Febbraio 8, 2023

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

La fluorescenza rivela modelli nascosti di molluschi del Triassico

Tecnica Fluorescenza UV (I raggi ultravioletti) rivelano tesori nascosti…” È stato utilizzato per la prima volta su conchiglie fossili del Cenozoico, tra -66 milioni di anni fa e oggi. Ma in seguito abbiamo notato che poteva estendersi a esemplari molto più vecchi. dice Jean-Michel Pacaud, direttore della collezione di fossili di invertebrati al Museo Nazionale di Storia Naturale di Parigi.

Una volta posti in presenza di luce ultravioletta, alcuni antichi molluschi mostrano modelli di colore residui che non sono visibili alla luce bianca. Un geologo tedesco ha recentemente studiato questo tipo di luminescenza utilizzato su capesante risalenti al periodo Triassico (da -251 a -200 milioni di anni fa): Pleurite calmante. Il suo studio rivela pattern colorati residui di forme sorprendenti, e potrebbe spiegare l’origine della fluorescenza fossile…

Jean-Michel Pacaud / Esemplare di mollusco bivalve Glycymeris dispar di oltre 40 milioni di anni trovato a Yvelines. Mostra incredibili motivi a zigzag.

>>Leggi anche: E se l’arte murale emergesse dalla mitologia?

I modelli di colore rimanenti cambiano all’interno della stessa specie

La fluorescenza indotta dai raggi UV è nota dagli anni ’60 e ’70. All’epoca il suo utilizzo rimase “aneddotico” con fotografie che evidenziavano gli esemplari studiati. Oggi questa tecnica di visualizzazione rappresenta un ulteriore strumento tassonomico per gli specialisti. Pertanto i modelli osservati potrebbero essere tipici di una particolare specie. “ Questi modelli svolgono un ruolo importante nella sopravvivenza degli individui. Mimetizzandoli, creando repulsione nei loro predatori o consentendo loro di identificarsi a vicenda per la riproduzione spiega Jean-Michel Pacaud.Il geologo Klaus Wolkenstein dell’Università di Göttingen era interessato a 120 campioni di levigatezza P..

A parte le solite bande radiali, notate individui con forme a zigzag. Quasi il 20% della popolazione è stata sottoposta a screening! ” Ciò dimostra ancora una volta la grande variabilità nei modelli, anche all’interno della stessa specie. Ricorda Jean-Michel Bacaud. Quindi cosa porta la brillantezza alla caratterizzazione varietale?

READ  Atelier de science partecipativo “Devenez paparazzi des insectes!” Arboretum Gaston Allard Angers Angers stessodi 4 giugno 2022

Conoscere i diversi modelli di colore residuo inerenti alle specie aiuta a migliorare l’accuratezza della classificazione. Possono essere a zigzag o una completa assenza di un motivo, con alcuni molluschi che mostrano solo una sfumatura uniforme. Fortunatamente per loro, gli specialisti hanno un indizio in più per descrivere la varietà: il suo guscio. ” Informazioni presentate osservando conchiglie fossili del genere Cryptochoda Ad esempio, anche se i pattern rimanenti appartengono allo stesso tipo di pattern (quattro allineamenti chirali di punti luminosi e fluorescenti su uno sfondo scuro), è possibile confermare la separazione di tre diversi tipi Jean-Michel Bacaud spiega.

Klaus Wolkenstein, Università di Gottinga. Diversi colori fluorescenti osservati nei fossili di Pleuronectites laevigatus.

Fluorescenza secondo il luogo di fossilizzazione

Jean-Michel Bacaud è ben consapevole della fluorescenza causata dalla luce ultravioletta. Infatti, nel 2003 ha ridefinito il protocollo sperimentale per migliorare questo metodo, il cui utilizzo gioca un ruolo particolarmente importante nella distinzione tra le specie. Inizialmente, i campioni vengono posti in una soluzione acquosa concentrata di ipoclorito di sodio per 24 ore. Gli esemplari devono essere accuratamente lavati in acqua prima dell’asciugatura per evitare la formazione di depositi di sali di sodio sulla superficie del guscio “, spiega il ricercatore. Ciò si traduce nell’ossidazione dei residui di pigmento fossile. Spostamenti chimici specifici della fossilizzazione”. in questo caso, cosa riflettono gli attuali colori fluorescenti?

Klaus Wolkenstein pensa di avere la risposta. Notare la relazione tra le differenze di colore in levigatezza P. L’origine degli individui fossili. Quelle che si trovano nella Germania settentrionale e in Lorena hanno assunto una tonalità giallo-arancio. La Germania sudoccidentale, a nord-est del Baden-Württemberg, mostrava conchiglie con una lucentezza che andava dall’arancione al rosso. Infine, nel nord-ovest di questa stessa area c’erano esemplari privi di motivi.

READ  Philip K. Dick, la scienza dell'anticipazione

Secondo la biologia, il fenomeno della fluorescenza può essere spiegato dai prodotti alterati (causati dal processo di conversione dei sedimenti in rocce sedimentarie) dei pigmenti piuttosto che dai pigmenti stessi. Ipotesi confermata dalla spettroscopia Raman, che ha evidenziato la conservazione di residui di pigmenti organici con composti aromatici sui gusci fossili. Scoprirai che questi composti sono eccitati dalla luce ultravioletta, che porta al fenomeno della fluorescenza.

>>Leggi anche: La lava basaltica è l’origine della vita sulla Terra secondo questa nuova ipotesi