Settembre 19, 2021

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

La cosa strana… le perle veneziane dell’Alaska

Un promemoria dei fatti

Dieci perle create in Europa si trovano in Alaska. Problema: la loro datazione indica che sarebbero arrivati ​​lì prima della scoperta dell’America nel 1492!

Questi piccoli gioielli di fattura europea, identificati con il nome “II a 40” o prime perle blu, sono stati effettivamente trovati nei Caraibi, nella costa orientale dell’America centrale e settentrionale e nella parte orientale dei grandi laghi. Tuttavia, tutte le perle finora scoperte sono state realizzate tra il 1550 e il 1750, diversi decenni dopo l’arrivo del navigatore genovese. D’altra parte, quelli in Alaska sminuiscono la norma: “Risalgono alla metà del XV secolo”, afferma Mike Koons. Un ricercatore ha messo le mani su queste misteriose perle durante gli scavi in ​​tre siti archeologici dell’Alaska, tra cui Banick Point, un ex campo stagionale precedentemente occupato dal popolo Inuit. È un filo botanico, scoperto su un braccialetto sepolto a pochi centimetri dalla prima perla blu a Panic Point, che ha permesso all’archeologo di effettuare la prima datazione al carbonio-14 del campo. Successivamente sono state eseguite diverse analisi sul carbone. Legno e ossa di caribù sono state rinvenute negli altri due siti archeologici e nei pressi delle perle ritrovate, ei risultati della prima datazione sono stati confermati: le perle sono state trovate in Alaska tra il 1443 e il 1488!

I popoli Inuit erano in grado di realizzare tali gioielli? Per Mike Koons, l’impossibile: “Queste sono necessariamente perle fatte a Venezia, che era l’unico luogo in grado di produrre tali pezzi di vetro nel XV secolo.” Come sono finiti lì allora? Una sola interpretazione, secondo il ricercatore: “Si dice che le perle abbiano attraversato via terra dalla penisola italiana, all’Estremo Oriente attraverso la Via della Seta”. Questo viaggio di oltre 17.000 chilometri li avrebbe portati nello stretto di Bering, dove un commerciante ha potuto guidarli in kayak prima di attraversare 85 chilometri verso l’Alaska”, suggerisce l’archeologo americano, che ha pubblicato i risultati delle sue scoperte a gennaio in il giornale antichità americana.

READ  Quale futuro per gli accademici afgani?

>>Leggi anche: “I vichinghi scoprirono l’America?”

Un nuovo colpo per Cristoforo Colombo, già incoronato sul palo dall’esplorazione vichinga? Non ne sono sicuro: molti degli articoli offerti da Mike Koons sono contestati da specialisti di perle: “Non ci sono prove sufficienti per dire che queste sono davvero perle veneziane. Possiamo solo dire che sono stati realizzati in Europa ”, Commenti Adelphine Bono, professoressa dell’Università di Sherbrooke in Canada, specializzata nello studio delle perle di vetro. Inoltre, la tecnica denominata speu Consentire alle perle di vetro di essere riscaldate e utilizzate in particolare per realizzare queste prime perle blu, non è stato inventato, secondo alcuni specialisti, fino alla metà del XVI secolo!

cento anni fa

Come si spiega in questo caso la datazione di Mike Koons? La datazione al carbonio-14 può essere influenzata da molti fattori, tra cui: Adelphine Bono confessa. Il campione di filamento vegetale potrebbe essere stato ricoperto ad esempio con gomma minerale o cera, che potrebbe falsificare il risultato introducendo il carbonio più antico nella sua analisi. “ Quindi la storia delle perle può essere fatta risalire alla fine del XVI secolo, o addirittura all’inizio del XVII secolo.

Ma la scoperta sarà comunque sorprendente, Entusiasmo del ricercatore. Perché i primi contatti tra i popoli Inuit e gli europei furono accertati nel XVIII secolo. Queste gemme avrebbero raggiunto l’Alaska 100 anni prima di quanto si pensasse. “ E forse questa volta non attraverso lo Stretto di Bering.