Gennaio 20, 2022

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Il tasso di inflazione negli Stati Uniti sale al massimo degli ultimi 40 anni – 01/12/2022 23:54

Un supermercato a Glendale, California, 12 gennaio 2022 (AFP/Robyn Beck)

Un supermercato a Glendale, California, 12 gennaio 2022 (AFP/Robyn Beck)

I prezzi al consumo sono aumentati vertiginosamente nel 2021 negli Stati Uniti, dove l’inflazione è al livello più alto da quasi 40 anni, una delle principali preoccupazioni per Joe Biden, ma anche per la Banca centrale, su cui ora tutti gli occhi sono puntati.

L’inflazione ha raggiunto il 7% nel 2021, un record per i dodici mesi terminati nel giugno 1982, secondo l’indice dei prezzi al consumo (CPI) pubblicato mercoledì dal dipartimento del lavoro.

Joe Biden, per il quale un costo della vita così alto rappresenta un grave problema politico, ha evidenziato i “progressi” compiuti dalla sua amministrazione, ma ha riconosciuto che “c’è ancora del lavoro da fare, con i prezzi che continuano a salire, mettendo sotto pressione il mercato e il bilancio familiare”.

L’opposizione repubblicana critica il presidente democratico per una politica inflazionistica che implica una spesa eccessiva e denuncia quella che chiama “l’inflazione di Biden”.

Nel solo mese di dicembre, tuttavia, l’aumento è stato inferiore a quello di novembre (0,5% contro 0,8%), soprattutto perché l’aumento dei prezzi dell’energia è rallentato per la prima volta da aprile.

Questo è un “benvenuto rallentamento”, ha accolto con favore il principale consigliere economico della Casa Bianca, Brian Daisy, mercoledì durante una conferenza stampa. “È ancora molto alto, ma sta andando nella giusta direzione”.

Inflazione negli Stati Uniti dal 2001 (AFP /)

Inflazione negli Stati Uniti dal 2001 (AFP /)

Ha anche annunciato nuove misure entro la fine del mese, per ridurre i problemi di congestione nei porti statunitensi e allentare la pressione sui prezzi.

Ora tutti gli occhi sono puntati sulla banca centrale statunitense, che potrebbe alzare i suoi tassi di riferimento prima e più del previsto, nel tentativo di frenare questa inflazione, che fino a poco tempo era considerata solo temporanea.

READ  Il disavanzo pubblico francese è sceso a quasi il 7% del PIL nel 2021

– Numero della legge sul bilancio della Federal Reserve –

“L’inflazione è molto alta”, ha affermato Lyle Brainard, il futuro vicepresidente della società, e la avviserà giovedì durante un’audizione davanti alla commissione bancaria del Senato, secondo la trascrizione che ha pubblicato mercoledì.

“La nostra politica monetaria è focalizzata sulla riduzione dell’inflazione al 2% pur mantenendo una ripresa inclusiva. Questo è il nostro compito più importante”, ha affermato.

La Fed, infatti, si prepara a compiere un delicato atto di equilibrio, alzando i tassi di riferimento per arginare l’inflazione, senza rallentare l’economia, che potrebbe mettere a repentaglio la ripresa del mercato del lavoro.

Ma a dicembre, se la disoccupazione scende al 3,9%, la creazione di posti di lavoro viene ritardata e le disuguaglianze sono molto elevate.

Jerome Powell con Joe Biden alla Casa Bianca il 22 novembre 2021 (AFP/Jim Watson)

Jerome Powell con Joe Biden alla Casa Bianca il 22 novembre 2021 (AFP/Jim Watson)

Il presidente della Federal Reserve Jerome Powell, ascoltato martedì al Senato, ha promesso di agire “di conseguenza” se l’inflazione continua nella seconda metà dell’anno, preparando le menti delle persone a un forte aumento dei tassi di interesse.

Diane Sonk, capo economista di Grant Thornton, osserva che la Fed “è passata da impaziente a in preda al panico di fronte all’inflazione in tempi record”.

La variante Omicron di Covid-19 potrebbe spingere ulteriormente i prezzi, con molti dipendenti messi in quarantena, rallentando di fatto produzione e consegna.

“I continui colli di bottiglia nella catena di approvvigionamento, in un contesto di forte domanda, manterranno l’inflazione a un livello elevato almeno nel primo trimestre”, prevede Kathy Bostancik, capo economista di Oxford Economics.

Nonostante i prezzi elevati, la domanda è ancora molto forte.

– ‘Rallenta un po” –

Tuttavia, sembrano mostrare segni di moderazione. Pertanto, “alcune” delle società intervistate dalla banca centrale statunitense a dicembre in merito al suo Beige Book pubblicato mercoledì “hanno indicato che gli aumenti dei prezzi sono leggermente rallentati rispetto al ritmo sostenuto degli ultimi mesi”.

Questi numeri dovrebbero in ogni caso mettere più leadership nel reparto per il piano di investimenti sociali e ambientali di Joe Biden, “Building Back Better”, già paralizzato dalla sua accusa di inflazione.

Tuttavia, questo 7% di inflazione è molto inferiore al 14,8% che il paese ha registrato nel 1980.

Una stazione di servizio a New York il 12 gennaio 2022 (AFP / TIMOTHY A. CLARY)

Una stazione di servizio a New York il 12 gennaio 2022 (AFP / TIMOTHY A. CLARY)

Ultimamente, un’inflazione alquanto bassa ha preoccupato gli economisti. Nel 2020 era, per l’anno, al livello più basso degli ultimi cinque anni, all’1,4%.

Ma il 2021 è stato segnato da enormi pressioni sulla catena di approvvigionamento globale.

Per attirare candidati, i datori di lavoro hanno anche offerto più soldi e condizioni migliori. Nel 2021, la retribuzione oraria media è aumentata del 4,7%, compensando parzialmente questo aumento dei prezzi, ma facendo salire l’inflazione poiché tali costi sono stati trasferiti sui prezzi.

Altra conseguenza dell’inflazione: il maggior costo del debito statunitense, cresciuto del 15% da ottobre a dicembre rispetto agli stessi tre mesi dell’anno prima, dovuto in particolare ai titoli “inflation adjusted”.

Bur Jules/Dax