Novembre 30, 2021

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

La psicologia del dolore cronico?

studiando È stato pubblicato il 30 settembre da un team di ricercatori americani, con l’obiettivo di valutare una tecnologia chiamata Terapia contro il dolore (PRT). Questa tecnica è stata sviluppata dallo psicologo americano Alan Gordon, uno dei coautori dello studio. PRT è un approccio psicologico che mira a decostruire il concetto di dolore nel cervello. L’ipotesi degli autori dello studio è che l’85% delle persone con lombalgia cronica non subisca effettivamente danni fisici come il tessuto danneggiato. È il cervello che genera la sensazione di dolore e la paura che il movimento fisico sia doloroso.

Proprio come il cervello può imparare il dolore da un infortunio, può liberarsi del dolore dopo che il recupero è completo? Questo è ciò che i ricercatori affermano di dimostrare. Il team ha utilizzato la risonanza magnetica (MRI) per misurare l’attività cerebrale. Secondo loro, il 98% del gruppo di studio ha dichiarato di non avere più mal di schiena, o almeno il dolore è migliorato, dopo otto settimane di trattamento PRT. Scansioni MRI frequenti nella stessa direzione. Dopo un anno di trattamento, il 66% del gruppo di studio era ancora privo di dolore cronico.

Lo studio ha coinvolto 151 partecipanti dell’area di Boulder, in Colorado, di età compresa tra 21 e 70 anni, che sono stati assegnati in modo casuale a tre gruppi: un gruppo di studio che avrebbe eseguito un test di ricostruzione (PRT) due volte a settimana per quattro settimane e un gruppo placebo che ricevuto soluzione salina. . iniezioni nella schiena e un gruppo i cui membri hanno accettato di continuare i loro trattamenti abituali.

READ  Il pianeta dei morti: verso un film horror di fantascienza (...)

È troppo presto per dichiarare vittoria

Ma alcuni ricercatori non sono convinti. Lo studio “non aggiunge davvero nulla di nuovo al riguardo. Faccio psicoterapia antidolorifica da molto tempo”, ha detto Gabrielle Bagge, MD, professore nel dipartimento di medicina del dolore presso l’Università di Montreal.

Non voglio che questo studio appaia sui media come un miracolo, o addirittura una svolta in quest’area. Ci sono 1,2 miliardi di persone nel mondo che soffrono di dolore cronico e il loro numero è 150. Inoltre, il loro campione è di parte”, aggiunge il dott. Yoram Sher, direttore dell’Unità di ricerca sul dolore della McGill University.

Secondo il dottor Sher, il campione in studio non sarebbe in realtà rappresentativo di persone con dolore cronico. Del gruppo di studio, solo il 14% non va al lavoro e il 33% afferma di svolgere almeno sette ore di attività fisica a settimana. Prima del trattamento, il dolore medio dei partecipanti era di 4,1 su 10, che è considerato un dolore da lieve a moderato. Alla fine, il dolore non impedisce a queste persone di condurre uno stile di vita attivo.

“Un altro punto da non trascurare è il livello di istruzione del gruppo”, osserva il sig. Scheer. Il tasso di diploma di scuola superiore è del 100%. Tuttavia, “Non dobbiamo dimenticare che molte vittime del dolore cronico sono persone meno istruite, come gli operai. Vengono da me e mi dicono ‘Sei il medico che ha risolto il mio problema’. Non vogliono sapere nulla di la medicina comportamentale come la psicoterapia, vogliono una soluzione esterna.” Come le pillole, spiega il dottore.

READ  Covid-19 - Ammissione in terapia intensiva: sempre più persone sono completamente vaccinate ma i non vaccinati sono ancora la maggioranza

E poi diventa difficile estrapolare lo studio del Colorado. “Vorrei notare che tutti e tre i gruppi di studio hanno riscontrato un miglioramento delle loro condizioni. Anche il 20% del gruppo placebo che ha affermato di essere indolore un anno dopo la fine del progetto”, osserva Yoram Sher.

“La lombalgia cronica è ciclica ed è influenzata da molti fattori esterni come l’ansia e lo stress quotidiano. Lo studio non sembra tenerne conto”, conclude Gabrielle Paget.

– Victor Desilites

Questo articolo è stato prodotto in collaborazione con il corso Sense Journalism condotto da Jean-François Gazzale presso Quality Queensland presso l’Università del Queensland.