Febbraio 6, 2023

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

In visita in Argentina, Lula promette di tornare alla “vita normale” in Brasile

Inserito lunedì 23 gennaio 2023 alle 21:49

Il presidente brasiliano Lula ha iniziato lunedì il suo ritorno sulla scena internazionale con una visita al suo vicino e stretto alleato Argentina, dove ha cercato di rassicurare su un imminente ritorno alla “vita normale” in Brasile, dopo i recenti disordini che hanno minacciato i centri di potere in Brasile. Brasilia.

Tre settimane dopo l’inizio della sua presidenza, e solo due settimane dopo l’attacco bolsoniano alle sedi delle istituzioni brasiliane, Luiz Inacio ha ricevuto lunedì Lula da Silva in visita ufficiale a Buenos Aires. Seguirà martedì nella capitale argentina il Vertice del Gruppo degli Stati dell’America latina e dei Caraibi (CELAC- 33 Stati membri), alla presenza di una quindicina di capi di Stato e di governo.

Lula completerà quindi le sue prime partite internazionali in Uruguay mercoledì, prima di ricevere il cancelliere tedesco Olaf Schultz a Brasilia il 30 gennaio, per poi dirigersi a Washington il 10 febbraio per incontrare il suo omologo americano, Joe Biden.

A Buenos Aires, le domande sulla situazione interna del Brasile hanno preso il sopravvento sul leader della sinistra 77enne, che sta entrando nel suo terzo mandato (dopo il periodo dal 2003 al 2010).

Si è detto convinto, tre giorni dopo il licenziamento del capo dell’esercito, che il Brasile sarebbe tornato “alla normalità” e che le forze armate avrebbero “fatto la loro parte” senza il “servizio politico”, cosa che, a suo dire, sono state in grado di fare. Così sotto il suo predecessore di estrema destra Jair Bolsonaro.

Stava parlando per la prima volta da quando il generale Julio Cesar de Arruda è stato licenziato sabato, due settimane dopo gli attacchi dell’8 gennaio a Brasilia. Il ministro della Difesa aveva fatto riferimento a una “rottura di fiducia” con l’ufficiale.

READ  Ferrari svela Daytona SP3

“Ho scelto un comandante dell’esercito ma non ha funzionato. Ho dovuto sceglierne un altro”, ha spiegato lunedì Lula in conferenza stampa, quando gli è stato chiesto se la fiducia è stata ripristinata o meno con la nomina del generale Tomás Ribeiro Paiva. “Ho fatto una bella chiacchierata con lui. Pensa alle forze armate proprio come me.”

Ha sottolineato che “le forze armate non servono il politico, poiché non esistono per servire il politico”. I militari, come “agenti dello stato, non possono impegnarsi in politica nell’esercizio delle loro funzioni”.

“C’è stato un fenomeno in Brasile (…) non so come spiegarlo, ma Bolsonaro ha ottenuto la maggioranza in tutte le forze militari, dalla polizia di ogni stato alla polizia stradale, parte della polizia militare e i militanti. Sostienilo”, ha aggiunto Lula.

– Un lontano sogno di una ‘moneta comune’ –

A livello bilaterale, il presidente brasiliano è venuto a Buenos Aires per riconnettersi con un forte rapporto bilaterale sin dal suo primo mandato, e ha ricordato la sua gratitudine al suo omologo argentino Alberto Fernandez (centrosinistra) che è venuto a trovarlo in detenzione nel 2019.

Lula, che ha chiesto “perdono agli argentini” per il disinteresse di Bolsonaro negli ultimi anni, ha promesso che alla fine del suo mandato “il rapporto con l’Argentina sarà il migliore (bilaterale) che possa esistere in tutta l’America Latina”.

Il Brasile e l’Argentina, la prima e la terza economia dell’America Latina, hanno firmato lunedì una serie di accordi bilaterali: energia, scienza, sanità, istruzione, agricoltura, finanza…

I due capi di stato hanno discusso le prospettive del gas argentino per il Brasile e dell’elettricità brasiliana per l’Argentina. E anche i primi passi, verso una “moneta comune” dei due Paesi che faciliterebbe le loro transazioni ei successivi scambi commerciali – il Brasile è il primo partner economico dell’Argentina, e l’Argentina è il terzo del Brasile.

READ  Mentre i prezzi del gas aumentano, il carbone brucia

“Vogliamo che i nostri ministri delle Finanze siano in grado di presentarci una proposta” in questo senso, ha detto Lula. “Non sappiamo come possa funzionare una valuta comune in Argentina e Brasile o nella regione. Ma sappiamo come funzionano le economie nazionali con le valute estere…”, ha affermato Fernandez, riferendosi alla dualità monetaria de facto dell’Argentina. economica, con il peso sotto il giogo del dollaro e il suo valore è in costante deprezzamento.

Martedì Lula è stato a Buenos Aires per suggellare il ritorno del Brasile nella Comunità degli Stati latinoamericani e caraibici, forum di dialogo e consultazione tra i Paesi della regione – ad eccezione di Stati Uniti e Canada. Bolsonaro ne aveva allontanato il Brasile, denunciando lo status concesso a regimi “non democratici”, come Cuba, Venezuela o Nicaragua.