Dicembre 1, 2022

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Il ritiro di Franck Ribery – La squadra francese: un percorso unico per un giocatore a parte

Il suo primo ritiro internazionale, Franck Ribery, ha annunciato il suo falso nome. Ferragosto 2014. Il 14, per essere del tutto precisi e darvi un’idea dei tempi. Nel cuore del sonno estivo, non si potrebbe fare di più furtivo e lontano dal rumore del mondo. A quel tempo, dopo 81 scelte, Ribery non lo voleva più.

Visse da lontano il Mondiale, per una rimonta ribelle (e anche con il morale basso), il Pallone d’Oro che gli era sfuggito ingiustamente la caduta precedente, anche perché i suoi occhi non erano sufficientemente supportati dal calcio francese: era troppo per un uomo. Era troppo per Ribery, in particolare.

Carattere teso, con la pelle non abbastanza spessa per un uomo del suo calibro, l’attaccante, per tutta la sua carriera, potrà scalare montagne o scendere al 36° posto sotto a seconda del suo umore in quel momento.

lega

Lo annuncia la stampa italiana: Ribery, è finita

11 ore fa

Prima che la stampa italiana annunciasse venerdì il suo ritiro dallo sport, Quindi Ribery era partito per la prima volta. E il suo ultimo sipario è stato con la Francia, la sua scelta, e anche il suo pubblico, con il quale ha condiviso quasi tutto, secondo la sua caduta devastante sul prato, e le sue storie devastanti accanto al rettangolo. Alla fine, il nativo di Boulogne-sur-Mer avrà una corsa piuttosto unica nella storia del calcio francese.

Dopo ZZ, doveva essere Ribery

Questa storia è iniziata a metà degli anni 2000, quando l’UFO Ribéry è apparso sui prati di Metz. Non sapevamo davvero da dove venisse. Sapevamo solo che aveva un impulso potente, una rabbia strana e un certo talento. Passato inosservato tra i giovani per il suo comportamento e in particolare per i risultati scolastici, il reparto che si riconosceva per la cicatrice sul volto ha deciso di non lasciar passare un secondo.

READ  Robert Lewandowski rivela la decisione di Xavi!

Scoperta dal mondo del calcio in Mosella. La sua freschezza, le battute infantili e le parole a volte casuali erano note al grande pubblico in Germania. Convocato da Raymond Domenech quando ha rotto tutto all’OM, ​​sarebbe stato uno dei capitani della squadra francese ai Mondiali del 2006.

Dopo aver sostituito Sylvain Wiltord all’inizio della competizione, marcatore ribelle contro la Spagna e infine titolare principale, Franck Ribery è diventato il successore dei vice campioni del mondo. Zinedine Zidane si è ritirato, un evidente giocatore dell’OM. Si acceca persino. Dopo Zizou, sarà Frankie. Divenne anche un rivale di Thierry Henry. Ribery vuole il capitano, sostiene. Non lo otterrà mai

In ogni caso non farebbe un favore a nessuno, perché l’atmosfera di questa squadra francese senza testa e senza coda – se no, traballante di Raymond Domenech – era imperfetta. Anche il bavarese è coinvolto in questo degrado climatico tra i Blues, in particolare attraverso le sue pretese sulla terra. Possiamo anche passare ore a parlare della sua relazione tossica con Yoann Gourcuff, che a sua volta è diventato il successore di ZZ, cosa di cui non era necessariamente soddisfatto. Diremo semplicemente che ha finito di riempire l’aria nel castello.

L’abisso e l’incomprensibile

Anche in questo periodo la traiettoria ascendente di Ribery ha cominciato a distorcersi e lui ha finito per guardarlo diversamente. Dopo la freschezza, conservare in frigorifero. La questione di Al Zahia, esplosa nella primavera del 2010 – e terminata con la sua uscita nel 2014 – non ha fatto nulla per la popolarità del giocatore. Non più del Mondiale 2010 e il 20 giugno.

Tocca calzini e allaccia la gola su un set Téléfoot Davanti a Domenech non sappiamo bene cosa stia pensando, Ribéry è arrivato quel giorno come un cane ai birilli. Matematicamente parlando, la Francia sta affondando. Le sue lamentele e le “sofferenze” di cui parla, onesto, quelle dei suoi colleghi, la mattina dello sciopero che avrebbe precipitato la Francia nel baratro, non si faranno sentire subito. Ribery è decisamente cambiato quella domenica. Anche il suo rapporto con il pubblico francese.

READ  Il Liverpool firma Manita per Watford

Se l’eccezionale calciatore continua a ispirare rispetto, non bisogna dimenticare di sottolineare che è stato, dal 2006 al 2016, il miglior giocatore dei Blues – e di gran lunga – il cuore è ormai fuori vista. Al termine di un 2013 eccezionale, con la vittoria in Champions League, un playoff pazzesco contro l’Ucraina e le sue ripetute imprese in terra tedesca, ecco cosa non ha potuto fare il Bayern numero 7 quando ha visto la palla. Il ruolo gli scivola tra i piedi. Questo pallone d’oro, se lo meritava così tanto.

Un’ingiusta e programmata estensione del voto all’ultimo minuto, così come la mancanza di sostegno da parte della Francia per il calcio e la delusione di fondo, sarebbero la campana a morto per il suo già gonfio rapporto con la Francia. Lo avremmo rivisto solo durante ventisei minuti d’onore, una sera di marzo 2014 contro l’Olanda. Una delle serate in cui Antoine Griezmann ha onorato il suo primo capo con la squadra francese Didier Deschamps. simbolicamente. Un po’ di più, senza dubbio.

https://i.eurosport.com/2022/10/07/3466398.jpg

Squadra Francia

Dov’è Ribery nella storia del calcio francese?

3 ore fa

Squadra Francia

Qualificazioni Euro 2024: Francia in seconda maglia

25/09/2022 alle 22:54