Ottobre 17, 2021

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Impegno vaccinale: preoccupazioni di datori di lavoro e dipendenti

Mentre l’obbligo del vaccino è stato imposto dal governo e dal Congresso in Nuova Caledonia, molti dipendenti e datori di lavoro stanno sollevando preoccupazioni sull’amministrazione della misura. spiegazioni.


Dall’istituzione Impegno vaccinaleL’Unione dei dipendenti pubblici riceve molte chiamate dai suoi membri. Preoccupazioni per i diritti e gli obblighi dei dipendenti e dei datori di lavoro.

Oggi cerchiamo di rassicurarli mettendo in chiaro che l’occupazione non è minacciata. L’obbligo del datore di lavoro è di riclassificare l’agente o adattare il lavoro. L’unica punizione che potrebbe esserci è la sanzione di 175.000 che può essere inflitta solo dalla Nuova Caledonia.

Nicolas Labinski, Segretario generale CDF Santé

Dettagli dell’amministrazione di questa procedura

Da martedì la Direzione del Lavoro e del Lavoro ha inviato una nota esplicativa a Gestione delle crisi sanitarie Per tutti i datori di lavoro. Per la domanda: Un datore di lavoro può negare l’accesso all’azienda a un dipendente non vaccinato? Thierry Exozami, Direttore ad interim di DTE risponde:

No, fino al 31 ottobre 2021 le aziende stanno lavorando su procedure, prevenzione, misure di salute e sicurezza, gesti barriera, ecc. Sì, per i settori prioritari e sensibili, datori di lavoro e dipendenti hanno tempo fino al 31 ottobre per la vaccinazione.

Thierry Xozame, direttore ad interim di DTE

Quali sono i rischi sociali di un lavoratore non vaccinato? “Un dipendente che non verrà vaccinato mentre lavora in un settore prioritario e sensibile, è punito con una multa di 175.000 franchi”, aggiunge Thierry Exozami, direttore ad interim di DTE. Inoltre, per un dipendente che rifiuta di essere vaccinato, il datore di lavoro provvederà a riclassificare il lavoro o adattare il lavoro. Si ricorda che un datore di lavoro non può obbligare un dipendente a prendere un congedo retribuito o non retribuito. “No, serve il consenso esplicito del dipendente, dovrebbe esserci proprio un accordo tra le due parti”, aggiunge Thierry Exozami, direttore ad interim di DTE.

READ  buone notizie

Un altro sindacato preoccupato, SGTINC, è la maggioranza all’interno di SLN, avvertendo la sua direzione e il governo dell’incapacità di un’azienda come SLN di riclassificare o sviluppare migliaia di posti di lavoro, alcuni dei quali posizioni di competenza uniche.

“Oggi abbiamo una percentuale in azienda di circa il 20% di vaccinati e l’80% di non vaccinati. Se questo impegno, votato da governo e Congresso, vorrà essere attuato entro il 31 ottobre, non potremo più capovolgi i forni.Ci vorranno dipendenti.Percentuale del momento della vaccinazione lato amministrativo”Spiega Glenn Delatere, rappresentante del sindacato SGTINC. SGTINC richiede urgentemente un incontro con il governo e la direzione di SLN.

Il governo della Nuova Caledonia ha anche pubblicato, giovedì 16 settembre, un comunicato stampa sulla gestione delle crisi nelle aziende in modo più dettagliato:

Dave Wahyu-Hanasson e Cedric Michot riferiscono: