Gennaio 29, 2023

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Il Sistema internazionale di unità ottiene quattro nuovi prefissi

L’evento è abbastanza raro da essere sottolineato: è infatti la prima estensione di una gamma di prefissi Il sistema internazionale di unità (SI) dal 1991 – quando apparvero per la prima volta i prefissi zetta (1021), yotta (1024), zepto (10-21) e yocto (10-24). Cioè, l’IS può svilupparsi solo su decisione dei delegati degli Stati membri della Convention du Mètre, che si riuniscono ogni quattro anni a Parigi, in occasione della Conferenza generale su pesi e misure (CGP). Gli studiosi sottolineano che la decisione è stata guidata, tra l’altro, dalle crescenti esigenze della scienza dei dati e dell’archiviazione digitale, che nel prossimo futuro dovranno esprimere quantità con numeri superiori a 1024.

Le misure più grandi e più piccole del mondo

Si tratta quindi di quattro nuovi prefissi, che completano l’elenco SI: due all’estremità superiore e due all’estremità inferiore dell’intervallo. I nuovi prefissi per i numeri molto grandi sono: Runa (simbolo R) per 1027 o 1.000.000.000.000.000.000.000.000 e Quetta (codice Q) per 1030 o 1.000.000.000.000.000.000.000.000.000; Le loro controparti, all’altro estremo della scala, sono: ronto (codice r) per 10-27 cioè 0.000.000.000.000.000.000.000 001 e Una domanda (simbolo q) per 10-30 o 0,000000000000000000000000000001.

Elenco dei prefissi SI utilizzati per formare multipli decimali delle unità SI. Crediti: Laboratorio Nazionale di Fisica

Era importante dare un nome a queste complicazioni prima che venissero adottati i nomi non ufficiali. Infatti da altre comunità. Il dottor Richard Brown, responsabile delle misurazioni presso il National Physical Laboratory del Regno Unito, che ha presentato la proposta, spiega che l’aggiornamento SI è diventato urgente quando ha notato che alcuni media utilizzavano prefissi non autorizzati per archiviare dati, come “brontobytes” e “hellabytes” – entrambi indicano 1027 byte. Il prefisso hella, in particolare, è utilizzato da Google dal 2010”. Questi termini erano in circolazione non ufficiale, quindi era chiaro che l’ISIS aveva qualcosa da fare. Non ha detto.

Leggi anche: Un nuovo disco in grado di memorizzare dati per 13,8 miliardi di anni!

Le unità SI e i prefissi seguono rigide regole ortografiche e tipografiche. I prefissi metrici devono essere abbreviati alla prima lettera; Quindi i prefissi bronto- e hella- furono automaticamente esclusi, poiché i simboli B e H erano già usati in SI – per indicare campo magnetico, bel (B), henry (H), e il prefisso hecto- (h). Le uniche due lettere non ancora utilizzate per altre unità o altri simboli sono R e Q. Per convenzione, i prefissi più grandi dovrebbero terminare in “a”, e quelli più piccoli in “o”. ” La parte centrale delle parole è molto vagamente basata sul greco e sul latino per nove e dieci Marrone continua.

READ  L'infezione batterica è la seconda causa di morte nel mondo

La terra ora pesa sei rungram

ronna e quetta sono probabilmente usati in astronomia, ad esempio per esprimere masse di corpi celesti, specialmente nella scienza dei dati, per esprimere volumi di dati numerici. A questo punto, con yottabyte (1024 byte), siamo già “molto vicini al limite”, Il dottor Brown conferma. Ronto e Keito saranno senza dubbio molto utili alla scienza quantistica e alla fisica delle particelle.

Si noti che questi prefissi, come qualsiasi altro prefisso SI, possono essere utilizzati con qualsiasi unità. Permetterà di semplificare il modo di evocare le cose più grandi e più piccole dell’universo. E così, il massa terrestre, stimato in circa 6 x 1024 kg, è ora pari a sei rungrammi (Rg); La massa di Giove (1,9 x 1027 kg) è di 1,9 chilogrammi (Qg).

Leggi anche: Ora è possibile mettere in tasca un orologio atomico

Dalla creazione di SI, così denominata nel 1960, le esigenze scientifiche hanno portato ad un aumento del numero di prefissi. Questi sono necessari per incoraggiare l’uso delle unità SI e per garantire una comunicazione efficace e standardizzata delle misurazioni tra le diverse discipline tecniche. L’introduzione di nuovi prefissi consente di fornire alla comunità scientifica quantità più appropriate che mai: un prefisso appropriato rende una misurazione più facile da interpretare e comunicare.

Prevediamo di aggiungere nuovi prefissi entro quattro anni? Ciò è improbabile, secondo il Dr. Brown, che ritiene che i nuovi arrivati ​​dovrebbero “il futuro del sistema” e soddisfare le esigenze per almeno i prossimi 20-25 anni.

Unità principali aggiornate

SI è l’unico sistema di unità di misura universalmente accettato e fornisce unità per ogni tipo di misura. Ho beneficiato di una grande promozione quattro anni fa. oltre 26 CGPM : le sette unità di misura fondamentali – il chilogrammo (kg), il metro (m), il secondo (secondi), l’ampere (A), il kelvin (K), la mole (mol) e la candela (cd) – il tutto ridefinito sulla base di sette costanti fisiche, il cui valore esatto è determinato da ultimate.

READ  Crea la tua cometa alla Fête de la science a Marsiglia

Storicamente, le unità di misura erano definite da oggetti fisici o proprietà dei materiali. Per esempio, l’insegnante Era definito dalla lunghezza tra le linee incise su una barra di metallo e il chilogrammo era definito come la massa di un cilindro di platino-iridio. Ma queste rappresentazioni fisiche erano soggette a modifiche nel tempo, oa danni o perdite.

Leggi anche: La definizione del chilogrammo è diventata ufficialmente una quantità!

Nuove definizioni di unità, che ora si basano su costanti naturali (come la velocità della luce nel vuoto, la costante di Planck o anche la costante di Avogadro), e che sono più stabili e ripetibili, soddisfano le esigenze esigenti della moderna ricerca tecnologica e delle applicazioni.

Dal 2019, il secondo è stato definito “prendendo il valore numerico costante della frequenza del cesio, C, e la frequenza di transizione iperfine dello stato fondamentale di un atomo imperturbato di cesio-133, che equivale a 9192.631.770 quando espresso in Hz, un’unità uguale a s-1”. Ma l’Ufficio internazionale dei pesi e delle misure Hanno già pianificato di rivedere questa definizione Perché “alcuni laboratori hanno dimostrato che le scale temporali costruite da uno o più standard di frequenza visiva hanno il potenziale per mostrare una risoluzione maggiore rispetto alla scala temporale basata sull’attuale definizione di una seconda scala”. Varie proposte saranno riviste al prossimo CGPM nel 2026 e una nuova definizione della seconda dovrebbe essere adottata nel 2030.