Maggio 16, 2022

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Italia e Malta sono state accusate di crimini di guerra in Libia

Tre marocchini sono stati recentemente uccisi in una roccaforte di al-Maya a ovest della capitale libica, Tripoli. Abdelaziz L. Harzi, 30 anni, è morto per le torture all’inizio di gennaio, secondo la ONG Libyan Crime Surveillance. Mohammed Atta, 32 anni, malato, è morto il 3 dicembre 2021 senza cure.

Secondo Hamza Khata, 21 anni, l’ente di beneficenza non ha fornito dettagli sulla sua morte. Ha chiesto l’apertura di un’indagine su questi crimini e altre atroci violazioni dei diritti umani e ha sottolineato la responsabilità delle autorità. libico A Tripoli.

Fatti. Nel Mediterraneo i naufragi di immigrati continuano anche in inverno

Non sono gli unici colpevoli. L’Italia e Malta riconoscono il loro ruolo negli abusi sugli immigrati in Libia, come stupri, torture, persecuzioni, schiavitù e detenzioni arbitrarie. -, sono suscettibili di essere classificati come crimini di guerra e crimini contro l’umanità perché commessi in luoghi di detenzione gestiti da militanti più o meno sotto il controllo delle autorità di Tripoli nell’ambito di conflitti armati.

La CPI indaga sui crimini in Libia dal 2017.

È quanto emerge da un rapporto inviato alla Corte penale internazionale (CPI) dell’Aia il 17 gennaio. Dal 2017 la Libia indaga sui crimini contro immigrati, richiedenti asilo e rifugiati.

Non solo l’Italia e Malta hanno fornito assistenza materiale e finanziaria per l’addestramento della Guardia Costiera libica, ma le autorità europee hanno anche collaborato con la Guardia Costiera per garantire che i migranti in partenza dalla Libia fossero trattenuti in mare e riportati sul suolo libico. Saranno nuovamente detenuti e sottoposti a numerosi abusi. Secondo le ONG, questo coinvolgimento indiretto nei crimini in Libia è ritenuto responsabile dai paesi europei.

READ  L'Italia prepara 5 miliardi dioces dioides face aux prix de linergie

Entro il 2021, 31.000 migranti saranno trattenuti in mare e portati in Libia

Già il 23 novembre, la Federazione internazionale per i diritti umani (FIDH) e altre ONG hanno esortato la CPI a indagare. “Gruppi armati, militanti e attori del governo libico responsabili di questi crimini” E ha elencato 19 libici come criminali. Ha invitato l’Unione europea a sospendere la sua politica di immigrazione filo-libica.

“Le politiche dell’UE hanno intrappolato migranti e rifugiati in Libia, il che ha contribuito in modo significativo a questa terribile situazione”. Affidato ai firmatari. Un approccio simile con la CPI è stato adottato nel giugno 2019 da una coalizione di avvocati.

Fatti. Immigrati: L’Unione Europea e la Libia sono responsabili delle morti nel Mediterraneo

Nel 2021, “I governi dell’UE continuano a rafforzare le politiche lungo la frontiera mediterranea e utilizzano sempre più droni per monitorare l’alto mare”. Lo dice Matteo Villa, ricercatore dell’Istituto Italiano di Studi Politici Internazionali. Secondo lui, 31.000 migranti sono stati trattenuti in mare dalla Guardia Costiera libica e riportati sul suolo libico. L’Alto Commissario per i Rifugiati afferma che 1.971 persone saranno morte e disperse nel Mediterraneo entro il 2021.