Gennaio 31, 2023

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

In Cina il silenzio delle autorità di fronte alle crescenti manifestazioni politiche contro la strategia zero Covid

Urumqi (Xinjiang), Shanghai, Pechino, Nanjing (Jiangsu), Canton (Guangdong), Zhengzhou (Henan), Wuhan (Hubei), Chengdu (Sichuan), Changsha (Hunan), Chongqing… Da venerdì 25 novembre, decine di Migliaia di persone partecipano a manifestazioni di massa in Cina, nonostante i rischi connessi. Scioperi e proteste sono meno rari in questo Paese di quanto si tende a credere in Occidente. Tuttavia, nessun movimento nazionale di questo tipo è emerso dal giugno 1989.

Leggi anche: Il materiale è riservato ai nostri abbonati In Cina la frustrazione dei giovani per la politica zero Covid prende una piega politica

La politica Zero Covid, i suoi eccessi e le sue conseguenze spiegano le prime mobilitazioni. A Urumqi, la rabbia dei residenti, sottoposti a più di tre mesi di reclusione, è esplosa giovedì dopo che dieci persone sono rimaste uccise in un incendio nel loro edificio le cui uscite erano state chiuse, in base alla politica sanitaria. a Zhengzhou, I lavoratori hanno protestato contro Foxconn, il subappaltatore di Apple Per i bonus promessi ma non pagati e contro le condizioni di vita e di lavoro rese insopportabili dal CovidZero. A Canton, i residenti si sono ribellati a metà novembre contro le condizioni di reclusione disumane.

Ma questo fine settimana, a Shanghai, Nanchino, Pechino, Changsha, Chengdu e Wuhan, le manifestazioni hanno rapidamente preso una piega molto più politica. Puoi sentirlo lì “Xi Jinping, dimissioni”E il “Stop alla presidenza per tutta la vita”E il Non abbiamo bisogno di test, ma di libertà. Ma anche a Pechino, “Ripristina il cinema, ferma la censura”. E ovunque, tenuti a debita distanza, c’erano questi fogli bianchi, simboli di un Paese che non sapeva scrivere ciò che aveva nel cuore, ma che ci pensava ugualmente. A Pechino, domenica sera, hanno manifestato solo poche centinaia di giovani, spesso giovanissimi. Senza dubbio perché quasi tutti gli studenti sono limitati e non possono lasciare il campus. Durante la giornata, secondo i video, diversi studenti della prestigiosa Università Tsinghua hanno chiesto più democrazia. Ancora una volta, per la prima volta dal giugno 1989.

READ  Tensioni Ucraina-Russia: la Francia assicura que "plusieurs centaines" de militaires sont prêts pour un déploiement
Leggi anche: Il materiale è riservato ai nostri abbonati Cina: centinaia di giovani a Shanghai manifestano contro la politica zero covid dopo la tragedia di Urumqi

A questi movimenti collettivi si aggiungono alcuni atti individuali di resistenza. A Pechino, il 13 ottobre, poco prima del Congresso del Partito Comunista, un uomo lo ha fatto infuriare, sventolando uno striscione anti-Xi Jinping, ben sapendo che sarebbe stato arrestato pochi minuti dopo. Il 24 novembre è toccato a un residente di Chongqing denunciare pubblicamente la politica: “C’è solo una malattia al mondo: la mancanza di libertà e la povertà”. Ha governato.

Hai ancora il 62,32% di questo articolo da leggere. Quanto segue è riservato agli abbonati.