Gennaio 20, 2022

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

La nascita del primo franchise Starbucks negli Stati Uniti

Inserito il giovedì 9 dicembre 2021 alle 23:11

I dipendenti della caffetteria Starbucks nel nord degli Stati Uniti hanno ottenuto una vittoria storica giovedì votando per creare un sindacato nei loro stabilimenti, il primo del suo genere negli Stati Uniti.

Dopo l’annuncio dei primi risultati, grida di gioia e abbracci sono esplosi nella stanza dove si erano riuniti i leader della campagna.

“Questo è il culmine di un lungo cammino”, ha risposto Michelle Eisen, che lavora per il caffè in questione da oltre undici anni, in Elmwood Street. La lotta è stata molto dura, dice, “con tutto ciò che Starbucks ci ha lanciato in faccia”.

Due stelle dell’ala sinistra del Partito Democratico degli Stati Uniti si sono rapidamente congratulate con lo staff su Twitter, con Bernie Sanders che ha salutato una vittoria “storica” ​​mentre Alexandria Ocasio-Cortez ha accompagnato il suo messaggio con il pugno alzato.

L’atmosfera è rimasta cupa per qualche tempo, poiché il conteggio dei voti dei dipendenti di un’altra caffetteria nell’area di Buffalo ha mostrato che avevano votato a maggioranza contro la creazione di un sindacato.

Ma i sorrisi sono tornati dopo che i voti sono stati contati a favore del “sì” in un terzo bar vicino all’aeroporto. Poiché sono stati presentati ricorsi dal sindacato e dalla società in questo particolare scrutinio, i risultati finali devono ancora essere confermati ma il sindacato è fiducioso.

“È una grande vittoria, un sogno che si avvera”, ha detto Lexi Rizzo, dipendente di questa struttura.

Ora, dicono i nuovi membri del sindacato, Starbucks dovrebbe venire al tavolo dei negoziati.

READ  Tesla ha ordinato di pagare 137 milioni di dollari a un ex dipendente vittima di razzismo in una delle sue fabbriche

L’azienda continua a ritenere che le condizioni di lavoro offerte non giustifichino la creazione di un intermediario tra dipendenti e management. “Rispetta il diritto dei suoi partner di formare un sindacato”, ha affermato un rappresentante dell’azienda.

Ha aggiunto che Starbucks è ora in attesa di ratificare i risultati la prossima settimana prima di annunciare il prossimo passo.

– ruggito ambientale –

Gli organizzatori della campagna hanno presentato una domanda sindacale “Starbucks Workers Union” (SWU) alla fine di agosto e le schede sono state inviate a tutti i lavoratori il 10 novembre.

Quest’ultimo ha avuto tempo fino a mercoledì per riferirli all’Agenzia statunitense per il diritto del lavoro (NLRB), che giovedì ha condotto il conteggio online.

All’inizio di oggi, non c’era alcun segno del voto storico nella struttura situata in Elmwood Street. I circa dieci camerieri si sono semplicemente precipitati a preparare gli ordini dei clienti.

“Fanno parte della mia vita quotidiana ed è naturale che ricevano uno stipendio decente”, ha detto l’avvocato 60enne Steve Boyd, dopo aver lasciato l’istituto. Se è necessario creare un sindacato per migliori condizioni di lavoro, “li sostengo”.

Come cercare di formare sindacati in un magazzino Amazon in Alabama in primavera, la campagna dei lavoratori di Starbucks ha attirato l’attenzione lontano dalle strade di Buffalo, New York.

Riflette il malcontento dei dipendenti decisi a combattere, in un momento in cui le dinamiche del mercato del lavoro sono loro favorevoli, osserva Cedric de Leon, professore di sociologia all’Università del Massachusetts Amherst.

Mentre molti datori di lavoro faticano ad assumere, “il potere contrattuale dei dipendenti è molto alto in questo momento”, spiega, riferendosi ai numerosi scioperi scoppiati a ottobre o ai milioni di americani che hanno optato per questi. Nei mesi scorsi si è dimesso.

READ  Wall Street chiude i battenti tra rinnovato ottimismo

– ritmi intensi –

Quando è entrato a far parte di Starbucks a maggio, Will Westlake, 24 anni, si è congratulato con se stesso per aver lavorato con un gruppo che brandisce regolarmente valori progressisti e generalmente offre condizioni di lavoro migliori rispetto ad altre caffetterie.

“Ma quando ho iniziato, mi sono reso conto che non era necessariamente così”, ha detto all’AFP. È rimasto particolarmente scioccato nello scoprire che le persone che hanno lavorato per diversi anni guadagnano leggermente di più di lui, ma si sono anche lamentati dell’intensa velocità di lavoro.

I sostenitori del sindacato erano più entusiasti quando Starbucks mostrava resistenza.

Poche settimane dopo aver lanciato la mobilitazione sindacale, il gruppo ha annunciato diverse misure come l’aumento del salario minimo o una migliore considerazione dell’anzianità.

Ma anche lui, secondo gli organizzatori della campagna, ha usato i grandi mezzi per cercare di convincere i dipendenti a votare “no”, in particolare inviando un battaglione di dirigenti distrettuali.

Se il gruppo è molto preoccupato per l’arrivo di un sindacato, anche in una caffetteria, “va bene perché può iniziare un’ondata all’interno dell’azienda”, osserva Cedric de Leon.