Gennaio 20, 2022

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Israele ha iniziato a somministrare una quarta dose alle persone vulnerabili

Israele ha iniziato a somministrare una quarta dose del vaccino alle persone vulnerabili venerdì 31 dicembre, nella speranza di mitigare gli effetti di una nuova ondata di inquinamento legata alla diffusione del tipo Omicron. Il via libera è stato dato dalle autorità sanitarie il giorno prima, e riguarda le persone immunocompromesse. Ad esempio, sono già state somministrate dosi a pazienti che hanno subito trapianti di cuore.

>> Segui in diretta le ultime informazioni sull’epidemia di Covid-19

Inoltre, lunedì l’ospedale Sheba, situato alla periferia di Tel Aviv, ha iniziato una sperimentazione clinica somministrando una quarta dose del vaccino agli operatori sanitari. Gillie Regev Yochai, direttore della Divisione Malattie Infettive, ha aggiunto che somministrare una quarta dose valuterà il potenziale aumento degli anticorpi e l’insorgenza di effetti collaterali e determinerà se riduce il rischio di infezione. “In realtà abbiamo ottenuto buoni risultati con la terza dose, che non ha causato effetti collaterali diversi da un lieve dolore locale”. ha detto Galia Rahaf, specialista in malattie infettive. “Non vediamo l’ora di vedere la risposta a questa quarta dose”.

Un uomo riceve una quarta dose del vaccino contro il Covid-19 il 31 dicembre 2021 vicino a Tel Aviv (Israele).  (Jack Guise/AFP)

Poco dopo l’inizio della vaccinazione delle persone immunocompromesse, il Direttore del Dipartimento della Salute, Nachman Asch, ha autorizzato la somministrazione immediata di una quarta dose ai residenti delle case di cura e ai pazienti nei reparti geriatrici. “Questa decisione è stata presa dopo i timori di un aumento del numero di contagi in queste istituzioni che mettono a rischio la salute di queste persone”.fissata dal Ministero della Salute

Il numero di casi segnalati ogni giorno è di circa un centinaio. Ma entro dieci giorni, quel numero potrebbe salire a 15.000 o addirittura a 20.000, secondo i ricercatori dell’Università Ebraica di Gerusalemme. In un paese di 9,2 milioni di persone, dove più della metà della popolazione ha già ricevuto una dose di richiamo, i casi gravi sono attualmente concentrati in persone non vaccinate, secondo i dati delle autorità.

READ  Dopo il freddo, Omega: questo fenomeno che spiega le previsioni del tempo per i prossimi giorni