolia centrale. A ovest dell’Anatolia, una serie di regni in qualche modo sotto l’influenza ittita si affacciava sul mondo miceneo, che, oltre alla Grecia continentale, comprendeva l’intero Mar Egeo e parte della costa anatolica.

Le grandi potenze del Mediterraneo orientale nel XIVH secolo prima della nostra era.

© CC BY-SA 3.0 / Alexikoua

Organizzati in una serie di piccoli stati incentrati su palazzi fortificati, i micenei sono simili ai vichinghi: praticano un misto di pirateria e commercio, e sono in grado di riorganizzarsi per combattere guerre (come la guerra di Troia). È quindi superiore ai minoici, che si stabilirono nel Mar Egeo. Creta, patria di questa civiltà, fu conquistata dagli Achei, una delle tribù micenee, intorno al 1450 aC, seguiti dalle Cicladi, segnando la fine della civiltà minoica. dal quattordicesimoH Un secolo prima della nostra era, gli Achei stabilirono anche contatori a Cipro, il cui stato, sotto l’influenza del regno siriano di Ugarit, era anche cliente dell’Impero ittita, e talvolta dell’Egitto. Misurando la ricchezza dei giacimenti di rame locali, sviluppano l’estrazione, che li porta gradualmente a conquistare l’isola, avviando così l’ellenizzazione.

Il relitto di Uluburun illustra in modo spettacolare questo complesso contesto internazionale. Non si sa da dove provenisse l’equipaggio, ma le 24 ancore in pietra rinvenute indicano un’origine orientale. Oltre a lingotti di rame e stagno, la nave trasportava lingotti di vetro blu, avori di elefanti e ippopotami, varie conchiglie, ceramiche cipriote, maioliche, stoviglie in bronzo e rame, anfore di resina siro-palestinese, ceramiche micenee e ricchi gioielli (soprattutto dal Levante) . , tra cui uno scarabeo che porta il nome di Nefertiti, ambra del nord Europa, strumenti e armi in bronzo, taccuini…

Ritorno in barca a Uluburun.

In mostra al Museo di archeologia subacquea di Bodrum, nella Turchia sudoccidentale, questa ricostruzione indica come la nave affondata fu caricata a Uluburun.

© Museo di Bodrum

Queste cose provengono da un’area che va dal nord Europa all’Africa, dalla Sicilia e dalla Sardegna alla Mesopotamia. Gli oggetti personali rinvenuti nel relitto e la grande ricchezza di questo carico indicano che era destinato a uno stato miceneo, accompagnato da uno dei suoi dignitari. L’analisi degli isotopi di piombo trovati nel rame ha anche mostrato che quasi tutto il metallo proveniva da Cipro. Quindi, una nave, probabilmente proveniente dal Levante, che trasportava un ricco carico miceneo e tonnellate di rame estratto a Cipro sotto il controllo miceneo, era destinata a un porto, probabilmente nel Mar Egeo: Rodi? – quando la nave affondò. Ma dove ha portato il suo carico di stagno?

Per scoprirlo, i ricercatori hanno elencato tutte le fonti conosciute di minerale di stagno in un’area che va dalle isole britanniche all’Asia centrale, e hanno distinto in base alla geologia “minerali mesozoici” (databili tra 252,2 milioni e 66 milioni di anni fa) e “minerali cenozoici”. (meno di 66 milioni di anni) Hanno quindi determinato la firma isotopica dei minerali nell’origine delle leghe del relitto di Uluburun misurando non solo la concentrazione di piombo, ma anche i valori dei rapporti isotopici del piombo. 208Guida /204Guida , 206Guida /204Pb, ma anche il livello di stagno 124 e in alcuni casi la concentrazione di tellurio. Dopo aver confrontato queste firme, i ricercatori hanno concluso che circa il 65% dello stagno proveniva dalle montagne del Tauro, situate nell’Anatolia meridionale, di fronte a Cipro. Questa origine è più plausibile perché tutti i depositi di queste montagne si trovano a circa una settimana di cammino dal porto di Mersin. È probabile che la barca di Uluburun sia andata a ritirare il suo carico di stagno.

Vaso miceneo che mostra guerrieri che vanno in guerra.

“Vaso di un guerriero”, che risale alla fine del periodo miceneo (XIIH corno), raffigurante soldati in partenza per la guerra. Guerrieri vestiti con un corto abito di chitone, indossano una corazza e un elmo. Armato di lance e scudi leggeri. Indubbiamente, in previsione di una lunga marcia, le borse della spesa sono attaccate alle loro baionette.

© CC BY 2.0, Sharon Muleros

Il restante terzo di stagno ha sorpreso molto i ricercatori, perché la sua firma isotopica identifica dove il minerale è stato estratto in Asia centrale, nella regione di Muchiston, in Kazakistan o, per quelli arricchiti in tellurio, nell’attuale Tagikistan – due regioni in cui , secondo i ricercatori, nomadi e minatori vivono nel loro orario di lavoro.

Come spieghi il viaggio di stagno dall’Asia centrale alla regione culturale della Mesopotamia di cui faceva parte il porto di Mersin? Le fonti mesopotamiche risalgono a dopo il 1900 aC e quindi all’inizio dell’età del bronzo, evocano il commercio dello stagno con l’Asia centrale. La preziosa componente bronzea è stata probabilmente trasmessa di tribù in tribù, dall’Asia centrale alla Battriana (oggi Afghanistan), quindi all’altopiano iranico e al bacino mesopotamico. Tuttavia, questo commercio non è menzionato dopo il 1600 a.C. e l’archeologia indica che dopo il 1500 a.C., il popolo della Mesopotamia iniziò principalmente a riutilizzare antichi oggetti in bronzo.

Tuttavia, lo stagno proveniente dall’Asia centrale dal carico del naufragio di Uluburun dimostra che il commercio di stagno con questa regione non si è completamente prosciugato durante la tarda età del bronzo nel Vicino Oriente. Le reti commerciali attraverso le quali lo stagno veniva trasportato nel Mediterraneo devono essere preservate. Ciò dimostra il valore di questo componente essenziale della metallurgia del bronzo dell’epoca. I ricercatori hanno stimato che 11 tonnellate di metallo dal carico della nave Uluburun fossero sufficienti per fabbricare attrezzature per 5.000 soldati. Il destino dei Troiani lo dimostra: i Micenei prendevano molto sul serio l’equipaggiamento dei loro guerrieri.

La sorprendente origine dello stagno di Uluburun

Scarica una versione PDF di questo articolo

(solo per abbonati digitali)

READ  Toux, yeux rouges et nez qui coule… La faute au Covid-19, à la grippe ou aux allergies au pollen?