Ottobre 17, 2021

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

In Tunisia una manifestazione “contro il golpe” del presidente Kais Saied

Malgré un filtrage et beaucoup de contrôles, plus de 5 000 personnes, selon les observateurs, ont manifesté, dimanche 10 octobre, dans le centre de Tunis pour dénoncer le coup de force du presidente Kaïs Saïed, qui s’est arrogé voir les ples luglio . Secondo una fonte della polizia, all’inizio della manifestazione c’erano almeno 3.000 persone e la folla ha continuato a crescere.

“Sono venuto come democratico e sostenitore di Moncef Marzouki”L’ex presidente tunisino (2011-2014), che vive a Parigi, ha dichiarato all’Agence France-Presse (AFP) di aver acquistato una piccola bandiera da un venditore prima di unirsi alla manifestazione su invito di varie parti contrarie al presidente. , compreso il partito di ispirazione islamista Ennahda.

Questo articolo è riservato ai nostri abbonati Leggi anche La Tunisia di fronte alla deriva autoritaria del suo presidente, Kais Saied

Tuttavia, un’intera parte di Bourguiba Avenue è stata chiusa ai manifestanti. I posti di blocco sono stati istituiti alle estremità con i bagagli controllati e i manifestanti controllati. Alcuni si sono lamentati di intimidazioni da parte di agenti di polizia per impedire loro di andare avanti. Una voce tra la folla ha protestato contro il titolo di Controlli di polizia: “La marcia è a un punto morto, vergognati”.

“La rivoluzione non muore mai”

La maggior parte dei manifestanti si è radunata davanti al Teatro Municipale e nella sezione ad arco del viale Bourguiba che porta in città. “Il popolo è contro il golpe”e Alza la voce, la rivoluzione non muore mai.I manifestanti, tra cui molti uomini e donne che sono stati descritti come simpatizzanti del movimento Ennahda, hanno gridato al presidente Nawar Said.

READ  In Germania iniziano le trattative tra socialdemocratici, Verdi e liberali per formare un governo
Questo articolo è riservato ai nostri abbonati Leggi anche Tunisia, culla della “primavera araba” si arrende ai fischi dell’uomo forte

Dopo mesi di blocco politico e nel mezzo di una grave crisi sociale, economica e sanitaria, il sig. Said ha convocato il 25 luglio ‘pericolo imminente’ Destituire il presidente del Consiglio, sospendere l’attività del Parlamento e ripristinare il controllo della magistratura.

Dopo due mesi di incertezza, Il 22 settembre ha emesso un decreto Che formalizza la sospensione di alcuni capitoli della costituzione e dimostra “Misure straordinarie”, dovrebbe essere temporaneo, che è il tempo di esecuzione “Riforme politiche”compresi gli emendamenti alla costituzione del 2014.

Nel frattempo, il presidente ha tenuto congelati il ​​Parlamento – e gli stipendi dei parlamentari – e lui stesso legifera per decreto e presiede il Gabinetto. Il 29 settembre, l’occhio del mondo Naglaa Boden Primo Ministro Nella notte è atteso un nuovo governo.

Dopo il colpo di stato del presidente, le organizzazioni tunisine e internazionali hanno criticato a “prendere il potere” Hanno detto che temevano per i diritti e le libertà pubbliche.

Questo articolo è riservato ai nostri abbonati Leggi anche “Di fronte al declino dei diritti in Tunisia, la comunità internazionale non deve più ignorare”

Il mondo con AFP